Le pagelle di Empoli-Verona 1-1

Le pagelle di Empoli-Verona 1-1

Queste le pagelle redatte dalla redazione di Pianetaempoli.it inerenti le prestazioni degli azzurri che sono usciti con un beffardo pareggio dal match contro il Verona al “Castellani”   BASSI: 6 Incolpevole sul tiro di Ceccarelli che è stato abile a metterlo fuori causa, gelando il Castellan

Commenta per primo!

Queste le pagelle redatte dalla redazione di Pianetaempoli.it inerenti le prestazioni degli azzurri che sono usciti con un beffardo pareggio dal match contro il Verona al “Castellani”   BASSI: 6 Incolpevole sul tiro di Ceccarelli che è stato abile a metterlo fuori causa, gelando il Castellani; per il resto non è stato mai impegnato mostrando la consueta autorità e sicurezza sbrogliando l’ordinaria amministrazione.   HYSAJ: 7 Viene coinvolto nel black-out degli ultimi secondi, tuttavia la sua prestazione si avvicina a livelli di eccellenza; il suo contributo di spinta sulla fascia destra è continuo. Va continuamente a rimorchio della manovra e quando spinge fa molto male. Messo in maniera “anomala” a destra.   TONELLI: 6.5 Anche lui come tutti gli elementi del pacchetto arretrato ha responsabilità in occasione del gol degli scaligeri in pieno recupero; la sua prestazione nel complesso è valida, molto concentrato e attento, preciso negli anticipi non disdegnando a spingersi in avanti sulle palle inattive.   REGINI: 7 Anche per lui vale lo stesso discorso fatto per gli altri elementi della difesa, dimostra ancora una volta grande autorevolezza e sicurezza al centro. Ormai sembra che questo ruolo calzi a pennello per lui.   ACCARDI: 6,5 Molto importante il suo recupero, anche per il contributo di esperienza che può dare ad una difesa dall età media molto bassa. Buono il suo impatto sulla fascia sinistra, fino a quando la condizione inevitabilmente precaria non costringe il mister al cambio.   ROMEO: 6 Importante il suo rientro in squadra, dopo due mesi sicuramente difficili per il difensore palermitano che hanno seguito le prestazioni sicuramente negative della prima parte del campionato. La risposta che ha dato è stata positiva, anche lui poteva fare qualcosa di più sull’ultima azione dei gialloblù, comunque quella di oggi potrebbe essere una iniezione di fiducia per lui.   VALDIFIORI: 7.5 Un gigante in mezzo al campo e non solo, davvero eccellente la sua prestazione per quantità e qualità. Da profondità e geometrie alla manovra degli azzurri, rincorrendo e pressando gli avversari dando una grande mano dietro. Numerose sono state le palle che ha rubato in mezzo al campo. Stratosferico.   MORO: 6.5 Consueta gara generosa la sua, sul settore di centro-destra dove sta dimostrando di sapersi adattare, come a Cittadella un suo tiro da fuori area sfiora il palo alla destra del portiere avversario. Instancabile.   SIGNORELLI: 6.5 Buona la prestazione del venezuelano che si è visto sbarrare la strada nel primo tempo da un Rafael in versione superman. Si sta ritagliando un suo importante spazio nello scacchiere di Sarri. In crescita.  

SAPONARA: 8 Il suo è un gol da stropicciarsi gli occhi e smettere domani, è una rete che probabilmente la rivedremo a fine stagione a giocarsi il premio di gol più bello. Per il resto quando accellera è devastante, le tre ammonizioni che ha procurato ne sono una dimostrazione eloquente. E’ cresciuto moltissimo sotto l’aspetto caratteriale, anche lui lo ha sottolineato nel dopo partita ammettendo che in altre circostanze si sarebbe nascosto, e adesso è l’uomo in grado di far il salto di qualità alla squadra. Qualcuno, se ancora fra noi potrebbe dire: “Ah, come gioca Saponara”

  PUCCIARELLI: 6.5 Ritrova la maglia da titolare dopo oltre due mesi, pur soffrendo inevitabilmente il terreno pesante, si fa apprezzare per alcuni buoni spunti sulla destra dialogando efficacemente con i compagni e non disdegnando ad aiutare la squadra in fase di non possesso.   MCHELIDZE: 6 Buono il contributo fornito dal georgiano nella fase finale del confronto, con la sua fisicità ha messo in difficoltà i centrali scaligeri. Sfiora il gol con una bomba su punizione nei minuti finali. Se recupera la condizione sarà una freccia in più.   TAVANO: 6 Soffre come Pucciarelli il terreno pesante, che gli impedisce di essere incisivo come altre volte. Peccato per il gol mancato in apertura dove calcia troppo debolmente con il piatto. Tuttavia la sua è una gara molto generosa, adoperandosi anche in fase di non possesso.   CROCE: S.V Non gli diamo la valutazione per ovvie ragioni, ma il suo recupero è molto importante.   MISTER SARRI: 7.5 Per 94 minuti e 55 secondi un Empoli che ha dominato l’avversario, mettendo in mostra un calcio di pregevole fattura, su un campo scivoloso come quello di oggi la squadra gioca palla a terra, con sovvrapposizioni continue sugli esterni. La squadra ha collezionato una quantità innumerevoli di palle gol, e non ha concesso niente se si escude quei drammatici (calcisticamente parlando) 10 secondi. Proviamo ad analizzare con maggiore lucidità, passata l’amarezza e la rabbia del primo momento. Gli azzurri che ricordiamo in estate sono partiti con l’obiettivo di salvarsi, chiudono il girone d’andata con 11 punti di margine sulla zona pericolosa, e in piena zona play-off imbattuto da 7 turni, uno dei migliori attacchi della serie b, e la difesa che ha denotato grandi miglioramenti. Oggi è stata interrotta una imbattibilità di 300 minuti, altre notizie positive il ritorno di Accardi e il rientro di Mchelidze. Adesso c’è da dimenticare l’amarezza della beffa di oggi, e vedere tutte le cose positive emerse da questa partita, e continuare a lavorare con determinazione e convinzione per la difficile trasferta di domenica al Granillo di Reggio Calabria, che gli azzurri giocheranno per la prima volta nell orario particolare delle 12:30.

0 commenti

Commenta per primo!

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy