Dopo due giornate di riposo, post match con il Cittadella, gli azzurri si sono ritrovati nel pomeriggio di oggi per il primo allenamento in vista della doppia sfida playout contro il Vicenza. Ormai date ed orari sono stranoti, comunque ricordiamo che si partirà domenica 3 giugno a Vicenza con inizio ore 20:45.

 

Quella di oggi è stata una classica seduta da primo giorno della settimana, il fatto di andare incontro ad uno spereggio salvezza non ha, e crediamo anche giustamente, fatto modificare quelle che sono le abitudini in casa azzurra nella preparazione ai match.

Allenamento iniziato con un lungo torello ed una discreta parte atletica per poi dar luogo alla solita partitella tattica che di fatto ha chiuso la seduta, anche se sul finale son state provate alcune situazioni da palla inattiva.

Da dire che nella partitella tattica, e questa la potremo considerare una differenza con il resto della stagione, si sono fatti meno rimescolamenti del solito e già oggi si è potuta vedere una parvenza di ossatura. Sarà poi la settimana a farci capire se quanto visto oggi è stata davvero una prima prova oppure no.

Partiamo col dire che si è insistito praticamente su di un solo modulo, e questo è stato il 4-3-1-2, un ritorno quindi al centrocampo a rombo che ha caratterizzato tutta la fase 2 di mister Aglietti.

Altra cosa che sembra quasi assodata, visto che non si è quasi mai messo mano a questa, è il vedere Ficagna tornare al centro della difesa accanto a Stovini con Regini che si è ripreso la posizione a sinistra.

I dubbi maggiori riguardono, come sempre, il centrocampo, zona questa dove si sono viste appunto le maggiori rimescolanze di uomini, anche se Moro come play-basso e Ze Eduardo a destra sembrerebbero in vantaggio sugli altri. Sulla sinistra e sulla trequarti invece possiamo dire di un’alternanza al 50% tra Valdifiori e Signorelli da una parte e Saponara e Lazzari dall’altra.

Sulla coppia d’attacco non ci saranno dubbi anche se oggi non si è mosso Maccarone accanto a Tavano perchè l’ex Samp era in permesso per la nascita della sua primogenita che si chiamerà Ginevra, ed a Massimo vanno da subito le nostre più sincere congratulazioni.

Accanto a lui oggi erano assenti i lungodegenti Vinci, Mori e Gallozzi ed anche Coppola che sembra non essere in condizione e sarà anche difficile un suo recupero per la gara di domenica.

 

La squadra tornerà in campo domani pomeriggio, e questo sarà l’ultimo allenamento a porte aperte, di fatti le ultime tre sedute pre-Vicenza saranno svolte a porte chiuse, una decisione che come sempre rispettiamo e che speriamo, visto che limiterà il nostro lavoro e quello dei colleghi, possa essere propizia.

 

Al. Coc.

CONDIVIDI
Articolo precedenteAnnullata Italia-Lussemburgo
Articolo successivoCalcioscommesse | Monti: "Il calcio andrebbe fermato"
Giornalista pubblicista, da sempre tifoso azzurro è tra i fondatori di Pianetaempoli.it sul quale scrive ininterrottamente dal 2008. Per PE, oltre all'attività quotidiana, si occupa principalmente delle interviste post gara da tutta Italia. E' stato speaker ufficiale dell'Empoli FC per 5 stagioni.

14 Commenti

  1. Condivido il ritorno al centro dell difesa di Ficagna perché Regini (il cui utilizzo al centro, col Cittadella, avevo apprezzato) non ha fatto una grande impressione come stopper e Gorzegno è apparso fuori forma.
    Condivido anche il rientro fra i titolari di Ze EDUARDO (questa volta l’ho scritto bene…), perché in un campo difficile come il Menti, la sua “fisicità” in mezzo al campo potrà essere di sicuro aiuto.
    Il centrocampo lo completerei, poi, con Moro centrale, e Valdifiori a sinistra.
    Sulla tre-quarti partirei con Saponara (nonostante straveda per Lazzari) perché Flavio, quando entra a partita in corso, è sempre molto più decisivo (con il Vicenza al Castellani, quando entrò fu devastante, anche se poi -quel testone- si fece espellere…).
    Come d’ovvio, inutile sottolineare come in partite come quelle che ci attendono la scelta dei “singoli” sia comunque importante, ma non decisiva, perché molto di più dovrà contare la coesione di gruppo e lo spirito di squadra: a prescindere dai “calciatori”, conteranno gli “uomini”… a prescindere da tutto, conterà “la maglia”!

  2. Io che MI DIVERTO(sottolineo diverto per chi pensa che voglia fare l’allenatore)a volte a consigliare il 4-4-2 che credo in mancanza del trequartista dall’ultimo passaggio,sia il modulo piu’ adatto per non subire il centrocampo avversario soprattutto nelle partite esterne,questa volta mi sento di dire che non mi importa di chi scendera’ in campo,non mi importa del modulo,non mi importa di vedere il gioco del Barcellona…..voglio veramente per una volta almeno vedere una squadra concentrata fin dal primo minuto di gioco e dove tutti davvero si impegnino alla morte con la voglia di giocare una partita che faccia capire ai tifosi che il sogno non è finito e che l’AZZURRO tornera’a splendere ancora sui cieli empolesi!

  3. Quoto quanto detto da usualemi e Daniele( 2 persone che ne capiscono di calcio) e cioe’ che i moduli o fantasie tecniche in queste 2 partite non serviranno, se vogliamo vincere questi play aut dobbiamo giocare con la testa e cuore, perché saranno queste le cose principali che dovremo fare…
    A Vicenza troveremo uno stadio caloroso, dovremo essere bravi a controllare le emozioni, e gestire bene la partita….

    Comunque io a Vicenza scenderei in campo con giocatori di esperienza, Dossena tra i pali, busce a destra nel mezzo ficagna e stovini e sulla sinistra regini, a centrocampo valdifiori play basso, moro e ze eduardo interni, sulla trequarti saponara con il cambio di Lazzari a partita in corso, e davanti tavano e maccarone e spero che facciano un golletto per uno..;)!!

  4. Speriamo bene con Ficagna…….l’ultime volte che ha giocato ha messo l’avversario solo davanti al portiere!!. Mah….!!

  5. Mi permetto di dissentire, anche se in maniera marginale, rispetto a quanto detto da Daniele e Usualemi.. La grinta conta, e sarà fondamentale come in ogni partita, ma bisogna che la scelta del modulo sia oculata, l’atteggiamento da avere deve essere studiato nei minimi dettagli (cosa nella quale fino ad oggi, secondo me, in parte abbiamo peccato).

    Traendo indicazioni dall’ultima partita abbiamo capito che Lazzari e Saponara insieme portano a sbilanciarsi troppo e a lasciare ampio spazio alle ripartenze e imbucate sulle fasce. Per cui o l’uno o l’altro. Insieme NO.

    Per quanto riguarda i centrali di centrocampo siamo sicuri che Valdifiori abbia la forza di reggere 90’ di questo genere?? Se si bene altrimenti dentro Coppola a tirare qualche pedata.

    Calci d’angolo. Capitolo doloroso. Questo fa capire come spesso vengano tralasciati i dettagli e lo studio delle situazioni di gioco. L’80% delle volte che guadagniamo un calcio d’angolo, ne scaturisce un contropiede per gli avversari. Inoltre il modo in cui vengono battuti, certamente non aiuta gli attaccanti, e anche i colpitori (stovini, buscè ecc.) sono statici e non arrivano da dietro per sfruttare lo slancio. I calci d’angolo più pericolosi sono quelli tesi e messi in mezzo all’area, possibile che non ci sia nessuno in grado di mettere una palla tesa e forte in mezzo all’area??

    Calci d’angolo a sfavore. Non siamo capaci di sfruttare i possibili contropiedi che possono scaturire da angoli avversari, a differenza di quando i calci d’angolo li battiamo noi. Teniamo in considerazione il fatto di tenere qualcuno in avanti a fare boa per evitare che da un punto in poi diventi un assedio.

    Fretta. Ultima cosa che ho notato dall’inizio del campionato a ora è la fretta della squadra. Quando arriviamo nel centrocampo avversario con gli esterni c’è questa fretta nel crossare. In questa partita secondo me dobbiamo essere bravi anche a far girare palla qualora (come probabile) non ci siano sbocchi nei primi minuti. Sono convinto che facendoli correre a vuoto, prima o poi cercheranno di venire fuori (perché loro cercheranno la vittoria) ed è allora che dovremo affondare (se vogliamo)..

    Forza azzurro

    • E’chiaro che la squadra va schierata nella giusta maniera…..io ho solo detto che CHIUNQUE SCENDA IN CAMPO DEVE DARE IL MASSIMO…L’ALLENATORE FA LE SCELTE…NON CERTO IO…..C’E’ UN ALLENATORE CHE SCHIERA LA FORMAZIONE….DOPO CHE L’AVRA’ SCHIERATA…IO SPERERO’ QUELLO CHE HO DETTO PRIMA!

  6. Formazione base senza esperimenti vari
    Dossena Busce stovini ficagna Regini
    Ze Eduardo moro Valdifiori
    Lazzari
    Tavano maccarone

  7. I ripescaggi non ci saranno, in quanto vogliono riportare il campionato di B a 20 squadre, percio’ meglio ottenere la salvezza sul campo!!!

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here