Per la serie “mai dire mai”, va in onda la storia di Davide Bassi.

Davide, senza farla troppo lunga, dopo aver vissuto stagioni importanti in azzurro aveva provato a spiccare il volo, lasciando il nido (restandone sempre di proprietà) per tentare la giusta e meritata scalata che lo aveva portato da subito a difendere la porta del Torino. Purtroppo una serie di passaggi non propriamente fortunati (tra cui lo stage al Manchester City) lo avevano riportato ad Empoli ma in una sorta di limbo, ad allenarsi con il resto della squadra ma di fatto fuori rosa.

Il fato poi è girato, e nella gara di Lanciano, un girone fa, è stato ributtato nella mischia, giocando bene da subito e tornando a farci vedere il Bassi che avevamo conosciuto e che aveva contribuito, allora giovanissimo, alla scalata verso l’Europa (come non ricordare il rigore parato al Catania).

 

Una serie di positive prestazioni che, gioco forza, gli hanno ributtato addosso i riflettori della notorietà e di conseguenza le attenzioni degli addetti ai lavori. Già nel mercato di riparazione a gennaio era uscito il suo nome, accostato anche a club importanti come il Napoli. Ma il Chievo, che stava sostituendo Sorrentino, aveva già parlato di lui, facendolo menzionare ai propri dirigenti in alcune interviste del periodo.

Adesso, stando a quanto ci arriva da chi segue il mercato ora per ora, anche quand’esso dovrebbe essere fermo, ci viene detto che la lista delle probabili pretendenti a Bassi si allunga, e sono tutti club della massima categoria che, da giugno, potrebbero sfidarsi per far indossarei propri guantoni al portiere spezzino.

 

Chievo, Palermo, Bologna e Parma. Questi i club che avrebbero in qualche modo ammiccato a Bassi. Ovviamente non ci sono state mosse nei confronti della società azzurra, una società azzurra che però, di colpo (brava in questo) si è ritrovata per le mani nuovamente un investimento.

Bassi infatti sta arrivando alla scadenza del lungo contratto firmato anni fa, ovvero giugno 2014. Ecco che la società dell’Empoli ha quindi tutto il tempo per poter valutare e programmare al meglio questa situazione che, se pensiamo a pochi mesi fa, era insperata, tanto che si parlava dell’ennessimo prestito secco fosse mai arrivato un club interessato e che sarebbe stato gradito anche allo stesso Bassi.

 

Va cosi, anche Davide, ad essere uno dei prossimi uomini mercato, assieme a Valdifiori e Regini, anche se, dovesse arrivare qualcosa di impronunciabile, in quel qualcosa forse vorrebbe rimanere.

 

Nico Raffi

CONDIVIDI
Articolo precedenteInfo biglietti per Ascoli
Articolo successivoDal campo….una difesa tutta nuova
Giornalista pubblicista, da sempre tifoso azzurro è tra i fondatori di Pianetaempoli.it sul quale scrive ininterrottamente dal 2008. Per PE, oltre all'attività quotidiana, si occupa principalmente delle interviste post gara da tutta Italia. E' stato speaker ufficiale dell'Empoli FC per 5 stagioni.

13 Commenti

  1. Faccio i miei complimenti a Bassi che sta giocando bene, ed anche io non credevo, però a Dossena é stata fatta una vigliaccata.

  2. Anche io mi sono dovuto ricredere su Bassi, un portiere che ha mostrato professionalità e allo stesso tempo ha fornito buone prestazioni, spero che quest’anno sia quello definitivo per cederlo ( cercando di trarre il meglio..) ad una squadra della massima serie……poi se l’Empoli compie il miracolo..è un altro discorso.. 😉

  3. …..solo gli ottusi negano l’evidenza e non ammettono lo sbaglio. Sta rendendo alla grande, ciò non toglie che provi molto risentimento per lui per quanto esternato qualche anno fa, certe dichiarazioni non si possono dimenticare. Tra Dossena e Pelagotti punterei ad occhi chiusi sul secondo, nonostante il primo ci abbia salvbato il deretano 9 mesi fa.

  4. è giusto che vada in una squadra di grandi prospettive, se lo merita….eppoi riporrei la nostra fiducia su Pelagotti che credo sia di grande affidamento.A Dossena, se vuole restare, la seconda piazza.

  5. E’ GIUSTO NON DIMENTICARSI DI DOSSENA DOPO TUTTO QUELLO CHE HA FATTO LO SCORSO ANNO AL 90′ DELLO SPAREGGIO; SENZA LA SUA PARATA IL CALCIO PROFESSIONISTICO AD EMPOLI SAREBBE FINITO. BRAVO RENATO!

  6. Mi ricredo ampiamente su Bassi, criticatissimo dal sottoscritto in passato. A mio avviso però, Dossena è tra i migliori portieri ad oggi in circolazione. Bassi andava valorizzato in prospettiva mercato, ma ripeto, a mio avviso, il fuoriclasse nel ruolo è Dossena. Cmq bravi tutti e tre i ns estremi difensori. Forza Empoli fino alla morte ed oltre!

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here