A tre giorni dalla sfida contro la Juventus e prima dell’allenamento odierno ha parlato il capitano degli azzurri Massimo Maccarone. Ecco il contenuto del suo intervento:

 

“Non so se sia un momento ideale per affrontare la Juve, in realtà credo che un periodo ideale non ci sia per giocare contro queste squadre, Veniamo da risultati positivi, incontrare una grande non ti permette di avere cali di tensione, noi non ci possiamo permettere questi cali perché sennò diventiamo una squadra normale. Difficoltà della Juve in questo inizio campionato? Parliamo di una squadra che ha vinto 4 maccarone conferenza 5 novembre 2015scudetti consecutivi, quest’anno sono partiti giocatori importanti ma ne sono arrivati altri che hanno bisogno di ambientarsi ma che sono comunque forti. Può capitare, ma non si può discutere il loro valore. Se è cambiato qualcosa nell’Empoli nelle ultime giornate? Penso che all’inizio a questa squadra mancavano solo un po’ i risultati, poi quando sono arrivati è stato più facile preparare la partita perché acquisisci in sicurezza. Questa squadra aveva bisogno di ambientamento e di fare conoscenza, si stanno integrando tutti perfettamente. Se da Frosinone qualcosa è cambiato? Abbiamo fatto una vittoria dopo quella partita e ci ha ridato morale, ma secondo me nelle due partite contro Frosinone e Atalanta non meritavamo di perdere, siamo stati condizionati dagli episodi. Non abbiamo mai perso strameritando di perdere, abbiamo fatto ottime partite. La squadra aveva bisogno solo di crescere e avere l’episodio fortunato che ti fa vincere la partita. Se è giusto non fare paragoni con lo scorso anno? Sì, è cambiato tanto anche se quasi lo stesso modo di giocare ma è completamente diverso, abbiamo un’altra identità. Bisogna integrarsi ma cercare di migliorare e guardare avanti, possiamo dare ancora di più, sono arrivati giovani con grandi qualità che possono migliorare. Il mister? Si è calato nella realtà con grande umiltà, non ha voluto stravolgere tanto e secondo me si è messo a disposizione perché è giusto essere così per fare una squadra. Aveva tanta voglia di riscatto visto che, come ha detto tante volte, negli ultimi 6 anni ha avuto parentesi poco fortunate. L’arma migliore a nostra disposizione è il collettivo, dobbiamo fare una grande partita sotto il profilo caratteriale, non avere paura e giocare con umiltà e penso anche con la consapevolezza che siamo in un momento positivo e che vogliamo sfruttarlo. Che tipo di Juve è questa? L’anno scorso erano in un momento migliore, viene con meno certezza, dobbiamo cercare di sfruttare le loro incertezze. Daniele Rugani così tante difficoltà? Non me lo aspettavo, pensavo che facesse più partite, ma ha anche giocatori importanti davanti, sicuramente lo aiuteranno a crescere ancora di più e poi una volta che avrà le possibilità sfonderà nel grande calcio. Daniele è un ragazzo bravo, ha grandi qualità e ampi margini di miglioramento. Io sto bene, anche contro Genoa e Samp ho giocato due partite ravvicinate senza accusare problemi fisici. Certo, devo avere più continuità in zona attacco, devo tirare più in porta. In avanti facciamo un gran lavoro, è importante per noi dare noia ai difensori per primi. Cosa ne penso di Livaja? Marko è migliorato molto e ha grandi qualità, a Palermo ha fatto una partita di sacrificio, ha fatto tutto quello che doveva fare in fase di non possesso, si è sacrificato molto ed è andato anche vicino al gol nel primo tempo: diventerà un gioicatore importante”

 

Simone Galli

CONDIVIDI
Articolo precedenteNews da Vinovo
Articolo successivoNAZIONALE UNDER 19 |Convocati (5a volta stagionale) Borghini e Picchi
Empolese DOC e da sempre tifoso azzurro, è un amante delle tattiche e delle statistiche sportive. Entrato a far parte della redazione di PianetaEmpoli.it nel 2013, ritiene che gli approfondimenti siano fondamentali per un sito calcistico. Cura molte rubriche, tra cui i "Più e Meno" e "Meteore Azzurre.

9 Commenti

  1. Apprezzo le parole di Big Mac

    ma sinceramente a Frosinone si è fatto pietà
    c’hanno preso a morsi e noi ci siamo fatti mordere
    idem dieci minuti a Roma senza opporsi
    sono cose che non sopporto e non sopporterò mai

    Quando invece decidiamo di metterci l’anima
    senza perdere di vista il gioco diventiamo bravissimi
    Palermo, Genoa e Sassuolo sono state vinte con sacrificio
    difficoltà abnegazione e voglia di resistere….

    Che queste qualità ci accompagnano sempre ogni domenica

    CON IL COLTELLO TRA I DENTI…..ASSALTIAMOLI

  2. Sicuramente però io con il Frosinone non vidi un disastroso Empoli sul piano del gioco ma rispetto al Frosinone mancavamo di cattiveria agonistica. Poi ripeto anche quando i risultati non arrivavano si vedeva che era una squadra che perdeva per demeriti propri che per meriti degli altri (contro Chievo e Milan specialmente) e che era questione di tempo affinché la difesa si ricompattasse, che i giovani si integrassero e che la squadra recuperasse quella fame e quell’umiltà che aveva un po’ perso. Ora vedo una squadra più umile e allo stesso tempo più convinta dei propri mezzi che è consapevole che per salvarsi si dovrà lottare su ogni campo e che può fare punti contro chiunque perché specie quest’anno squadre imbattibili non ce ne sono.

  3. Bravo Massimo umile e voglioso come sempre. La corsa sotto la Maratona dopo il terzo gol al Vicenza resterà per sempre impressa a fuoco nell’anima …..

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here