Speciale Serie A | Facciamo le carte agli avversari: l’Atalanta

Speciale Serie A | Facciamo le carte agli avversari: l’Atalanta

Il rischio principale per l’Atalanta è l’assuefazione: l’adagiarsi stancamente in una situazione in cui non si rischia e non si sogna. L’Atalanta, dal ritorno in A del 2011, cammina sicura, lontana dalle ansie della retrocessione, ma anche non abbastanza attrezzata per sognare qualcosa di più. L’a

AtalantaIl rischio principale per l’Atalanta è l’assuefazione: l’adagiarsi stancamente in una situazione in cui non si rischia e non si sogna. L’Atalanta, dal ritorno in A del 2011, cammina sicura, lontana dalle ansie della retrocessione, ma anche non abbastanza attrezzata per sognare qualcosa di più. L’anno della promozione fu adrenalinico grazie alla penalizzazione da annullare, mentre nel campionato scorso c’e’ stato il record di vittorie consecutive a elettrizzare l’ambiente. Però, appena respirata aria di Europa, la Dea si è sciolta: la squadra resta valida, l’allenatore una garanzia, ma sembra ancora mancare qualcosa per puntare in alto con decisione.

L’Obiettivo: salvezza tranquilla Come gioca: 4-4-2

PUNTO FORTE: i talenti, gradualmente, passano, ma il telaio resta. E’ proprio l’ossatura consolidata, un gruppo storico riconoscibile e coeso, la polizza anti ansia dell’Atalanta.

PUNTO DEBOLE: l’altra faccia della coesione si chiama ripetitività: stesse facce, stessi obiettivi. La noia è un rischio concreto, come in un lungo matrimonio che si trascina stancamente.

In collaborazione con GS Guerin Sportivo, Dir.Resp.Matteo Marani (Guerin Sportivo Sponsor Tecnico Ufficiale del Premio Leone d’Argento – PianetaEmpoli.it).

0 commenti

Commenta per primo!

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy