” Il Punto “, con Alessandro Marinai

” Il Punto “, con Alessandro Marinai

Nella settimana più calda di tutta la stagione, arriva il consueto appuntamento di approfondimento con il collega Alessandro Marinai. Con lui, dopo aver analizzato le cose appena successe, ci concentreremo sulla gara di Verona e sugli scenari che ne potrebbero venir fuori.   Alessandro ben t

Commenta per primo!

Nella settimana più calda di tutta la stagione, arriva il consueto appuntamento di approfondimento con il collega Alessandro Marinai. Con lui, dopo aver analizzato le cose appena successe, ci concentreremo sulla gara di Verona e sugli scenari che ne potrebbero venir fuori.   Alessandro ben trovato. Un velocissimo flash sulla gara che ha visto gli azzurri battere il Cittadella. Gara non semplice ma la voglia dei nostri è stata superiore a tutto… “Sì sì, senza dubbio. Sai, non mi era mai successo di sentirla così lontana l’ultima partita giocata. Questa è una settimana particolare iniziata già un secondo dopo il triplice fischio di Mariani contro il Cittadella e che porterà come sappiamo a quella che deciderà e determinerà il verdetto per il campionato degli azzurri. Gara non semplice quella contro il Cittadella perchè loro erano venuti ad Empoli molto chiusi per portare via un risultato positivo, ma la qualità e la superiorità degli azzurri hanno fatto la differenza. Oltre alla pazienza ed all’intelligenza che sono sintomo di maturità”.   Una giornata, quella passata che ha “regalato” il pari del Sassuolo, portandoci così ad un’ultima giornata davvero incredibile per gli incroci e per un destino aperto praticamente per tutti, là in alto… “Abbiamo detto spesso in questi ultimi giorni che neppure il miglior “giallista” avrebbe potuto scrivere un finale più incerto e appassionante. Sarà una giornata da vivere intensamente, forse un’altalena di emozioni, ed al termine vedremo chi sarà a festeggiare, non sono poi tantissime le partite del tutto insignificanti ed al momento abbiamo poche certezze”.   L’Empoli, in questa particolare giornata, andrà a Verona. Allora… Gara difficile, contro una corazzata che si troverà a giocarsi la serie A. Una squadra però che, come noi, potrebbe “accontentarsi” del pari. Al di là di biscotti o non biscotti, tu come la vedi? “Io non lo so se sia corretta la parola biscotto anche perchè nel calcio ha almeno un paio di significati questo termine, uno derivante dalle corse di cavalli. Per quanto mi riguarda il biscotto lo associo alla parola accordo e non mi pare questo il caso. Di quale accordo dobbiamo parlare? Qua ci sono due squadre che per raggiungere i rispettivi obiettivi hanno bisogno di un punto, non c’è motivo di accordarsi su nulla. Sono quelle partite in cui si fanno timidi tentativi per vincerle ma alla fine prevale la paura di perderle. Non facciamo discorsi strani e neppure facciamo gli ipocriti, le squadre curano i propri interessi e cercano di raggiungere i traguardi prefissati ad inizio stagione. Manca un punto? Benissimo, quella squadra farà in modo di conquistarlo, siamo all’ultima partita e non c’è più spazio per rimediare. Faccio un esempio semplice e mi piacerebbe capire dove sta la differenza: il Cittadella è venuto ad Empoli con il chiaro intento di portare via un punto e nessuno ha detto nulla, ha avuto solo la “sfortuna” di avere di fronte una squadra che di punti ne voleva tre. L’Empoli andrà a Verona con lo stesso intento del Cittadella e troverà una squadra anch’essa bisognosa di un solo punto, dovremmo scandalizzarci se poi ne venisse fuori una partita noiosa? Per quale oscuro motivo una delle due dovrebbe giocare all’arma bianca rischiando di vanificare una stagione? A me sinceramente pare una follia… Se poi questo modo di fare è tradotto nella parola biscotto va bene, prendo atto. Detto questo, può succedere di tutto, per carità, nel calcio mai dire mai. Ho preso ad esempio il Cittadella solo perchè è stata l’ultima avversaria in ordine cronologico”.   C’è da dire, che la squadra comunque che rischia di più, è quella scaligera? “Beh sì, è innegabile che l’obiettivo del Verona sia decisamente più grande rispetto a quello dell’Empoli, stiamo parlando di una promozione certa contro una promozione da giocare al 25%. Anche per questo motivo non so quanto potrebbe essere intelligente per il Verona stuzzicare l’Empoli che, numeri alla mano, è la squadra che ha vinto più di tutti in trasferta assieme al Sassuolo con 11 successi ed è una squadra che presenta una formazione che non mi pare esattamente l’ultima arrivata. Non bisogna essere dei geni del calcio per capire che la struttura degli azzurri è più congeniale nel ripartire, oltre a ricordare quanto l’Empoli all’andata abbia messo in difficoltà gli scaligeri. Io preferisco di gran lunga una certezza assoluta rispetto al provare a vincere per rischiare di perdere e se fossi in Mandorlini lo lascerei fare il cane che dorme…”.   Pero’ Alessandro, arrivare a Roma, e non vedere il Papa, sarebbe davvero una bella beffa… “L’Empoli vedrà il Papa e anche tutto il conclave! Esiste una sola possibilità per far sì che ciò non accada e sarebbe assurdo ma anche ingiusto si verificasse proprio quella. L’ho già detto e lo ripeto: nel calcio può accadere di tutto ma se dal “Bentegodi” dovesse uscire un risultato penalizzante per l’Empoli lo riterrei un risultato illogico. Oggi non riesco proprio ad immaginare un pronostico diverso. Perchè di pronostici stiamo parlando, nessuno di noi ha la sfera di cristallo”.   La società azzurra si è sbilanciata molto nelle ultime ore. Si parla di serie A, dichiarazioni che potremmo definire d’altri tempi… “Mi pare del tutto normale, andando a fare i play off di cosa dovremmo parlare? L’anno scorso parlavamo di non voler andare in Lega Pro perchè l’Empoli era ai play out. E ti dirò… In base alle avversarie credo che per l’Empoli potrebbero aumentare anche le possibilità. Una cosa però la devo dire: in caso di play off ovviamente l’auspicio sarebbe quello di una vittoria dell’Empoli, ma l’unica alternativa che accetterei sarebbe l’affermazione della terza classificata, chiunque essa sia. Mi darebbe molto fastidio se a salire fosse una tra Novara, Brescia o Varese che sia. Niente contro di loro, ci tengo a precisarlo, ma solo per una questione di classifica e per quanto hanno creduto in questa rincorsa”.   Provando a guardare avanti, auspicando intanto il playoff, c’è la questione diffidati… “E’ una questione che non sfiora nemmeno lontanamente le mie preoccupazioni. Sappiamo che terminata la stagione regolare si azzererà tutto e arriveremmo ai play off “ripuliti”. Non mi aspetto una partita maschia a Verona e di conseguenza non temo tanti cartellini. E comunque la squadra è matura al punto da non perdere la testa. Regini, per esempio, è stato molto criticato per non essersi fatto ammonire ormai una vita fa ed ancora oggi è in diffida”.   Provando sempre a guardare oltre sabato (eventualmente anticiperemo il prossimo punto a martedi), se saranno playoff il destino è scritto: Novara. Ti chiedo anche chi vedi favorito nella lotta per il sesto posto… “Il Varese ha perso una bella occasione lunedì scorso, soprattutto per l’autostima e la fiducia per affrontare l’ultimo ostacolo perchè una vittoria contro il Crotone non avrebbe cambiato molto le cose ai fini del risultato finale. Lo scontro diretto a Brescia non è facilmente pronosticabile, sarà come una finale anche se il Varese ha il vantaggio di poter contare su due risultati su tre. Brescia o Varese che sia per l’Empoli non farà molta differenza”.   Senti, questa è stata anche la settimana dei premi. Leone d’Argento a Maccarone, quello della critica a Moro e gol più bello quello di Saponara a Lanciano. Verdetti che condividi ? “Condivido, certo, ma al tempo stesso mi dispiace che Tavano, per esempio, non abbia ricevuto niente nonostante gli oltre venti gol. Mi dispiace per tanti altri perchè davvero quest’anno tanti, troppi, forse tutti avrebbero meritato un premio per quanto hanno fatto, stanno facendo e… faranno! Il gol di Saponara a Lanciano è bello a vedersi, ma preferisco quello fatto proprio al Verona all’andata, da vero fuoriclasse”.   Alessio Cocchi

0 commenti

Commenta per primo!

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy