Pizza per tutti: paga Forestieri

Pizza per tutti: paga Forestieri

Quel rigore, quello di venerdi sera, quello assegnato contro il Livorno che avrebbe potuto dare i tre punti agli azzurri, aveva un incaricato preciso per l’esecuzione: Levan Mchedlidze. Invece, come ormai troveremo su tutte le cronache del suddetto incontro, Forestieri, colui che il calcio di rigor

Commenta per primo!

Quel rigore, quello di venerdi sera, quello assegnato contro il Livorno che avrebbe potuto dare i tre punti agli azzurri, aveva un incaricato preciso per l’esecuzione: Levan Mchedlidze. Invece, come ormai troveremo su tutte le cronache del suddetto incontro, Forestieri, colui che il calcio di rigore se l’era procurato, prese la palla, e con tigna da campiona navigato, incurante di quello che arrivava dalla panchina, mise la palla sul dischetto e si autoincaricò di calciare dagli undici metri: parato!   Il gesto, alla luce anche del risultato finale che non ha visto gli azzurri vincenti, ha fatto, come giusto che sia, arrabbiare il tecnico Aglietti, che al di la del risultato finale si era visto gerarchicamente scavalcato. Non difficile quindi immaginare una sanzione, come accade in qualsiasi altro ambito lavorativo, a carico del dipendente Forestieri.   “Vedremo cosa fare” avevano detto in coro sia l’allenatore dell’Empoli sia la dirigenza, e ieri sera, alla fine, la multa si è consumata: tutti a cena fuori, paga “el topa”. Questa dunque la pena che ha scontato l’italo-argentino, costretto a pagare a tutta la rosa una cena a base di pizza. Un modo simpatico per mettere mano alle tasche del calciatore che, immaginiamo, avrà ben accettato la pena, in un contesto gioioso che, nel momento topico del campionato, ha rinfrancato ancor di più la coesione di un gruppo davvero be saldo. Complimenti a chi ha suggerito tale situazione.   Al. Coc.

0 commenti

Commenta per primo!

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy