La prossima avversaria degli azzurri sarà il Genoa di mister Gasperini, già battuta in Coppa Italia ma mai in campionato. La partita si preannuncia difficile, perché i rossoblu hanno grandi qualità.

perotti genoaLA ROSA del GENOA

Partendo come sempre dalla porta, il Genoa ha trovato quest’anno nel giovane Perin un estremo difensore affidabile: per il portiere ex Pescara si prospetta una carriera di tutto rispetto. In difesa solitamente i liguri giocano a 3, con i vari Burdisso, De Maio, Marchese, Roncaglia ad alternarsi nel ruolo: un reparto arretrato roccioso, che punta molto sulla caparbietà e sulla forza fisica dei suoi interpreti. A centrocampo Bertolacci garantisce qualità e quantità, Kucka dinamismo e centimetri; poi ci sono calciatori interessanti come Edenilson e Rincon. In attacco, il reparto forse più completo, la velocità la fa da padrone con il trio Niang-Falque-Perotti in campo; ma in panchina ci sono comunque punte abili nel gioco aereo come Borriello e Pavoletti.

 

COSA TEMERE DI PIÚ

Attacco a parte, la pericolosità esterna del Genoa, che lontano dal Ferraris ha sempre fatto benissimo. Solo contro la Fiorentina non è riuscita a segnare, portando tra l’altro a casa un risultato positivo.

 

COSA TEMERE DI MENO

La difesa non sembra insormontabile, sia sui calci piazzati che sulle azioni normali. I calciatori rossoblù sono forti sì fisicamente, ma tecnicamente non sono il massimo.

 

Simone Galli

 

CONDIVIDI
Articolo precedentePEnAlty | 26a puntata 05/03/2015
Articolo successivoL'arbitro di Empoli-Genoa
Empolese DOC e da sempre tifoso azzurro, è un amante delle tattiche e delle statistiche sportive. Entrato a far parte della redazione di PianetaEmpoli.it nel 2013, ritiene che gli approfondimenti siano fondamentali per un sito calcistico. Cura molte rubriche, tra cui i "Più e Meno" e "Meteore Azzurre.

1 commento

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here