Per Sarri è fumata grigia, chiara chiara.

Per Sarri è fumata grigia, chiara chiara.

Quella di oggi era una giornata che sul calendario era stata segnata con un cerchietto rosso, vista l’importanza dell’appuntamento che sarebbe andato in scena. Infatti quest’oggi, nel pomeriggio, la società al suo completo ha incontrato il tecnico Maurizio Sarri per discutere la possibilità di an

Commenta per primo!

Quella di oggi era una giornata che sul calendario era stata segnata con un cerchietto rosso, vista l’importanza dell’appuntamento che sarebbe andato in scena. Infatti quest’oggi, nel pomeriggio, la società al suo completo ha incontrato il tecnico Maurizio Sarri per discutere la possibilità di andare avanti nel rapporto professionale con lo stesso allenatore, allungando il contratto in essere che con il 30 di Giugno prossimo andrebbe in scadenza. La volontà della società, già apertamente sbandierata ieri dal Presidente Corsi, era quella di far si che questo potesse avvenire, perchè quanto fatto quest’anno dal mister valdarnese (e non ci riferiamo solo ai risultati sportivi) è stato davvero unico.   La firma non è arrivata, ma la sensazione, anche qualcosa in più, è che le strade da percorrere nel prossimo futuro continueranno ad essere le medesime. La società si è infatti detta assolutamente soddisfatta dell’andamento dell’incontro e non ha assolutamente nessun pensiero diverso da quello che Sarri possa essere l’allenatore dell’Empoli per le prossime due stagioni. Esatto, due stagioni. Si è infatti parlatto di un contratto biennale, con un adeguamento della parte economica: condizioni queste avallate immediatamente dal tecnico che ci ha portato alla finale playoff.   Da quanto trapelato, si sarebbe anche già imbastito qualche discorso circa la costruzione della squadra che verrà, con le rassicurazioni da parte dei dirigenti azzurri che l’ossatura attuale non verrà assolutamente smantellata, contenendo al minimo le cessioni (che dovrebbero essere tre più Bassi), cercando di fare il massimo del massimo per riscattare Laurini e mantenere Maccarone, andando poi a cercare, anche con l’ausilio dello stesso allenatore, altre forze idonee da poter inserire in questo gruppo.   Per adesso non è dato sapere niente di più, anche perchè le parti dovrebbero rivedersi già la prossima settimana visto che è volontà comune quella di iniziare subito un lavoro che permetta di presentarsi ai primi di luglio, nel primo giorno di ritiro, con una squadra fatta almeno al 90%. Facce distese e sorridenti a suggello di un matrimonio che s’ha da fare e che soltanto una chiamata, dell’ultim’ora, da una serie A con un progetto serio, potrebbe eventualmente mandare a monte.   Per quanto ci riguarda attendiamo solo di poter battere l’ufficialità del rinnovo.   Alessio Cocchi

0 commenti

Commenta per primo!

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy