Che il Bari creda ancora nei playoff lo dimostrano le parole dette oggi da Fernando Forestieri in conferenza stampa: “D’ora in poi ogni gara sarà una finale”, ha dichiarato l’italo-argentino, come a voler sottolineare che per arrivare tra le prime sei la squadra di Torrente dovrà provare a vincerle tutte. A partire dalla prossima gara contro l’Empoli, su cui il fantasista s’è espresso così: “A gennaio hanno preso grandi giocatori, hanno un bel gioco e la necessità di fare punti: dobbiamo stare belli svegli”. Una match particolare, per Forestieri, quello contro i toscani: “Sono un ex e quindi sabato troverò molti miei vecchi compagni. Ad Empoli penso di aver fatto bene, ma ora sono a Bari e speriamo di fare risultato”. Insomma, niente sconti per la sua vecchia squadra: “Quando entri in campo non guardi in faccia nessuno, come dice metaforicamente il mister in campo bisogna essere pronti anche ad ammazzare la mamma. Poi, certo, dopo la gara, tutti amici come prima”.

 

Infine, Forestieri, che all’andata fu il match winner, ha detto la sua sui limiti del Bari di quest’anno: “Abbiamo fatica ad essere squadra, spesso abbiamo regalato punti per disattenzioni, specie su calcio d’angolo”. Errori che d’ora in poi, se l’obiettivo è tenere vivo il sogno playoff, i galletti non potranno più commettere.

tuttobari.com

CONDIVIDI
Articolo precedenteTV | Il pregara di mister Aglietti
Articolo successivoWeek end azzurro giovani – Le gare del 17 e 18 marzo
Giornalista pubblicista, da sempre tifoso azzurro è tra i fondatori di Pianetaempoli.it sul quale scrive ininterrottamente dal 2008. Per PE, oltre all'attività quotidiana, si occupa principalmente delle interviste post gara da tutta Italia. E' stato speaker ufficiale dell'Empoli FC per 5 stagioni.

8 Commenti

  1. Tu sei il più adatto ad inserirsi negli schemi di un mr. che dice che in campo si deve essere pronti “anche ad ammazzare la mamma”… mi sa che non trovi alcuna difficoltà…

  2. Non ho nulla cotro El Topa (sopratutto contro la topa)….Basta che un segni!
    E intanto ammazzo il tempo con le cazzate(invece di ammazzare le mamme) e ora vado a comprare il biglietto.
    e domani ci riperdo la voce…

  3. Visto che il topa all’andata quando ci fece goal esplose in una festa…
    Domani dobbiamo faccielo rimanere male, sia lui, sia il Bari che crede ancora ai play off con kutzov davanti… Roba da pazzi..!!!!!
    Domani partita importantissima, se si vince cambieranno molte cose, dai ragazzi!!!!!!!

    • Io invece di sottolineare il fatto della sua esultanza per il goal contro l’Empoli…cosa che in ogni caso ritengo giusta perchè il goal deve essere un esplosione di gioia e lo deve essere anche per il rispetto della maglia che si porta in quel momento….Ma cosa vuol dire rispettare la maglia per cui si e giocato l’anno o gli anni prima…..se uno ha la sfortuna nella sua carriera di segnare sempre contro le squadre in cui ha giocato,non puo’ gioire nemmeno una volta…..ma per favore…finisca questa cavolata…..Dicevo…invece di sottolineare questo,vorrei ricordare di come si comporto’ in campo alla fine della partita con il Padova(se non sbaglio)quando insieme ad altri ando’ a cercare l’applauso degli ultras Empolesi dopo una prestazione indecente da parte della squadra….Qualcuno ricorda cosa fece…quando gli ultras contestarono la squadra e lui?Bè per chi non ricorda eo non c’era…”Alzo’ il braccio e li mando’ a quel paese” poi in un secondo tempo chiese scusa…..non mi pare avesse avuto tutto questo amore per i suoi tifosi….

  4. Ti devo dare ragione..pero’ per me la sua esultanza fu’ troppo eccessiva, anche per il nostro rispetto ( essendo stato anche ad Empoli) perché se ricordo……con quel goal ci aveva affondato in classifica..!!!!

  5. I FISCHI COME È GIUSTO CHE SIA SE LI SON PRESI QUEL BUBBONE DI FABBRINI, QUEL BRICCONE DI MUSACCI E QUEL PANTOFOLAIO DI SAPONARA

    SIETE INDECENTI A FARE QUESTI DISCORSI. POZZI È STATO TUTTA LA PARTITA A PROTESTARE E A OFFENDERE E QUANDO SEGNO CONTRO DI NOI ESULTÓ.
    Ma di cosa state parlando?? Se parlate di bubboni andAte a pescare a Udine

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here