Non vogliamo parlare certamente di caso, ma quella di Filippo Bonipeti è sicuramente una situazione particolare, che per un attimo ha fatto storcere il naso anche ai dirigenti azzurri. La situazione è ormai arcinota, visto che l’ex primavera Juve, prelevato dagli azzurri per la stagione ventura, non è ancora di fatto sbarcato ad Empoli, rimasto a Vinovo per curare un problema fisico che lo sta attangliando e che sembra andare particolarmente per le lunghe. Normale che adeso su di lui ci sia molta attenzione e determinate aspettative.

Vediamo però, in questo “focus” realizzato dal portale “tuttob.com”, di conoscere un po’ meglio il calciatore, promessa del vivaio juventino:

 

Un cognome pesante come Boniperti porta con se ricordi e sensazioni di un grande campione come lo è stato Giampiero sul campo prima, totalizzando ben di 178 gol con la maglia juventina, e da dirigente poi,  con la carica a presidente onorario del club. Filippo Boniperti nasce all’ombra di questi presupposti, con un nonno leggenda e un futuro da costruire: quasi 21 anni e l’esperienza nella primavera della Juventus fino all’esordio in Serie A nel 2011. Le ossa però le forgia altrove, tra Ascoli e Capri, con un cognome da figurina ingiallita e una gran voglia di crescere. 

“Sogno un Capri in B e un gol da dedicare a mio nonno” erano state queste le dichiarazioni dello stesso F. Boniperti sul finale di stagione dello scorso anno, parole di un giovane consapevole della sua strada e dedito al lavoro nel corso di questi anni. Proprio nel Capri è emerso il talento del centrocampista offensivo di scuola Juve, mr. Notaristafano lo aveva reso partecipe della cavalcata finale contro la Ternana capolista, un’esperienza forte e importante.

Dopo l’avventura a Capri sono state molte le squadre interessate ad avere in squadra il giovane torinese ma a spuntarla è stata l’Empoli che è riuscita a raggiungere l’accordo per il prestito con diritto di riscatto. Nella stessa operazione anche Spinazzola è passato alla squadra biancoceleste dalla Juventus confermando un’ottimo rapporto tra le due società in particolar modo sulla valorizzazione dei giovani giocatori.

Il futuro di F. Boniperti riparte da una Serie B dura e stancante ma dalla consapevolezza di poter, e voler, parlare di un calciatore che con il tempo possa creare una propria identità calcistica e una propria figura di atleta anche se la fede bianconera è decisamente di famiglia.

.

Al. Coc. / tuttob.com

CONDIVIDI
Articolo precedenteDal campo…verso Pisa
Articolo successivoIl Livorno valuta due svincolati azzurri
Giornalista pubblicista, da sempre tifoso azzurro è tra i fondatori di Pianetaempoli.it sul quale scrive ininterrottamente dal 2008. Per PE, oltre all'attività quotidiana, si occupa principalmente delle interviste post gara da tutta Italia. E' stato speaker ufficiale dell'Empoli FC per 5 stagioni.

5 Commenti

  1. Magari se scrivevano Carpi anzichè Capri per ben 4 volte era decisamente meglio.
    E poi biancocelesti? Ma chi li scrive questi articoli?

  2. Certe che il cognome che porta e’ pesante, ma e’ un ragazzo che ha delle buone qualità e dotato anche di un buon fisico….se arriverà alla fine del mese, prima di entrare negli schemi tattici di Sarri dovremo aspettarlo verso la fine di Settembre….
    Speriamo che questi Juventini facciano bene ad Empoli come hanno fatto altri ragazzi prima di loro( Giovinco,Marchisio…)

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here