La Triestina

La Triestina

GLI ULTIMI QUINDICI ANNI DI TRIESTINA            A seguito del fallimento la Triestina venne inserita nel girone triveneto del Campionato Nazionale Dilettanti. La stagione venne caratterizzata da un duello fra gli alabardati e il Treviso. La partita decisiva si dispu

GLI ULTIMI QUINDICI ANNI DI TRIESTINA 

 

 

 

 

 

A seguito del fallimento la Triestina venne inserita nel girone triveneto del Campionato Nazionale Dilettanti. La stagione venne caratterizzata da un duello fra gli alabardati e il Treviso. La partita decisiva si disputò a Trieste il 7 maggio 1995 e vide prevalere i veneti per 2-1. A fine stagione la formazione giuliana sarà però ripescata in Serie C2 con delibera federale, per completare i quadri ridottisi a causa dell’esclusione dai campionati di molte società per problemi finanziari. Nel 1995-96 la Triestina affrontò il primo campionato di Serie C2 della sua storia. La squadra rimase in tale categoria per sei stagioni. Per ben quattro volte fu capace di raggiungere i playoff promozione, ma solo al quinto tentativo riuscì a conquistare la Serie C1. Il primo anno venne eliminata dal Livorno in semifinale (Triestina-Livorno 2-3; Livorno-Triestina 1-1), nel 1997-98 dopo aver eliminato la Pro Patria (2-0 a Trieste e vittoria a tavolino a Busto Arsizio per invasione di campo), non riuscì a superare in finale, a Ferrara, il Cittadella (0-0 d.t.s.) che venne promosso in quanto meglio classificato nella stagione regolare. Nel 1998-99 il traguardo sembrò vicino. Dopo aver concluso la stagione regolare al secondo posto, la Triestina si sbarazzò della Vis Pesaro (2-2 in trasferta, 2-1 al Nereo Rocco), ma perse inopinatamente la finale di Mantova contro il Sandonà (0-1 d.t.s), a causa di un rigore segnato dall’ex Sandrin. L’anno successivo la panchina venne affidata a Maurizio Costantini, un ex alabardato con ben 307 presenze nella Triestina. Non basteranno sette vittorie di fila tra novembre e dicembre per vincere il campionato. L’epilogo ai playoff fu nuovamente nefasto: la Triestina affrontò per il secondo anno consecutivo la Vis Pesaro in semifinale, ma venne eliminata (Vis Pesaro-Triestina 2-1 e Triestina-Vis Pesaro 1-1).

Dopo cocenti delusioni patite nei playoff di serie C2, il neo presidente Amilcare Berti decise di affidare la panchina ad Ezio Rossi. Nel 2000-2001, dopo un buon avvio di campionato, la squadra uscì dalla zona playoff, ma grazie ad una buona serie di risultati agguantò il quinto posto, sufficiente per agganciare gli spareggi promozione. Sullo slancio di questa risalita la Triestina eliminò in semifinale la Pro Patria e in finale il Mestre, guidato dall’ex tecnico alabardato Maurizio Costantini.

L’anno successivo fu di nuovo promozione a seguito di un campionato giocato sempre nella parte alta della classifica e di playoff promozione disputati con grande ardore. Dopo aver regolato lo Spezia, la Triestina trovò sulla sua strada, come tante altre volte in passato in momenti cruciali della sua storia, la Lucchese. All’andata a Trieste gli alabardati si imposero per 2-0, mentre a Lucca, dopo 120 minuti drammatici, la gara termino 3-3, regalando alla Triestina la seconda promozione consecutiva. Quella gara difficilmente verrà dimenticata dai tifosi giuliani. Dopo il vantaggio iniziale dei padroni di casa con Marianini e il pareggio di Del Nevo, la Lucchese chiuse in vantaggio la prima frazione di gioco grazie nuovamente a Marianini. All’inizio del secondo tempo Carruezzo, grazie a un colpo di testa, portò la Lucchese sul 3-1. Permanendo tale risultato alla fine dei tempi regolamentari, e non valendo la regola del valore doppio dei gol fatti in trasferta, vennero disputati i tempi supplementari. Carruezzo sbagliò un rigore nel primo tempo supplementare, mentre poco dopo fu Gennari a ridurre lo svantaggio per la Triestina con un altro penalty. Fu poi Ciullo a fissare il risultato sul 3-3 finale.[3]

Nel campionato 2002-2003 la Triestina, grazie a un gioco molto spettacolare, riuscì per molte settimane a rimanere in testa alla classifica e si aggiudicò il titolo di campione d’inverno. Nel girone di ritorno la squadra accusò un calo e non riuscì nell’impresa storica di riconquistare la massima serie dopo oltre quarant’anni di attesa.

 

Vi riproponiamo la sintesi del match d’andata giocato al Nereo Rocco di Trieste.

 

Stagioni recenti

Il campionato successivo vide un avvicendamento sulla panchina alabardata: al posto di Ezio Rossi, passato a guidare il Torino, giunse Attilio Tesser. La squadra riuscì ad ottenere un più che decoroso posizionamento in classifica, grazie ad un ottimo girone di ritorno e al lancio di giovani interessanti come Alberto Aquilani e Davide Moscardelli.

Nel 2004-2005, sempre guidata da Tesser, la Triestina non si espresse su grandi livelli, tanto che riuscì a salvarsi solo dopo aver battuto il Vicenza nello spareggio-salvezza.

Al termine della difficile stagione, il presidente Berti vendette la società all’immobiliarista veneto Flaviano Tonellotto, che si fece conoscere subito per il particolare temperamento, l’imposizione di diete macrobiotiche ai giocatori e il difficile rapporto con giornalisti e tifosi.

Durante il campionato 2005-2006 la Triestina cambiò cinque volte l’allenatore. Alla coppia Alessandro Calori-Adriano Buffoni seguirono Pietro Vierchowod, il dirigente Francesco De Falco, l’allenatore delle giovanili Vittorio Russo e Andrea Agostinelli.

Il contestato proprietario fu costretto a dimettersi il 1° febbraio 2006 a causa di una precedente condanna di bancarotta e venne sostituito alla guida della società dalla moglie Jeannine Koevoets. Successivamente la magistratura allontanò la famiglia Tonellotto dalla società per i problemi finanziari causati dalla gestione societaria del presidente. Flaviano Tonellotto e consorte saranno accusati di appropriazione indebita. Il tribunale ha poi nominato amministratori giudiziari Maurizio Consoli, presidente dell’Ordine degli Avvocati di Trieste, Roberto Lonzar, commercialista, e Francesco De Falco, che il 7 marzo è diventato il nuovo presidente.

La crisi societaria è terminata il 10 aprile, con la ricapitalizzazione della società. L’imprenditore friulano Stefano Fantinel ha sottoscritto il 79% delle azioni, seguito dalla multiutility AcegasAps con il 15%. Le altre quote sono state sottoscritte da imprenditori e personalità locali.

Pur nelle difficoltà societarie la squadra conquistò una salvezza abbastanza comoda, vincendo per 4-3 a Piacenza a due giornate dal termine. L’anno seguente (2006-2007)la squadra fu protagonista di un campionato altalenante che si concluse con una sofferta salvezza, conquistata ancora una volta a Piacenza (1-1 grazie alla “storica” punizione di Allegretti che tra l’altro, oltre a far evitare agli alabardati i play-out, consegna la Serie A diretta, senza i play-off a Genoa e Napoli). La stagione fu caratterizzata dalla penalizzazione di un punto per il ritardo nella presentazione del bilancio e dall’esonero nel febbraio 2007 del tecnico Agostinelli al cui posto arriva Franco Varrella.

Alla fine del campionato viene esonerato il tecnico Franco Varrella e viene ingaggiato Rolando Maran.

Con il nuovo tecnico la squadra affronta la stagione successiva in maniera onesta, senza particolari alti e bassi veleggiando quasi sempre nelle acque tranquille di metà classifica. Da segnalare nell’annata 2007-2008 la scoperta del bomber uruguagio Pablo Granoche che alla sua prima stagione in serie B realizzerà ben 24 reti in 36 partite, congedandosi dal suo pubblico a quattro giornate dal termine della stagione a causa di un infortunio che lo terrà fuori dai campi da gioco per qualche mese.

 

 

0 commenti

Commenta per primo!

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy