L’ex Gigi Cagni: “che lo spettacolo abbia inizio”

L’ex Gigi Cagni: “che lo spettacolo abbia inizio”

Attraverso il proprio portale ufficiale l’ex tecnico azzurro, che con l’Empoli ha ottenuto in Serie A un ottavo posto (2005/06) ed un settimo posto con qualificazione in Coppa Uefa (2006/07), scrive una vera e propria lettera al calcio italiano. Una bellissima lettera che dovrebbe far riflettere sug

Attraverso il proprio portale ufficiale l’ex tecnico azzurro, che con l’Empoli ha ottenuto in Serie A un ottavo posto (2005/06) ed un settimo posto con qualificazione in Coppa Uefa (2006/07), scrive una vera e propria lettera al calcio italiano. Una bellissima lettera che dovrebbe far riflettere sugli attuali problemi del calcio italico. Ve la riportiamo integralmente anche su PianetaEmpoli. (Gabriele Guastella)

 

Gazzetta del 9 marzo ”Il calcio italiano non è più competitivo eppure spende troppo e non ha idee”, soluzione : tetto alle rose, torneo a 18 squadre e nuovi ricavi.

Gigi Cagni ai tempi di EmpoliChe noi si debba cambiare le strutture e il modo di creare business con riforme di sistema, è indubbio. Ma se si pensa di risolvere tutto in questo modo non credo andremo molto lontano. Mi soffermerei sul termine “idee”, aggiungendo, miglioramento della cultura calcistica e di avvicinamento ad una mentalità europea di “spettacolo”. Forse non si è capito che in tutti i paesi europei il “risultato” non è al primo posto nella mentalità sportiva. Il primo pensiero, per loro, è fare stare comodi gli spettatori e farli divertire con un calcio offensivo e non necessariamente legato al risultato. Il secondo è usare i media per informare e non per creare polemiche. Detto questo, secondo me, è inutile fare nuove regole e cambiamenti strutturali se non si cambia la cultura (calcistica naturalmente) e il modo di informare. Sono stufo di sentire in qualsiasi trasmissione di qualsiasi tipo, dire che viene mandato in onda quello che la gente vuole e che se non ci fossero polemiche o scandali non la guarderebbe nessuno. Non siamo così retrogradi e ignoranti, anzi. Perché non iniziare a fare il contrario. Non so quanti siano gli italiani che guardano le trasmissioni sportive ma, sicuramente, se ci fossero più approfondimenti tecnici con immagini e meno moviole con estenuanti dibattiti polemici, gli spettatori aumenterebbero. Farei anche trasmissioni con arbitri che spiegano il regolamento visto che, alle volte, anche gli addetti ai lavori non lo conoscono. Farei vedere come le due tifoserie all’estero: entrano, si siedono, fruiscono della partita, escono e se ne tornano a casa. Cercherei di fare diventare il calcio un argomento di crescita culturale e civile per renderlo accessibile a tutti, soprattutto i giovani. Non vorrei più sentire gente che dice: ”basta non porto più mio figlio allo stadio perché ho paura”. Quindi ribadisco il concetto che mi premeva dire. Non è che se fai la serie A a 18 squadre o riformi il sistema riesci a rimediare il gap con il resto dell’Europa. Quello che serve a noi è che tutti si muovano per far avere al “vero tifoso calcistico italiano” il luogo più adatto per godersi uno spettacolo emozionante ma, al tempo stesso, privo di pericoli e stress inutili.

Gigi Cagni

0 commenti

Commenta per primo!

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy