Ecco per voi i nostri Più e Meno, aspetti positivi e negativi del prossimo match. Cominciamo dai Meno.

1) LA STRARIPANTE FORZA DELLA ROMA IN ATTACCO

Ventisei reti all’attivo per la Roma di mister Spalletti, che al momento è il miglior attacco della Serie A. Una media davvero spaventosa per una squadra che quando ha vinto lo ha quasi sempre fatto in modo altisonante. Inutile dire che la difesa dell’Empoli dovrà stare attenta, perché i pericoli arriveranno da ogni dove.

2) LA PAURA CHE ATTANAGLIA GLI AZZURRI

Anche contro il Napoli si è notata l’attuale paura che affligge gli azzurri, bloccati mentalmente per larghi tratti del match. Un problema serio per Martusciello, che dovrà lavorare molto sulla testa dei suoi giocatori.

3) LA GROSSA DIFFERENZA TRA I DUE CENTROCAMPI

Almeno fino a questo momento il paragone tra il centrocampo romanista e quello empolese è impietoso. Certo, le differenze tecniche di partenza ci sono eccome, ma questo primo scorcio di campionato ha mostrato tutte le difficoltà della nostra mediana.

Passiamo ora ai Più.

1) LA DIFESA DELLA ROMA NON È INSUPERABILE

Se dell’attacco abbiamo parlato come il punto forte della squadra giallorossa, altrettanto non può dirsi per la difesa. La Roma ha subìto dodici reti, molte delle quali in trasferta. Vero che gli attaccanti azzurri non stanno attraversando un bel momento, ma la Roma qualche pecca dietro ce l’ha sicuramente.

2) LA DIFESA DELL’EMPOLI

Il reparto che fino a oggi ha reso di più è sicuramente la linea difensiva. Martusciello ha ruotato molti giocatori, per turnover o perché costretto dagli infortuni, e la difesa, pur cambiando molto, è riuscita spesso a farsi valere.

3) SUPER SKORUPSKI

Le ultime prestazioni di Lukasz Skorupski sono state semplicemente fantastiche. Il portiere polacco si è reso protagonista di numerosi interventi decisivi e la gara con la Roma potrebbe incentivarlo ulteriormente, visto che giocherà contro la squadra che ne detiene il cartellino.

1 commento

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here