Ha ragione Gigi Buffon, il quale pensa che lo scandalo calcioscommesse finirà in una bolla di sapone? Oppure ha ragione chi ritiene che attorno al calcio ci siano troppi personaggi loschi e che i calciatori e le società corrotti siano parecchi?
Il portiere brasiliano Rubinho, ex di
Genoa e Palermo, ora al Torino, ha le idee piuttosto chiare. Le sue dichiarazioni sono destinate a fare discutere e potrebbero essere anche oggetto di interesse da parte della Procura di Cremona.

 

“Campionati e partite manipolate? In Serie B e C sì, certo, anch’io ho dubbi su diverse gare che ho giocato – ha dichiarato l’ex giocatore di Genoa e Palermo al sito brasiliano Travela – quando prendevo tre gol e venivo lasciato solo mi facevo delle domande”.Rubinho ritiene che truccare le partite possa essere molto più semplice nelle serie inferiori: “In A forse è più difficile, ma in B ed in C in Italia non vedo niente di professionistico. Se il salario più alto è di 100.000 euro non ci vuole niente che due-tre giocatori si uniscano e facciano una combine”.

 

Secondo quanto riporta goal.com, anche il centrocampista del Bologna Ekdal ha espresso delle perplessità sull’andamento di alcune gare in Italia. Poi, però, la società, tramite un comunicato stampa, ha provato a gettare acqua su fuoco.

M.S.

CONDIVIDI
Articolo precedenteFantacalcio | Premiazioni e cena-buffet giovedi 16 giugno
Articolo successivoAnche Buscè sulla via del ritorno?
Giornalista pubblicista, da sempre tifoso azzurro è tra i fondatori di Pianetaempoli.it sul quale scrive ininterrottamente dal 2008. Per PE, oltre all'attività quotidiana, si occupa principalmente delle interviste post gara da tutta Italia. E' stato speaker ufficiale dell'Empoli FC per 5 stagioni.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here