Le pagelle di Cesena-Empoli 1-3

Le pagelle di Cesena-Empoli 1-3

Queste le pagelle redatte dalla redazione di PianetaEmpoli.it inerenti le prestazioni dei calciatori azzurri usciti vittoriosi per 3-1 dal “Manuzzi” contro il Cesena.   BASSI 7 – Incolpevole sul gol preso è sempre attento e preciso anche se magari, in un paio di occasioni, seppur efficace,

Commenta per primo!

Queste le pagelle redatte dalla redazione di PianetaEmpoli.it inerenti le prestazioni dei calciatori azzurri usciti vittoriosi per 3-1 dal “Manuzzi” contro il Cesena.   BASSI 7 – Incolpevole sul gol preso è sempre attento e preciso anche se magari, in un paio di occasioni, seppur efficace, frettoloso nel rinviare. Importante la parata su Defrel al 4′, avrebbe potuto riaprire subito i giochi, ma altrettanto bella ed importante quella su Succi a 10 dal termine.   LAURINI 6,5 – Una conferma a come questo giocatore, insieme a Croce, sia la bella novità di questa stagione. Soffre un pizzico di più rispetto al compagno dirimpettaio, e spinge un pizzico meno del solito, ma dietro è preciso, un difesore che va più di fioretto che di spada, ma con efficacia.   PRATALI 6,5 – Da li oggi non si passa. Il Pampa ha stretto i denti per tutta la settimana e con la mano fasciata si è presentato in campo per quella che potremmo definire una delle migliori prove corali della difesa.   REGINI 6,5 – E pensare, anche se in carriera l’aveva già fatto, che non sarebbe un centrale. Altra prova convincente di Vasco che ha il merito di rendere sterile l’attacco cesenate che non è certo l’ultimo arrivato. Da rivedere, forse, la posizione che da il gol a Rodriguez (il solito gol preso), ma la prova è ampiamente soddisfacente.   HYSAJ 7 – Aveva fatto un mezzo passo indietro settimana scorsa, ma oggi Elsaid si conferma giocatore che merita la maglia da titolare. Prova d’esperienza, il che è tutto dire per un ragazzo del ’94 che oggi annulla praticamente tutti i pericoli che poteva arrivano dalla sua fascia.   MORO 7 – Solita generosa prestazione del capitano che non si risparmia mai, nemmeno sui duelli di centrocampo con il risultato già ampiamente acquisito. Gara ordinata e precisa in fase di possesso dove non butta mai via un pallone.   VALDIFIORI 7,5 – Se quello di oggi non è il Valdifiori di due stagioni fa, pochissimo ci manca. Perentorio in tutte le sue giocate, bravo sia a difendere che a far ripartire l’azione, e poi, un mezzo voto solo per quel gioiello che si, avrà visto anche la complicità del portiere bianconero, ma ci siamo stropicciati gli occhi per 5 minuti.   SPINAZZOLA S.V.   CROCE 7 – Bella soddisfazione per l’ex Sorrento che trova il suo primo gol in stagione a suggello di una stagione per adesso davvero maiuscola, rovinata in parte da quell’infortunio che lo ha tolto dalle scene per un lungo periodo. Ormai reinventato inerno sinistro del rombo sarriano, punge nel fianco della difesa romagnola facendosi trovare nel punto giusto al momento giusto per il primo gol empolese. Ottimo anche in ripiegamento.   SIGNORELLI 6 – Entra a far rifiatare Croce e svolge il suo compito che è più di interdizione che non di proposizione.   SAPONARA 6,5 – Non ha segnato (ci sta abituando troppo bene) ma ha giocato una quantità di palloni importanti da calciatore di grande personalità. Preciso e puntuale con una grande visuale del gioco, più di una volta cerca di mandare in porta i compagni d’attacco.   TAVANO 7 – Ha fatto quello che doveva. Freddo in occasione del gol che ha congelato il match ed ottimo anche in fase di rifinitura. Messi ormai alle spalle gli acciacchi di inizio stagione, Tavano sta tornando in maniera prepotente.   MACCARONE 6 – E’ la solita gara di Big Mac, tanta quantità ma anche tanta qualità messa soprattutto al servizio della squadra. Lotta generoso in ogni azione, ma un mezzo voto in meno non possiamo non darlo per quanto si è mangiato dopo il secondo gol: lui non puo’ fallire queste cose.   CORI S.V.   ALL. CALZONA (SARRI) 7 – Affitiamo un campo in sintetico? Scherzi a parte, ennesima prova preparata nella migliore delle maniere ed anche senza mister Sarri in panchina le cose sono filate come dovevano. Perfetta la gestione dei cambi. Una squadra che prosegue nel suo grande percorso di crescita, che arriva oggi al 50% del suo cammino verso la salvezza, una salvezza che potrebbe anche iniziare a stare stretta. La squadra è tranquilla e conscia dei propri mezzi e non ha paura a venire su un campo importante come questo a fare la partita. Un inizio che forse, in positivo, sorprende anche lo staff tecnico, ma la sensazione è che adesso, più che mai, ce la possiamo giocare con tutti non essendo, almeno in partenza, inferiori a nessuno. La squadra è sempre stata con il suo mister, un mister che serenamente e silenziosamente, adesso, si puo’ iniziare a togliere alcuni sassolini dalle scarpe. Chapeau.

0 commenti

Commenta per primo!

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy