Francesco Tavano: i record dell’uomo

Francesco Tavano: i record dell’uomo

Come in molti hanno già avuto modo di scrivere, sia qui su PE che sui social, pur non essendo una notizia arrivata “a freddo”, la cessione di Tavano all’Avellino non puo’ certo lasciarci indifferenti. Per la precisione dobbiamo dire che parlare di cessione è sbagliato, visto che si tratta di una d

Commenta per primo!

Come in molti hanno già avuto modo di scrivere, sia qui su PE che sui social, pur non essendo una notizia arrivata “a freddo”, la cessione di Tavano all’Avellino non puo’ certo lasciarci indifferenti. Per la precisione dobbiamo dire che parlare di cessione è sbagliato, visto che si tratta di una decisione unilaterale del giocatore, ma poco cambia a livello emotivo. Tavano è una bandiera di questa squadra, un’icona, un modello in cui molti si sono immedesimati. La sua è stata una vera e propria storia d’amore con l’Empoli e questo nessuno mai lo potrà cancellare. Nemmeno questo bisogno che il campione ha avuto in questo momento della sua vita professionale.  

PE premia Tavano come miglior marcatore di sempre
PE premia Tavano come miglior marcatore di sempre
Ad Empoli Tavano ci è arrivato in maniera davvero fortuita, anche se il giocatore piaceva. Era l’estate del 2001 e Francesco era stato il bomber incontrastato della C2 del campionato 2000-01, quando con la maglia della Rondinella, aveva messo a segno 21 gol in 46 gare. Finita la stagione era tornato al suo club di appartenenza, la Fiorentina, la quale lo cedette in comproprietà all’Empoli assieme al portiere Cassano. Un anno dopo la Fiorentina sarebbe fallita ed il cartellino di Tavano divenne azzurro senza sforzi. Il primo gol non arrivò a tardare. Era il 19 agosto del 2001 ed a Caltanissetta si giocava il turno di Coppa Italia contro il Catania: pareggiamo 1-1 ed il gol del momentaneo vantaggio lo segno proprio il futuro “Uomo dei Record”. Certo in quella stagione non furono molte le occasioni per Francesco (il primo gol in campionato arrivò all’ultima giornata col Cosenza), anche se va raccontata la curiosità che il suo primo ingresso in campo in campionato avvenne sostituendo Massimo Maccarone in casa contro la Samp. Da quella stagione ne seguirono altre 4, con la stagione 2005-06 che lo consacrò come uno dei giocatori più forti del campionato italiano. Lascio’ Empoli nel giugno del 2006 con all’attivo 142 presenze e 43 gol messi a segno. Un addio inevitabile visto il grande movimento di mercato che c’era intorno a Francesco ma nessuno si sarebbe mai immaginato, nel giorno della partenza per Valencia, che il meglio sarebbe ancora dovuto arrivare.   Un flash, una sorpresa, inaspettata da tutti lo rivede tornare in azzurro nel 2011, con l’Empoli in B dopo aver alzato al cielo una Coppa italia con la Roma ma soprattutto dopo i quattro anni Livorno con 50 gol in maglia amaranto. Fu subito festa per i tifosi ma la sensazione che albergava era quella del ritorno a casa per chiudere un cerchio, niente più. Invece, nonostante il nuovo primo anno coincise con una stagione difficile per l’Empoli, lui segno’ ben 20 reti ma soprattutto, il 19 novembre 2011, con il gol segnato in casa contro il Verona, sorpassò Carlo Castellani nella classifica dei marcatori “all time” dell’Empoli, prendendosi il suo primo record. Il 19 marzo 2013, scendendo in campo a Modena contro i canari, segnando pure un gol, indossa la maglia numero 200 in incontri ufficiali con l’Empoli e la domenica successiva, in casa contro il Bari gli verrà consegnata la maglia celebrativa. Ma i record non sono finiti perchè la stagione seguente, quella che vedrà l’Empoli tornare in A, arriva un altro grande record. A Castellammare di Stabia, al minuto 55′ segna il gol del momentaneo 1-0 per noi (vinceremo poi 2-0) e con quello, i gol in maglia azzurra diventano 100. Nel gennaio del 2015, ancora con la Samp nel destino, le gare in azzurro diventano 300! A questi numeri vanno aggiunti i tanti sacrifici e la grande abnegazione sempre messa a disposizione della squadra, oltre ad una grande umanità fuori dal campo.   Questo il perchè dalle nostre parte lo chiamiamo e lo continueremo a chiamare L’UOMO DEI RECORD, questo il perchè dalle nostre parti, per lui ci sarà sempre un posto speciale.   Alessio Cocchi   questo il video che PE realizzo’ per celebrare i 100 gol in azzurro    

0 commenti

Commenta per primo!

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy