Le Pagelle di Torino-Empoli 0-1

Le Pagelle di Torino-Empoli 0-1

Ecco le pagelle inerenti le prestazioni dei calciatori azzurri, relativa al posticipo di oggi sul terreno del Torino, che li ha visti espugnare l’olimpico di Torino per 1-0 e conquistare la matematica salvezza. Redatte dalla redazione di Pe.   SEPE: 6.5 Per oltre un’ora autentico spettatore

Commenta per primo!

Ecco le pagelle inerenti le prestazioni dei calciatori azzurri, relativa al posticipo di oggi sul terreno del Torino, che li ha visti espugnare l’olimpico di Torino per 1-0 e conquistare la matematica salvezza. Redatte dalla redazione di Pe.   SEPE: 6.5 Per oltre un’ora autentico spettatore della gara o quasi. Nel finale il Torino lo chiama in causa per due volte su tiri di Quagliarella, dove ha il merito di farsi trovare presente disinnescando le minacce con prontezza di riflessi e autorità. Per il resto ordinaria amministrazione.   HYSAJ: 6.5 L‘albanese si occupa prevalentemente della fase difensiva spingendosi raramente nella metà campo avversaria. Se la deve vedere con El Kaddouri, che in qualche frangente lo mette in difficoltà ma riesce a tenere botta e non perdere le distanze dall’avversario diretto.   RUGANI: 7 Autorevole il “Golden Boy” azzurro a disinnescare sistematicamente tutti i cross che piovono dalle sue parti. Grande senso della posizione e capacità di lettura in ogni situazione, oltre a una grande lucidità nei momenti topici del confronto, anche quando il Torino spinge.   BARBA: 7.5 Ha il merito di rispondere presente tutte le volte che viene chiamato in causa. Squalificato Tonelli, il romano va a fare coppia con Rugani, costituendo una diga insuperabile per i granata. Sempre attento a sporcare i palloni avversari, a sparacchiare lontano quando se ne presenta l’occasione. Prestazione suntuosa la sua, che testimonia una crescita esponenziale.   MARIO RUI: 6.5  Un grande peccato l’ammonizione subita nella ripresa  che gli costerà il derby di domenica. Per il resto prestazione molto generosa, fatta di applicazione e abnegazione soprattutto in fase di non possesso. Dalle sue parti gli esterni del Torino faticano a sfondare.   VALDIFIORI: 6.5 Consueta lucida regia in mezzo al campo. Ai suoi avversari diretti  concede qualcosa sul piano fisico, ma riesce a compensare con la tecnica e la sua grande intelligenza tattica. Soprattutto nella prima parte della gara fa girare la squadra al meglio; cala alla distanza, soffrendo come altri, il gran caldo di oggi.   torino-empoli (6)VECINO: 6.5 Quantità e qualità dell’uruguaiano, che sfiora anche il gol in apertura di gara, con un buon inserimento a fari spenti nell’area avversaria: solo il palo gli nega la gioia del gol. Per il resto gran lavoro sia in fase di impostazione, cucendo gioco per i compagni, che in fase di non possesso.   SIGNORELLI: S.V   ZIELINSKI: 6.5 Sarri gli dà la maglia da titolare e lui risponde presente, dando il suo contributo nella metà campo avversaria con qualche buona accelerazione. Si accende a tratti, ma quando lo fa dimostra a pieno le sue qualità; se riuscisse a essere più continuo potrebbe essere ancora più decisivo.   CROCE: 6 Il prestigiatore entra a metà della ripresa e dà un prezioso contributo di energie e dinamismo in mezzo al campo. Fondamentale il suo apporto in fase di non possesso e di mantenimento della palla.   SAPONARA: 7 Momento di forma psico-fisica eccezionale quello di “The Magic”. E’ in un periodo nel quale quando attacca la profondità è mortifero per le difese avversarie, sistematicamente spaccate dalle sue accelerazioni. Anche oggi in un paio di circostanze sfiora il gol, dando qualità alla nostra trequarti.   PUCCIARELLI: 6 In leggera crescita rispetto a qualche partita fa, dialoga con efficacia con i compagni, cercando la posizione giusta per far male. Non concretizza al meglio un errore di Padelli, finendo poi per farsi rubare palla del portiere granata. Tuttavia eccellente il suo lavoro in fase di non possesso.   MACCARONE: 6.5 Big-Mac, come al solito, lavora su tutto il fronte d’attacco azzurro, dialogando con i compagni e provando, quando se ne presenta la necessità, la stoccata personale. Come altre volte mette in campo grande generosità anche in fase di non possesso, dove non disdegna a ripiegare aiutando i compagni.   MCHEDLIDZE: S.V   SARRI: 8 Salvezza con quattro giornate di anticipo, espugnando Torino, contro i granata che venivano da una serie positiva importante. I detrattori potranno dire che la vittoria odierna è arrivata grazie ad una clamorosa autorete di Padelli, però i nostri hanno colpito un palo e una traversa, sfiorando il gol in altre circostanze. In più, come a Bergamo, Sarri è corso ai ripari nel finale passando al 4-5-1 e la squadra ha dimostrato di saper soffrire. Insomma, è arrivato un risultato che forse nessuno si aspettava, visto che molti davano gli azzurri retrocessi in partenza.

0 commenti

Commenta per primo!

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy