Marcello Carli: “Nessun rimpianto”

Marcello Carli: “Nessun rimpianto”

“Nessun rimpianto” lo cantava diversi anni fa Max Pezzali e lo canta, o meglio lo dice, oggi, il Diretto Sportivo azzurro, Marcello Carli. Questo il sunto delle dichiarazioni rilasciate dal dirigente empolese, a freddo, nel commentare la gara che ha visto l’Empoli pareggiare 1-1 contro il Bari, una

Commenta per primo!

“Nessun rimpianto” lo cantava diversi anni fa Max Pezzali e lo canta, o meglio lo dice, oggi, il Diretto Sportivo azzurro, Marcello Carli. Questo il sunto delle dichiarazioni rilasciate dal dirigente empolese, a freddo, nel commentare la gara che ha visto l’Empoli pareggiare 1-1 contro il Bari, una partita che, soprattutto a riverderla, ti fa mordere le mani.   Carli si è “confessato” sulle pagine odierne de “Il Tirreno” in un’intervista rilasciata al collega Marmugi.   carliQuando in campo tutti danno tutto, non si possono aver rimpianti. Non serve a niente stare qui a piangerci addosso, c’è stato questo episodio, noi ritenevamo che ci fosse stato un tocco di mano, a fine partita ho anche parlato col direttore di gara che mi ha detto di non averlo visto, noi dobbiamo accettare questa decisione con serenità, e portarci dietro le cose buone che sono venute fuori da questa partita”   Il bicchiere è quindi mezzo pieno? ” Abbiamo giocato una buona partita, abbiamo sempre avuto il pallino del gioco in mano e non siamo mai andati in difficoltà a parte dieci minuti dove loro ci pressavano in maniera continuativa. Inoltre abbiamo avuto una buona risposta da quei ragazzi che non hanno avuto fino adesso molte occasioni per mettersi in mostra, mi riferisco a Signorelli ad esempio o allo stesso Castiglia che ha fatto un’ottima partita e che secondo me può migliorare ulteriormente, ha ancora margini di crescita importanti”   Però a guardare la sconfitta del Lanciano… ” Sicuramente non ci sarebbe dispiaciuto essere in testa, sono sentimenti normali quando di ritrovi in questo tipo di situazioni, durante la gara abbiamo avuto la possibilità di vincere ed avere due punti in più. Sarebbe stata una soddisfazione essere in testa, ma niente di più visto che in questo momento mettersi a guardare la classifica non serve a nulla è ancora troppo presto: ci sono squadre valide che ancora si trovano indietro, ma probabilmente piano piano recupereranno terreno, può succedere di tutto. La classifica potremo cominciare a guardarla probabilmente da aprile, forse al massimo a marzo”   Si guarda al futuro. Nessuna gara in questa settimana, ma due match importanti in quella a seguire… ” Saranno due partite importanti, ma mi sembra prematuro definirle determinati per il proseguimento della stagione, intanto pensiamo alla gara di lunedì, una trasferta molto impegnativa, contro una squadra importante come la Ternana che ha un ottimo organico e che sicuramente si trova in una posizione di classifica che non le compete”

0 commenti

Commenta per primo!

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy