Amarissima Pasqua per l’Empoli, ko a Lanciano per 1-2 e che, complice il successo del Latina a Bari per 1-0, perde anche il secondo posto scivolando così in terza posizione.

  

Gli azzurri partono forte: dopo 4 minuti colpo da prestigiatore di Croce e gol alla brasiliana di Hysaj. Poi però subiscono il ritorno dei padroni di casa che collezionano 4 palle gol pesanti, segnano con Piccolo ma il gol viene annullato giustamente per una deviazione sulla porta di un compagno in pieno fuorigioco.

 

Nella ripresa il Lanciano fa quello che aveva fatto l’Empoli nel primo tempo, partenza-sprint e agguantano il meritato pari al 6′ con Falcinelli. Raggiunto il pari i padroni di casa con il passare dei minuti sembrano accontentarsi e rinculano lasciando il pallino del gioco in mano agli azzurri che, al di là del lungo possesso palla dimostrano di essere spuntati e poverissimi di idee negli ultimi 20 metri… così se non segni e poi commetti un errore a 90 secondi dalla fine (Tonelli perde banalmente palla e poi fa l’unica cosa che non doveva fare… cioè fallo al limite su Comi, ndr) succede che perdi anche la partita; si presenta al tiro Mammarella, uno specialista da quella posizione, un quasi rigore come urlavano i colleghi di Lanciano in sala stampa… e così è stato, tiro perfetto al sette e Bassi per la seconda volta battuto… Baroni che festeggia, i tifosi di casa che esultano… e l’Empoli che perde il secondo posto, là dove ad ottobre del 2012 iniziò la favolosa rincorsa al sogno… c’è sempre il Lanciano di mezzo…

 
Montaggio a cura di PianetaEmpoliTV
Commento di Gabriele Guastella

 

2 Commenti

  1. ma sapendo come batte le puniozioni Mammarella, alla fine della partita mettere un uomo sul palo non era il caso di metterlo?

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here