Al termine del match perso in casa contro l’Avellino, abbiamo realizzato le canoniche interviste one-to-one, a caldo.

 

Ai nostri microfoni, per commentare la gara contro gli irpini, che ci ha visto in nove uomini a fine match, sono intervenuti il tecnico Sarri ed i calciatori Rugani, Bassi e Mario Rui.

 

Le interviste sono di Alessio Cocchi grazie alle riprese di Tommaso Chelli.

 

CONDIVIDI
Articolo precedenteEspulsi Laurinì e Croce
Articolo successivoLe pagelle di Empoli-Avellino 0-1
Giornalista pubblicista, da sempre tifoso azzurro è tra i fondatori di Pianetaempoli.it sul quale scrive ininterrottamente dal 2008. Per PE, oltre all'attività quotidiana, si occupa principalmente delle interviste post gara da tutta Italia. E' stato speaker ufficiale dell'Empoli FC per 5 stagioni.

4 Commenti

  1. Bravo Daniele,basta parlare degli arbitri,si è capito che gli arbitraggi sono tutti a nostro sfavore ma parlane in continuazione non fa altro che aumentare il nervosismo e ieri si è avuta la dimostrazione

  2. O SARRI ABBI PAZIENZA TU PARLI DI BRILLANTEZZA DA RITROVARE E DI CONOSCERE BENE LE CARATTERISTICHE DEI TUOI ATTACCANTI E CHE I GOL VERRANNO.
    LASCIAMI DIRE DUE COSE:
    …………………………………………………..
    1 LA BRILLANTEZZA DIPENDE DA COME STANNO I GIOCATORI E IL CERVELLO CHE CI METTONO QUANDO GIOCANO QUINDI PUO’ CAPITARE DI AVERLA E DI NON AVERLA DIPENDE DAL MOMENTO DA COME CI ARRIVI E SE LA SAI RIPROPORRE IN GARA DIREI CHE BASARSI SU QUESTO FATTORE UMANO SIA UN PO’ POCO INCORAGGIANTE….
    DELLA SERIE SE C’E’ BENE E SE UN C’E’ PACE? E’ NO E’ MA NON ESISTE QUESTA COSA.
    ……………………………………………………
    2 VREDI ANCHE IERI HA PROVATO A FARE QUALCOSA
    MA PURTROPPO PALLONI VINCENTI LUI NON NE GIOCA E’ TROPPO PRESTO ANCORA.
    DICO………MA CHE SI DEVE CONTINUARE COSI’ OPPURE SI DECIDE
    PER GIOCARE DIRETTI CON TRE PUNTE
    (TANTO SE DEVE POI ANDARE MACCARONE FINO A META’ CAMPO A PRENDERE PALLA E’ COME NON GIOCARCI CON IL TREQUARTISTA E POI PERDI UN ATTACCANTE CHE E’ SEMPRE LONTANO DALLA PORTA).
    O BASTA! MA BISOGNA ESSRE LESSI PER NON CAPIRLO!
    O BASTA! MA QUANTE PERTITE E’ CHE VA COSI’
    E’ L’ORA DI CAMBIARE!
    MISSIROLI NON C’E’ VERDI NON PUO’ SOSTITUIRLO E PUCCIARELLI E’ UN ATTACCANTE
    QUIDI CABIO MODULO 4-3-3 E BASTA!
    BASTA!

    • AGGIUNGO NEL 2013 IL 4-3-1-2 TI HA PORTATO GRANDI RISULTAI SEI STATO BRAVO A RIPROPORLO.
      SEI STATO BRAVO A CHEREDERE NEL GIOCO E NEL POSSESSO PALLA.
      IN UN MOMENTO DIFFICILE COME QUELLO DELLA SCONFITTA IN CASA CON L’ASCOLI 0-3 HAI SAPUTO CAMBIARE.
      SEI STATO BRAVO ALLORA.
      NON ASPETTARE PIU’ (SAPONARA NON CE L’HAI PIU’) NON HAI ALTRI TREQUARTISTI CAMBIA ORA CAMBIA MODULO
      MA CHE TI CI VUOLE.
      NON TI CI INCAPONIRE PIU’!
      NON E’ UNA QUESTIONE DI BRILLANTEZZA (E’ SOLO UN ASPETTO) E’ QUESTIONE DI CARATTERISTICHE E DI UOMINI QUINDI RISOLVIBILI CAMBIANDO IMPOSTAZIONE TECNICA.

  3. Dash, guarda che il 4-3-1-2 è il sistema di gioco con cui questa squadra è arrivata al 2° posto in classifica con un organico inferiore al Pescara, allo Spezia e a tante altre squadre che seguono in classifica. Una smart tirata al massimo può anche competere con macchine di cilindrata superiore se alla guida c’è Vettel. Ma alla lunga può arrivare chiunque alla guida di una Ferrari e superarla con estrema facilità! Forse qualcuno non si è reso conto a gennaio che per fare il salto di qualità non era sufficiente Eramo, ma serviva anche un’alternativa a Ciccio e Big Mac.
    Ora speriamo che il Bari faccia punti in casa e di riprendere il nostro cammino del 2013 dalla settimana prossima. Ma se non dovesse accadere pazienza. Le altre squadre che hanno disputato i playoff l’anno scorso sono tutte in difficoltà. Ma non dimentichiamo che la federazione con convocazioni durante il campionato o arbitraggi insufficienti ci sta penalizzando in maniera vergognosa.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here