Diciamolo subito a scanso di equivoci: sulla carta la partita con il Napoli non è la più adatta per uscire dalla crisi e per tornare a fare punti. Non stiamo qui a parlare della forza e delle potenzialità del Napoli, perché è un esercizio fin troppo scontato. Ma d’altronde il calendario è questo e non può essere modificato. Sarà una gara complicata, e forse più per il momento che sta vivendo il clan azzurro che per la reale forza dell’undici di Sarri. È proprio questo il paradosso attuale. Oggi la più grande paura non è affrontare una squadra quotatissima, senza grossi difetti, costruita per lottare per lo scudetto. È semmai la paura di non essere all’altezza, di essere impauriti, inconsistenti, inadeguati.

Contro il Chievo gli azzurri hanno semplicemente toccato il fondo. Durante la stagione c’erano già state debacle di una certa consistenza, ma nemmeno nella disastrosa trasferta di Crotone si era fatto così male. Sul banco degli imputati sono finiti tutti, nessuno escluso. La squadra si è smarrita prima di cominciare, palesando limiti non solo tecnici ma anche caratteriali. È mancato semplicemente tutto.

Contro il Napoli, come dicevamo non sarà facile fermare questa emorragia di punti che va avanti da cinque turni. I tifosi, però, si aspettano quanto meno una prova di orgoglio. Che vincano o che perdano, i giocatori dovranno mettere in campo voglia e sacrificio, dovranno far vedere di aver voltato pagina. Ma soprattutto dovranno dimostrare di voler risalire dopo aver toccato il fondo.

CONDIVIDI
Articolo precedenteTV | Mister Dal Canto (Primavera) nel dopo Empoli-Ascoli
Articolo successivoCurva Ospiti | I tifosi del… Napoli
Empolese DOC e da sempre tifoso azzurro, è un amante delle tattiche e delle statistiche sportive. Entrato a far parte della redazione di PianetaEmpoli.it nel 2013, ritiene che gli approfondimenti siano fondamentali per un sito calcistico. Cura molte rubriche, tra cui i "Più e Meno" e "Meteore Azzurre.

15 Commenti

  1. L articolo è provocatorio ? Si è toccato il fondo…. Ma non dice fra
    Quante giornate….!! Perché ancora
    questo fondo non si è toccato…. E
    Poi non diciamo che la retrocessione non era preventivata… Sono mesi che diciamo che la squadra non è purtroppo all altezza e il mister nemmeno…. L unica speranza che abbiamo è che Thiam faccia 20 reti… L avranno preso con quella speranza ??!! Che delusione ….

  2. Se penso che oggi in serie B hanno segnato gente come Floccari, Antenucci, Bianchi, Ardemagni e soprattutto Dionisi. ….e noi si fa la serie A con Marilungo e thiam. …mi girano ampiamente i Co. ….Ni!

  3. Domani e’ necessario tifare udinese , il Maestro e’ in corsa per la zona Champions non ci regalerà niente , spero solo che dopo partita lasci un paio di schemi offensivi per quella capra in panchina

  4. Eppure ad inizio campionato tutti contenti e sicuri che con Martusciello alla fine avremmo proseguito quello fatto da Sarri,un po’ meno quello fatto da Giampaolo,perchè gia c’erano tanti tifosi su questo sito che dicevano che il vero allenatore era Martusciello e non Giampaolo.Come un po’ tutti erano piuttosto contenti della campagna acquisti.Questo non va negato…..Adesso son tutti dei polli?La verità è che se vai bene tutti a festeggiare a tarallucci e vino,se vai male chiaramente il malcontento viene fuori per forza e purtroppo non tutti gli anni le cose vanno come vorremmo.I limiti di Martusciello li vediamo tutte le domeniche,quelli della squadra idem con patatine…..magari invece di arrabbiarci per quello che si pensa dovrebbe dare la squadra,forse dovremmo renderci conto che di più questa squadra non può dare,perchè anche se la rosa è buona,le altre l’hanno migliore della nostra.E allora?Allora mettiamoci l’anima in pace e cerchiamo di arrivare a questa benedetta salvezza anche con il supporto dei tifosi,ma credo che allenatore bravo o meno,la colpa maggiore che dò alla società di non essere intervenuta poi a gennaio,acquistando quei 2 giocatori che volenti o nolenti servivano per le cose…..Perché è innegabile che con un centrocampista centrale e una punta coi controcojoni certe partite non le perdevi davvero e gia si poteva pensare all’anno prossimo e di ovviare agli sbagli fatti quest’anno…..Perché nonostante una salvezza che arriverà di sicuro,mi spiacerebbe che la società poi sia contenta di come è arrivata,perchè di umiliazioni sportive ne abbiamo subite parecchie e più che a partite di calcio abbiamo assistito a prestazioni azzurre che assomigliavano più a partite di rugby…..palla avanti cercando di arrivare alla meta…..una meta raggiunta per ora solo 15 volte.

    • Mork, non tutti erano contenti e sicuri. Per quanto riguarda i mancati acquisti quando si è visto che non si poteva andare avanti in quel modo, hai ragione. Si potevano acquistare un paio di giocatori coi soldi presi vendendo Saponara e risparmiati cedendo Gilardino…invece no!

    • Certo che eravamo (e mi ci metto anch’io) contenti e soddisfatti sia di campagna acquisti che del progetto stadio e concretamente pensavo che Martusciello fosse la persona giusta. Dopo la partita in casa contro il Crotone mi sono ricreduto e molto. Ma che è un delitto cambiare opinione quando questa è palesemente sbagliata? Io non ci vedo niente di male e non è il segno di montate sul carro del vincitore.

  5. si vedeva già in estate che la campagna acquisti era non idonea per la A: Tello e Maiello titolari nelle intenzioni della società , Bellusci al posto di Tonelli , davanti ancora nessuno per il quarto anno consecutivo , eccetto Gilardino che da subito è sembrato fuori posizione nel 4-3-1-2, oltreche fermo sui blocchi nei ritagli di partita in cui è entrato. Martusciello c ha messo ( parecchio ) del suo , ma in primis la colpa è di C & C

  6. …adesso dobbiamo turarci il naso e sostenere Fino alla salvezza che sia anche di 1 solo punto a Palermo…poi ci sfogheremo con tutte le Ns giuste opinioni….ma adesso indipendente dal mister dai giocatori e dal gioco conta l obbiettivo e noi dobbiamo farne parte

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here