giampaoloLa stagione del’Empoli, nonostante un girone di ritorno non da strapparsi i capelli (ma dentro c’è una vittoria che ripaga di tutto), è sicuramente sotto gli occhi di tutti e sotto gli occhi di tutti c’è il lavoro di un’allenatore già ritenuto bollito ed arrivato dai più. Marco Giampaolo, dopo esser dovuto ripartire dalla Lega Pro, adesso si trova ad avere un numero davvero importante di spasimanti, tutti pronti a dargli la propria panchina per la prossima stagione ritenendolo l’allenatore giusto per un rilancio.

 

Il futuro del mister, come già detto più e più volte, verrà discusso a fine stagione ed è fuori discussione che il primo step sarà quello di capire se ci saranno i presupposti o meno per continuare ad Empoli, dove tutto è ripartito. I segnali, anche questo lo abbiamo detto svariate volte, non sono certo dei più incoraggianti con la sensazione che il suo destino possa essere intrecciato a quello di Marcello Carli con la certezza di una sua partenza in caso di addio anche del ds ma non certo con una certezza assoluta di una permanenza qualora Carli fosse ancora l’uomo mercato dell’Empoli.

Anzi, le ultime parole in ordine cronologico spesa dal ds, quelle riportate anche qua su PE ieri sera, fanno pensare a come l’Empoli seriamente stia già valutando diversi profili per la panchina del prossimo anno, mettendo cosi anche le mani avanti.

 

Come dicevamo è nutrita la schiera di società che sarebbero interessate al mister abruzzese ed ultima ad essere venuta allo scoperta è quella del Chievo che potrebbe perdere Maran e vedere proprio in Giampaolo il sostituto perfetto. Ma per l’ex allenatore del Siena ci potrebbero essere anche mete ben più suggestive, non è infatti mistero che anche Milan e Fiorentina siano alla finestra in attesa di capire qualcosa in più su cio’ che vogliono dal loro specifico futuro, con il Sassuolo che si è alla fine ritirato ma solo perchè ha trovato l’accordo con l’attuale allenatore, Di Francesco.

Insomma sono davvero #tuttipazziperGiampaolo, ma i primi ad esserlo siamo noi, ed il segnale arrivato domenica scorsa dalla maratona (ripetendoci in questo concetto già espresso) non puo’ non essere tenuto di conto da parte di chi deve decire.

 

Alessio Cocchi

CONDIVIDI
Articolo precedenteMercato Azzurro | Federico zurück in Empoli
Articolo successivoUna nuova canzone sull'Empoli
Giornalista pubblicista, da sempre tifoso azzurro è tra i fondatori di Pianetaempoli.it sul quale scrive ininterrottamente dal 2008. Per PE, oltre all'attività quotidiana, si occupa principalmente delle interviste post gara da tutta Italia. E' stato speaker ufficiale dell'Empoli FC per 5 stagioni.

39 Commenti

  1. …quando leggo certe cose mi imbestialisco non poco. Poi si capisce perché ad Empoli ristagna fortemente una mentalità, no provinciale, di più….”…(ma dentro c’è una vittoria che ripaga di tutto)”…come no, in un’ipotetica retrocessione sai quanto me ne sarebbe fregato d’ave’ vinto co’ rifondati…..
    Mi raccomando poi, pigliamoli per il culo quando (raramente) vincano con la gubbentus.

    • Siamo una provinciale.. la volta che ce lo siamo dimenticati abbiamo rischiato la C cosi per dire

      • …sono d’accordo, ma almeno smettiamola di fare come il bue che dà del cornuto all’asino.

      • Si può crescere pur essendo una provinciale ed è legittimo che un tifoso nutra l’aspirazione di vedere la propria squadra farlo, salendo un gradino alla volta, con la giusta programmazione e tanto buonsenso.

        La mentalità del “è tutto un miracolo”, “la nostra dimensione è un’altra”, “godiamocela finchè dura perchè è un lusso” ecc. ecc. lascia intendere che si sia in A per caso…ma se ci siamo per caso, il merito di dove siamo lo dobbiamo alla dea bendata e non alla società??? Decidetevi…

        Per il resto sono, per l’ennesima volta caro bosco, in linea col tuo pensiero. Il derby vinto con le nane non deve rappresentare una bomba libera tutti che nasconda i problemi registrati dalla squadra nel girone di ritorno…perchè i problemi ci sono stati, ci sono e ci saranno, e vanno affrontati a viso aperto per superarli “da Empoli”. Sennò si fa davvero come le nane…

  2. Credo che se fossimo retrocessi, anche con quella vittoria, non sarebbe stato scritto. Le cose vanno contestualizzate bosco.
    Giampaolo resta con noi !!!!

  3. Giampaolo al Milan dovrebbe fornire una bella prova di carattere…chissà se potrebbe essere l’uomo giusto…
    Precisiamo: ritengo Giampaolo un ottimo allenatore oltre che molto competente, ma dal punto di vista caratteriale non so, penso gli manchi qualcosa, quella sicurezza nelle dichiarazioni di un Miha o anche di Sarri, che certo non si nasconde sotto il politicamente corretto!
    Giampaolo lo vedo troppo buono per certi ambienti, dove se non si è forti si rischia di far la fine del pesciolino nella vasca degli squali.
    Aggiungiamoci il caos attorno a Milanello, tra contestazioni e futuro societario incerto, oltre che a una guerra di potere intestina (il Milan è un’armata messicana ormai)…ci sarebbe molto lavoro da fare per Marco…sarebbe l’uomo corretto per tutto ciò?
    Io ogni caso Giampaolo deve molto a Empoli come noi lo dobbiamo a lui…spero se ne ricordi quando le strade si divideranno.
    Per quanto riguarda Carli spero rimanga fino a quando non saremmo certi di avere a portata di mano un sostituto all’altezza (che per ora non c’è), ma è una sua decisione.

    • Secondo me, finché esiste l’attuale gruppo dirigente, al Milan può andare solo che vuol seguire il consiglio di Woody: “Prendi i soldi e scappa!” 🙂 Ormai da anni nessun allenatore con i rossoneri è libero: il “capo” pretende di fare la formazione e anche di insegnare come schierare la squadra in campo! 🙁

      • La stessa cosa che fa il “capo” a Empoli, o pensi che Giampaolo abbia mollato il 3-5-2 estivo di sua spontanea volontà?! Ma guardiamo in casa nostra prima di giudicare in casa altrui…

        • Penso proprio che Corsi non si sia MAI sognato di fare formazioni e schemi di gioco. Giampaolo ha ripristinato il modulo di Sarri, quando ha saputo (per certo) che Saponara sarebbe rimasto, altrimenti il 3-5-2 si sarebbe imposto di per sé.

  4. “La stagione del’Empoli, nonostante un girone di ritorno non da strapparsi i capelli (ma dentro c’è una vittoria che ripaga di tutto)”

    Ho smesso di leggere l’articolo perchè questi non sono i valori dell’Empoli con i quali sono cresciuto.
    Cocchi da buona nana convertita sulla via di damasco insiste per dare un valore troppo grande ad una partita da tre punti come le altre.

    Cosa ci diffenzia dalle nane se cominciamo ad emularli nella stupidità di dare troppo senso ad una partita? Cosa ci differenzia se dopo due sconfitte diventiamo polemici logorroici? Cosa ci differenzia se dopo un girone d’andata sopra le righe si pretende l’Europa?
    Niente.

    • Caro Pontormo, i tuoi pensieri, come gli altri, sono sempre rispettabili se non scadono nell’offesa gratuita, e questo certo non lo è. Libero di leggere, non leggere e criticare perchè qui nessuno ha la verità in tasca, ma nana convertita no, non te lo concedo.

      • “Nana convertita” secondo voi sarebbe un’offesa? A me sembra che ognuno abbia il diritto/dovere di cambiare opinione e anche il tifo per una squadra, perché ad es. (ipotesi fantastica) se il Berluska (o peggio Gagliani/ Capello) comprasse l’Empoli, io smetterei all’istante di tifare per gli azzurri! 🙁 “Mutatis mutandis” per me questo vale anche per la politica e alla fine degli anni settanta ad es. smisi di pagare la tessera del P.R, quando seppi che dovevo stare insieme a PippoBaudo! 🙁 Scritto volutamente tutto attaccato.

        • Domenica prossima vai in Maratona e urla: “Siete tutti delle nane convertite!”. Poi quando si vede atterrare il pegaso sul campo per caricarti si intuisce se qualcuno l’ha presa come un’offesa…

          • Guarda che io parlavo di quello che significa, non di come è percepito! E’ ovvio che se a uno gli dice che è ignorante, e lui lo è davvero, pensa che sia un’offesa e non un riferimento a Socrate. 😀

    • Pontormo, sei tra quelli che rispetto di più perchè percepisco che sei uno con la mentalità vecchia maniera, percò capisci che dare della nana a qualcuno è profondamente offensivo…

  5. Un mi par l’ora che arrivi il 15 maggio: Un giorno il mister mi dà la sensazione che rimanga e un altro la sensazione che vada via. Ancora 9 giorni, via.

  6. Non voglio difendere il Cocchi ma non ha tutti i torti perchè senza quella vittoria il giudizio sul girone di ritorno serebbe stato molto piu’ negativo. Sul resto non l’articolo da buoni spunti molto meglio dei vari articoli di mercato (vomitevoli)durante la stagione.

  7. Comunque quoto Bosco, la vittoria con i viola per quanto bella non fa dimenticare di un girone di ritorno disastroso, come vorrebbe il caro cocchi

    • Disastroso per il numero dei punti e per le sciocchezze personali di Rui/Tonelli, oltre che degli arbitri. Se per i primi qualche colpa il più Grande allenatore della storia dell’Empoli (e io lo seguo da Morasso, Mandich, Toneatto, Pasolini, Piazza, Candiani, Merlin, Bellotti, Maluta, Fracassetti, Tambani ris. Genovesi), per i secondi …

  8. Alessio non me ne volere, ma non sono d’accordo con la tua considerazione finale. Parto col dire che sono stato uno dei primi a sostenere l’arrivo del mister, quando in molti lo criticavano, ma pensare che una società debba tener di conto di quello che dice una parte, se pur importante della tifoseria,non mi sembra una brillante idea. La società ha il dovere e la responsabilità delle scelte che fa’, altrimenti stando a quello che sostieni ne Sarri ne Giampaolo,sarebbero arrivati. I dubbi che ha la società e in primis il Presidente sono i soliti che ho io………….Giampaolo è quello dei 30 punti del girone d’andata, con la squadra che aveva ancora in testa le idee di Sarri o quello dei 13 punti attuali nel girone di ritorno??…….. avrà l’entusiasmo di ripartire con un nuovo progetto e, cosa da considerare, non sarà che anche lui aspetti una chiamata da una società con ambizioni diverse e con stipendi più allettanti??. Pertanto, che la società faccia le sue scelte se poi coincidono con il volere della tifoseria tanto meglio, e io sarò contento, ma non mi strappo neanche i capelli se la società dovesse cambiare. Hanno dato ampie garanzie di saper fare scelte oculate, non andiamo ad innescare discussioni inutili che ci fanno soltanto del male. Ciao!!

    • Ma ci mancherebbe, giusto il tuo pensiero che rispetto totalmente. Quello che non rispetto/rispettiamo più (non è il tuo caso) sono le offese gratuite ed i commenti tipici dei “leoni da tastiera”. Qui nessuno pretende che ci sia un consenso bulgaro su quanto espresso, ma il rispetto di chi lavora e fa un servizio.
      Grazie e buona navigazione su PE

  9. Tutti lo dite voi… Semmai una buona parte
    Secondo me non è bravo a gestire lo spogliatoio che dopo le mancate cessioni a gennaio di quelli che avevano richieste da big, si è smembrato e ha prodotto 2 mesi orribili
    Non sa preparare atleticamente la squadra che teneva solo 1 tempo
    E il Carli gli ha messo in mano un altro piccolo capolavoro, dopo 4/5 cessioni di titolari
    Ma l’anno prossimo cambieranno rispetto alla struttura di squadra funzionante del triennio sarri, 8 giocatori quindi è lì che ci vorrà uno bravo a ridare una struttura di gioco e principi nuovi

    • Piccolo capolavoro? Paredes, Zielinsky, Tonelli, Mario Rui, Saponara vedremo che carriera faranno..ha ha ha…Maiello, Livaja, Camporese spariti…Zambelli e Bittante onesti rincalzi…poi la conferma di Levan e l’ imposizione di Più…da morir da ridere (ma solo xche alla fine è stata salvezza). A me pare che il piccolo capolavoro l’ abbia fatto Giampaolo…Giampaolo se è intelligente sa di essersi un po rilanciato e quindi non deve restare…guidate un Empoli rivoluzionato per l’ ennesima volta può essere troppo rischioso…il Corsi non lo stima è evidente quindi la società cerchi un nuovo allenatore adatto ad una squadra presumibilmente nuova al 60%.

  10. Sono perfettamente d’accordo co #maancheno. Questa cosa su una città che vuole a gran voce la conferma dell’allenatore è una gigantesca bolla mediatica…. Non è affatto vero, come minimo i tifosi sono divisi a metà, basta parlare con la gente per capirlo

  11. …anche a me piace poco quando (ma questo in generale, non nella fattispecie) una, o più persone, si arrogano il diritto a fare le veci di altri, senza conoscerne le reali idee; però nel caso specifico lo striscione, oltreché essere firmato, ad ulteriore conferma è stato innalzato nel cuore del settore che la pensa in questa maniera quindi, loro non hanno assolutamente voluto parlare per tutti……se poi chi ha il dovere di informare fa passare questo messaggio, affermando che la “maratona ha parlato”………….

  12. boh…fate voi: Io un mi son mai divertito tanto come quest’anno! E partite come Bologna-Empoli 2-3 me le riguarderei cinquanta volte.

  13. Nessuno dice che nelle ultime partite ci mancano 5 punti rubati dal carpi e Bologna, Giampaolo a differenza di sarri non si è mai lagnato delle decisioni arbitrali anche perché non spetta all’allenatore lamentarsi ma alla società.

    • E il resto dei punti te li sei dimenticati? (a. sta per arbitraggio)
      Girone d’andata:

      Milan: rubata
      Atalanta: a.
      Frosinone: a. ma quella volta fu davvero scandaloso!
      Juventus: a.
      Fiorentina: a. perché nei due errori il saldo è a nostro sfavore, perché i viola avrebbero giocato il secondo tempo in dieci.
      Lazio: l’unica partita dove gli episodi regolamentari sono andati a nostro favore, anche se non va dimenticato che l’arbitro nel primo tempo ha fischiato solo a favore dei celesti. 🙁
      Inter: a.

      Ritorno

      Milan: a.
      Udinese: a.
      Frosinone: Rui
      Sassuolo: Tonelli
      e poi quelli che hai rammentato te! 🙁

  14. Ma se ci desse tutti una calmata e ci si fidasse di una dirigenza che mi sembra lo meriti? Lo volete capire che è l’ambiente Empoli tutto che fa rendere al massimo anche gli allenatori.Gli esempi recentissimi di Sarri ( che era stato esonerato dal SORRENTO! ) e di Giampaolo ( al nome del quale quasi tutti ci profetizzarono la B sicura ) ci fanno capire che bisogna dare tempo a tutti i nuovi protagonisti di lavorare,con calma e senza isterismi .Ultimamente siamo diventati una sorta di rehab per gli allenatori in difficoltà.Guardate che moltissimi tecnici verrebbero di corsa a Empoli.Siamo un ambiente unico da certi punti di vista,per via di tante caratteristiche peculiari,non facilmente riscontrabili su altre piazze.Se con Giampaolo non ci saranno le motivazioni giuste per rimenere,pazienza.Si ripartirà con un altro.Io mi ricordo quelle che disse un nostro vecchio allenatore per la festa dell’ottantesimo ” speriamo di essere sempre qui a festeggiare con altri allenatori che avranno lasciato un segno “.Me a distanza di quindici anni mi sembra ce ne siano diversi da ricordare, da Silvione a Cagni,a Sarri e Giampaolo.Vi pare poco?

  15. A causa del reiterato comportamento di un utente, mancante completamente di rispetto verso chi su questa testata giornalistica lavora, ci troviamo costretti (dopo aver rimosso i suoi commenti) a chiudere ad ogni altro commento su questo specifico pezzo, dispiacendoci con chi fa buon utilizzo di questa “libertà” ma pronti a chiudere definitamente la possibilità di commentare.

Comments are closed.