Angella e Cesaretti: solo due sufficienze

Angella e Cesaretti: solo due sufficienze

Ancora una pessima prestazione degli azzurri lontano dal Castellani. L’Empoli formato trasferta ha un rendimento da retrocessione in LegaPro (ex Serie C1, ndr): in tutto ha totalizzato la miseria di sette punti, frutto di una vittoria e quattro pareggi; è il peggior attacco del campionat

Ancora una pessima prestazione degli azzurri lontano dal Castellani. L’Empoli formato trasferta ha un rendimento da retrocessione in LegaPro (ex Serie C1, ndr): in tutto ha totalizzato la miseria di sette punti, frutto di una vittoria e quattro pareggi; è il peggior attacco del campionato e solo la Salernitana in quanto a punti ha saputo fare peggio.

 

Nel complesso giudichiamo la prestazione degli azzurri gravemente insufficiente. Scendiamo nel dettaglio.

 

Bassi 5 – Non ha particolari colpe sui gol, ma l’uscita a vuoto del secondo tempo (subito dopo imitata dal collega portiere del Crotone Concetti, ndr) è degna della sigla della Gialappa’s Band.

 

Vinci 5,5 – Il ragazzo prova a mettercela tutta. Difende con le unghie ma Gabionetta e Cutolo, che spesso si trovano sulla sua corsia, lo mettono in difficoltà. Non è ancora maturo: in certe situazioni deve crescere.

 

Gabriele Angella nel match con il PiacenzaAngella 6,5 – Per noi è il migliore degli azzurri, o forse il meno peggio… a voi la scelta di guardare il “bicchiere” dal punto di vista che preferite. In difesa tutto sommato svolge bene il proprio lavoro, e sfiora anche il gol sull’uscita “farfallona” del portiere crotonese Concetti.

Si prende un cartellino giallo ingiusto che gli farà saltare la prossima sfida casalinga: l’arbitro probabilmente ha creduto fosse stato lui a commettere il fallo da rigore, graziando Kokoszka.

 

Kokoszka 5 – Con queste prestazioni la maglia della nazionale della Polonia la rivede dalla televisione. Spesso alterna buone giocate con altre non certo degne del suo “cognome”. Commette il fallo da rigore che spiana la strada del successo al Crotone.

 

Tosto 5,5 – Fino a quando ha fiato è uno dei migliori. Il problema è che il fiato ad un certo punto è venuto a mancare: vedere l’azione di Gabionetta che ha portato al rigore poi trasformato da Ginestra. Domanda: ma era proprio difficile trovare un terzino sinistro nei campionati di Lega Pro??

 

Gulan 5 – Per lunghi tratti assente dal gioco azzurro: l’attenuante è che Campilongo lo schiera a destra e lui le cose migliori le ha fatte vedere sulla corsia opposta. Ci piacerebbe sapere cosa gli ha detto Tosto subito dopo che l’arbitro ha concesso il rigore al Crotone, come testimonia il video che abbiamo proposto in altra notizia.

 

Musacci 4 – Ci piace pensare che sia solo un lontano parente di quello che abbiamo ammirato in altre occasioni. La sua “non-partita” è fatta di innumerevoli appoggi sbagliati, lanci fuori misura e tanta confusione. Salterà la sfida interna con l’Ancona a causa di una ammonizione per proteste che faceva bene ad evitare: un gesto che per noi vale mezzo voto in meno.

 

Valdifiori 5 – Quello visto all’opera allo “Scida” di Crotone è tutto l’opposto del Mirko Valdifiori che abbiamo conosciuto nel girone d’andata; nervoso, pasticcione e fuori forma: forse Campilongo alla fine del primo tempo faceva bene a lasciarlo negli spogliatoi.

Dopo il gol del vantaggio del Crotone su rigore commette un fallo a centrocampo e si becca un cartellino giallo “stupidissimo” scaraventando il pallone a gioco fermo contro il giocatore del Crotone.

 

Fabbrini 5,5 – Il ragazzo non ha giocato malissimo, e meriterebbe la sufficienza per l’impegno; ma scavando in profondità si è notato come spesso nel momento decisivo non sia riuscito ad incidere. Deve crescere fisicamente, d’altronde è giovanissimo, a Crotone ha perso troppi contrasti.

 

Eder 4 – Prestazione inguardabile. Lontanissimo dal gioco, con queste prestazioni difficile che qualche squadra di serie A possa notarlo. Nel primo tempo ha la palla ghiotta per portare in vantaggio l’Empoli che spara addosso a Concetti, poi svanisce diventando un “fantasma”. Riappare al 92′ per segnare il gol della bandiera azzurra che serve solo per rendere meno pesante la sconfitta. Per noi il gol dell’ultimo minuto non fa cambiare la valutazione. Il brasiliano lontano dal Castellani è “irritante”.

 

Cesaretti 6 – Cosa si doveva chiedere ad un giovane ragazzo al debutto in serie B da titolare in un campo come questo? Poco di più se specialmente prendiamo in considerazione la giornata negativa dei compagni.

 

De Giorgio sv – Preferiamo non assegnare voti anche se nei pochi minuti che ha giocato ha dispensato buone cose: merita una chanche da titolare.

 

Vannucchi sv – Non incide.

 

Coralli sv – Gioca solo pochi minuti: ingiudicabile.

 

Il mister Campilongo 4 – La società non gli ha dato i rinforzi che lui andava chiedendo, ma a nostro giudizio esagera nello schierare la formazione con Fabbrini e Cesaretti, al posto di Coralli e Vannucchi, già che aveva Marianini e Stovini squalificati, e contro un Crotone che in casa in quetsa stagione ha fatto benissimo subendo ad oggi solo 11 reti (compresa quella di Eder, ndr).

Gulan a destra non ci ha convinto, ma soprattutto a Crotone ci è sembrato poco reattivo in chiave “lettura gara”.

0 commenti

Commenta per primo!

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy