Il pregara di mister Pillon

Il pregara di mister Pillon

Con mister Pillon abbiamo scambiato le consuete battute in presentazione al prossimo match degli azzurri, nella fattispecie quello contro il Livorno che coincide con il suo debutto sulla nostra panchina. Il tutto prima della rifinitura di quest’oggi.   Mister si parte, domani si gioca una gar

Commenta per primo!

Con mister Pillon abbiamo scambiato le consuete battute in presentazione al prossimo match degli azzurri, nella fattispecie quello contro il Livorno che coincide con il suo debutto sulla nostra panchina. Il tutto prima della rifinitura di quest’oggi.   Mister si parte, domani si gioca una gara difficile che ovviamente non terrà in considerazione del poco tempo avuto a disposizione per visionare e praparare la gara. Si come ci siamo detti anche l’altro giorno purtroppo il tempo non gioca a nostro favore. La squadra però gioca insieme da diverso tempo quindi non è che dobbiamo proprio partire come fosse il primo giorno di ritiro precampionato. Sicuramente domani sarebbe impossibile che i ragazzi esprimessero alla perfezione il mio modo di fare calcio e non è certamente questo quello che ho chiesto loro. Comunque qualcosa lo stiamo già iniziando a fare, soprattutto sul piano mentale dell’approccio alla partita ed a qualche accorgimento difensivo. Per quanto riguarda il Livorno sappiamo che incontriamo una squadra difficile con ottime individualità che in casa concede poco ma qualcosa lo concede e dovremo essere bravi proprio li.”   Si parte con il 4-4-2, suo cavallo di battaglia: Partiamo da li, con un centrocampo importante che dovrà fare molto da elastico nelle due fasi di gioco. Sarà importante aggredire in quella zona del campo e cercare di mettere poi gli attaccanti nelle condizioni migliori per trovarsi con pochi passaggi in zona favorevole alla conclusione. Al di la poi del modulo numerico, ripeto, sarà importante giocare la partita con un piglio importante.”   In questi pochi giorni come ha visto la squadra? Ho visto bene i ragazzi che si sono subito messi a disposizione ascoltando e cercando di mettere in pratica con molta serietà quello che provavamo. Sul gruppo, sugli uomini, non mi aspettavo di trovare situazioni diverse, ho accettato Empoli anche per il materiale umano che questa squadra aveva a disposizione.”   Ha un po’ sorpreso la scelta di Valdifiori a sinistra nel suo centrocampo a quattro: Abbiamo provato questa soluzione perchè Mirko, che è un ottimo centrale, ha secondo me le caratteristiche per ricoprire molto bene quel ruolo. E’ un idea che mi stuzzica e che molto probabilmente attueremo, vorrei riprovare l’esperimento che andò molto bene con Centi che spostai appunto da centrale ad esterno e che portò anche lo stesso giocatore a segnare diversi gol. L’unico dubbio che mi porto a domani è quello tra Ficagna e Tonelli anche se l’esperienza del primo potrebbe essere fondamentale in un match come quello di domani.”   Non per cercare un alibi, anche perché lo chiediamo prima di sapere come finirà la partita, quando inizieremo a vedere i frutti del suo lavoro? In questo momento dove ci troviamo a giocare due volte nella stessa settimana dovremo adattarci un attimo facendo anche di necessità virtù, viste anche le assenze per le nazionali. Sicuramente dalla settimana prossima, con un calendario normale, inizieremo un lavoro un attimo più specifico.”   Al. Coc.

0 commenti

Commenta per primo!

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy