L’avversaria | L’Hellas Verona di Andrea Mandorlini

L’avversaria | L’Hellas Verona di Andrea Mandorlini

Quando mancano solamente tre giornate, il prossimo avversario degli azzurri sarà l’Hellas Verona di mister Mandorlini. I veronesi sono attualmente a pari punti con l’Empoli e vorranno tornare al successo dopo il pareggio nel derby contro il ChievoVerona. Vediamo quali sono i punti di forza di quest

Commenta per primo!

Quando mancano solamente tre giornate, il prossimo avversario degli azzurri sarà l’Hellas Verona di mister Mandorlini. I veronesi sono attualmente a pari punti con l’Empoli e vorranno tornare al successo dopo il pareggio nel derby contro il ChievoVerona. Vediamo quali sono i punti di forza di questa squadra:   toniLA ROSA Mandorlini può usufruire di una rosa competitiva, partendo naturalmente dai pali, dove durante tutto l’arco della stagione si sono alternati i vari Rafael, Gollini e Benussi. La linea difensiva, solitamente a quattro, è composta da calciatori forti fisicamente soprattutto al centro, dove trovano posto Rafa Marquez, il suo quasi omonimo Rafael Marques, Moras, Sorensen o Rodriguez; sugli esterni una vecchia conoscenza del calcio empolese, Agostini, e l’ex palermitano Eros Pisano. Si passa poi al centrocampo, di solito a tre, nel quale troviamo l’islandese Halfredsson, il greco Tachtsidis, la new entry Obbadi o Greco. Infine, l’attacco è un tridente nel quale Toni è il leader indiscusso ed è accompagnato da calciatori veloci e tecnici quali Juanito Gomez, Saviola, Sala o Nico Lopez.   COSA TEMERE DI PIÚ L’attacco è il punto di forza dei veronesi ed è, manco a dirlo, incentrato sulle qualità fisiche e tecniche del sempreverde Luca Toni, autore già di 19 gol nel campionato italiano.   COSA TEMERE DI MENO La difesa dell’Hellas non è certamente irreprensibile, i centrali paiono sì forti sul piano fisico e atletico, ma non fanno della velocità la loro dote migliore.   Simone Galli

0 commenti

Commenta per primo!

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy