Le pagelle di Empoli-Modena 4-2

Le pagelle di Empoli-Modena 4-2

Ecco le pagelle relative alla gara odierna degli azzurri, vinta 4-2 contro il Modena, redatte come di consueto dalla redazione di PE.   BASSI: 6  Ha mezza responsabilità sul gol di Moretti che riapre la gara, a sua discolpa c’è che la palla gli è schizzata davanti sul terreno scivol

Commenta per primo!

Ecco le pagelle relative alla gara odierna degli azzurri, vinta 4-2 contro il Modena, redatte come di consueto dalla redazione di PE.   BASSI: 6  Ha mezza responsabilità sul gol di Moretti che riapre la gara, a sua discolpa c’è che la palla gli è schizzata davanti sul terreno scivoloso. Da dire che era stato pronto in almeno due circostanze nella prima frazione a disinnescare le conclusioni di Lazarevic e Surraco, e nella ripresa sul tiro cross di Nardini.   TONELLI: 6 Buona prova la sua, dirottato sulla fascia destra riesce a tenere la posizione e a limitare con abnegazione le avanzate dei Canarini. Inizia un po’ con il freno ma mano ma prende confidenza man mano passano i minuti. Provvidenziale un suo colpo di testa a metà ripresa dove toglie la palla dalla testa di Stanco.   PRATALI: 6.5  Appare in crescita di condizione, rispetto alle precedenti uscite. Attento e concentrato sulle palle alte, in qualche occasione esce con palla al piede dall’area mostrando maggiore personalità rispetto al passato.   REGINI: 6.5 Buona prestazione anche la sua, in mezzo alla difesa ha reso addirittura meglio rispetto alle precedenti prestazioni da esterno. Sempre attento sulle palle alte, e determinato. Coinvolo in un calo della concentrazione della squadra sul 3-0.   HYSAJ: 6.5 Grande prestazione del albanese classe ’94, abile a limitare uno degli elementi più pericoloso e veloce della categoria Lazarevic. Temporeggiando quando occorre mantenendo la calma quando il serbo gli prende campo. Rivelazione, ma non per chi lo conosce da tempo.   MORO: 6.5 Ha macinato una quantità di chilometri incredibile. A quattro minuti dal termine ha la forza di scattare e andare a rimorchio di Maccarone siglando il gol che chiude la partita. Inesauribile.   SIGNORELLI: 6 Alla prima da titolare da il suo contributo, facendo quantità in mezzo al campo, e dando fosforo alla zona nevralgica del campo azzurra. Il ragazzo ha grandi qualità da poter mettere sul terreno di gioco, peccato per alcuni palloni persi in maniera ingenua.   CROCE:6.5 Non è un caso che il suo rientro in squadra abbia coinciso con le due vittorie consecutive degli azzurri. Da profondità al gioco degli azzurri, proponendosi con continuità sulla fascia, ma ripiegando con grande caparbietà e sacrificio in fase di non possesso.   SAPONARA: 7.5 Un lontano parente del calciatore visto in campo nella scorsa stagione. 80′ di grande qualità e dinamismo. Il 2-0 è merito suo con una sgroppata sulla fascia sinistra, quando si accende lui per gli avversari sono guai. Eccellente ed è finalmente sulla strada giusta per diventare il calciatore che tutti crediamo possa diventare.   MCHELIDZE: 6.5 Entra subito nel vivo della gara dando un contributo importante al gol che chiude i giochi con un scatto eccellente, e con un assist che libera Maccarone davanti a Colombi.   TAVANO: 7 Primo gol stagionale e un ottimo assist per Maccarone, testimoniano una prestazione di alto livello, supportata da una condizione fisica in netta ascesa anche se non ancora al top. I suoi spunti mettono in costante allarme la difesa emiliana.   CAMILLUCCI: 6 Entra in una fase delicata del confronto con gli emiliani che premono con veemenza. Lui da un ottimo contributo al centrocampo facendo respirare i compagni con giocate semplici ma efficaci.   MACCARONE: 8 Entra praticamente in tutte le azioni dei gol, sul terzo fa secco il portiere ospite, e sul quarto regala un pallone d’oro a Moro. Rincorre gli avversari e da un contributo indispensabile sulle palle alte, francamente non possiamo chiedergli di più. Straripante anche dal punto di vista fisico.   PECORINI: S.V   All SARRI: 6.5 Anche oggi la squadra si è complicata la vita, certo. Ma ha saputo soffrire nei momenti cruciali del confronto, e davanti a segnato sette gol in due gare con quel trio delle meraviglie, e tutto sommato una difesa rabberciata (complici i tanti inforuni) che ha saputo tenere botta al di là dei due gol subiti. A suo merito c’è anche il fatto di aver cambiato modulo quando nelle prime gare le cose andavano male. Adesso non è stato fatto niente (come niente era compresso prima), bisogna continuare con grande determinazione sulla strada intrapresa a cominciare da Martedì a Bari.

0 commenti

Commenta per primo!

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy