Vitale: “dobbiamo dire grazie ai tifosi, perchè con spettacoli come quelli offerti la loro reazione poteva essere ben più peggiore”

Corsi: “Pillon non era l’allenatore giusto per uscire dal tunnel nel quale siamo finiti. Ai tifosi promettiamo di impegnarci per fare qualcosa sul discorso della Tessera del Tifoso, proveremo a coinvolgere altri club per esporre i problemi nelle sedi opportune. Li rivorremmo con noi anche in trasferta, e più numerosi nelle gare casalinghe…”

 

Ieri, mercoledi 23 novembre alla vigilia della sfida di Coppa Italia contro la Fiorentina, presso la sede del Centro di Coordinamento Empoli Clubs è andato in scena l’incontro tra i tifosi azzurri e l’Empoli FC. Per l’Empoli hanno partecipato il Presidente Fabrizio Corsi, il Direttore Generale Pino Vitale e l’Addetto Stampa Gianni Assirelli. Moltissimi i tifosi azzurri che hanno preso parte alla serata-dibattito, praticamente presenti tutti i rappresentanti del tifo azzurro, dai club ai semplici azzurri, per finire con i gruppi ultras.

 

Il dibattito, dal titolo “Quale futuro per il calcio, quale futuro per l’Empoli Calcio”, è stato aperto dal Presidente del Centro di Coordinamento Athos Bagnoli e dal giornalista di PianetaEmpoli Fabrizio Fioravanti intorno alle 21.15 e si è concluso pochi minuti prima delle mezzanotte. Quasi tre ore di riunione-fiume dove sono stati toccati innumerevoli punti: dal problema che sta attraversando la squadra azzurra sotto il profilo dei risultati e del rendimento, ai problemi di tipo atletico, quelli del mercato azzurro della scorsa estate; l’esonero di Aglietti prima e Pillon poi; la “non” esplosione di alcuni giovani e i problemi che stanno accusando alcuni di essi. Poi la tematica si è spostata sulle motivazioni che hanno spinto la società azzurra ad ingaggiare Guido Carboni: “viene da un periodo difficilissimo e ha grande voglia di riscatto – ha dichiarato il presidente – siamo pertanto convinti che possa darci quello che gli altri non ci hanno saputo dare”; “nel calcio contano le motivazioni, – ha aggiunto Pino Vitale – il nostro nuovo tecnico ne ha da vendere, il Pillon visto ad Empoli, forse, non era quello di una decina di anni fa – ha proseguito il DG”.

 

Ad un certo punto della serata Pino Vitale ha ammesso: “la colpa è solo di noi dirigenti, e mia in particolare. Abbiamo commesso degli errori che adesso stiamo pagando a caro prezzo. Dobbiamo inoltre dire grazie alla tifoseria azzurra perchè con gli spettacoli indecorosi offerti in campo potevano essere anche più cattivi con noi. Ora tocca a noi invertire la marcia e tornare sui nostri livelli”.

 

Il dibattito si è poi spostato sul problema legato ai tifosi e alla Tessera del Tifoso. “Vorremmo riavere gli ultras e i tifosi azzurri al nostro fianco anche nelle trasferte, – ha dichiarato Pino Vitale – perchè per noi sono importanti…”. Poi un rappresentante ultras ha dichiarato… “sarà dura che ci rivediate in trasferta fino a che ci sarà la Tessera del Tifoso così come è impostata adesso, alcuni principi della tessera – ha proseguito il tifoso azzurro – sono anticostituzionali e vanno contro le regole di un libero cittadino”. A questa fase del dibattito ha preso parte attivamente anche l’Avvocato Gianni Assirelli, Addetto Stampa azzurro e profondo conoscinore della tessera del tifoso, quella che ad Empoli viene chiamata “EmpoLife”. Quindi dopo almeno una quarantina di minuti di confronto su questa tematica Vitale e Corsi hanno promesso ai tifosi “ci daremo da fare per capire cosa possiamo fare con la Lega e le istituzioni per cercare di riportare i tifosi azzurri al nostro seguito. Questa promessa non vuol dire che riusciremo a farcela, perchè purtroppo non dipende da noi, ma di sicuro solleveremo, cercando di coinvolgere altre società, questo problema”.

 

Poi i due massimi esponenti azzurri si sono congedati promettendo alla tifoseria sempre massimo impegno, ribadendo il concetto che se l’ambiente resta compatto sicuramente l’Empoli uscirà da questa difficile quanto complicata situazione.

 

PianetaEmpoli-Tv, presente alla serata, ha preparato un servizio di una quarantina di minuti con alcuni passaggi del dibattito.

Montaggio-servizio a cura di Gabriele Guastella, riprese di Tommaso Chelli.

Buona visione.

 

20 Commenti

  1. STRAZIANTE TRVO STRAZIANTE CHE SI RAGIONI DELLA TESSERA DEL TIFOSO PER 40 MINUTI.

    INVECE CHE RAGIONARE CHE NOI VOGLIAMO TORNARE IN SERIE A

    STRAZIANTE

    • Invece secondo me se ne deve anche ragionare, ma non si può pretendere che il piccolo Empoli faccia la ribellione autonomamente. Non sarà una legge ma sarà una circolare o che ti pare, fatto stà che te la impongono e fare la battaglia da soli, senza coordinarsi con altre squadre politicamente più importanti, sarebbe il modo più veloce per essere tolti dalla circolazione.

      • Quoto su tutta la linea.
        .
        Ricordatevi sempre che una società e una “piazza” come la nostra sono viste solo come un peso da chi tira i fili del calcio moderno…siamo troppo pochi da “spremere” per i loro interessi commerciali.

  2. la società empoli fc era pienamente consapevole di cosa è veramente la tessera del tifoso, gli fu spiegato acnhe la sera della presentazione di empolife allo shalom.
    lo sapevano benissimo che avremmo smesso di andare in trasferta, e non gliene fregava proprio nulla, infatti il calistri che venne li fuori era anche dimorto strafottente e dichiarò che la società era favorevole alla tessera del tifoso; dopodiche voltò le spalle e lasciò che 20/30 persone fossero identificate sul posto dalla polizia, sotto minaccia di daspo solo per essere fermi in piedi su un marciapiede.

    detto questo, la società faccia quello che vuole, dica quello che vuole e provi ad abbindolare chi gli pare.

    io, parlo per me ed altri non dei gruppi, non mi faccio prendere in giro da questi ‘signorini del calcino’. Se avevano qualcosa da dire alla lega glielo avevano a dire a suo tempo: ma non l’hanno fatto perche erano daccordo. Ormai sono complici della lega stessa e di chi ha dato e darà disposizioni ministeriali (che non sono leggi, tra l’altro) anticostituzionali e liberticide.
    Meno chiacchiere è più fatti: continuiamo a giocare senza palle, soprattutto stasera, poi vediamo la reazione

    E’ già tanto se si viene in casa, visto lo schifo che fanno i giocatori in campo e i dirigenti in ufficio.

    un consiglio al Corsi: metti in vendita l’Empoli Fc, prima di farlo fallire.

  3. Qui si rischia la Lega Pro e parlano x 40 minuti della tessera del tifoso? fatela come tutti e basta, andate in trasferta e risparmiate facendo l’abbonamento… e’ una tessera come ne abbiamo tante, siamo schedati da quando si nasce a quando si muore!!! Fossero questi i problemi, mah…Speriamo bene, ma la vedo bigia!

    • LEO MESSI…al tu nipote quando nascerà metteranno il microchip nel collo….ma tanto a te che te frega…siamo tutti schedati dalla nascita…..
      ULTRAS LIBERI

  4. io vedo la Juventus che riempe tutti gli stadi dove va a giocare…idem il Napoli e tante altre squadre…e voi per seguire un principio inutile fate un danno alla squadra…
    Ma fate questa tessera del tifoso e tornate in trasferta…che la squadra ha bisogno di voi!!!

    Caro Fabio ma cosa vuoi che conti la voce dell’Empoli…il ministero ha imposto questo alla Lega…l’Empoli fa parte della Lega e si attiene alle regole…anche se Calistri ti avesse detto; “siamo contro la tessera!!” cosa cambiava???

    Criticateli per gli allenatori e per il mercato ma non per questa cosa inutile…

    Che paura avete a fare la tessera??
    tanto come dice leomessi…siamo schedati da quando si nasce a quando si muore…
    e fate più cori per l’Empoli invece che stare sempre li a cantare contro la tessera e contro Maroni…

    • rileggi quello che ho scritto.
      so bene che la voce di fabrizio corsi conta meno di zero; sarebbe comico il contrario, anche se viviamo in un Italia in cui anche uno scilipoti può parlare in parlamento… il problema non è quello.
      Il problema è che PRIMA, nonostante gli si fosse spiegato tutto per bene (informati per bene anche te su come funziona, visto che pensi che sia come una tessera della coop), c’hanno detto in faccia che erano favorevoli alla tdt, che la tdt era la cosa migliore del mondo ecc; DOPO, per mascherare in parte gli errori fatti, buttano la croce addosso a noi e vengono a dire che gli si manca….

      ALLORA VISTO CHE QUESTI SIGNOROTTI SONO A FAVORE DELLA REPRESSIONE E DEI FERMI PREVENTIVI LO SAI ICCHE’ ? NON VENGANO A PIAGNUCOLARE ORA E NON ROMPANO LE SCATOLE.
      E’ BENE CHE SI SAPPIA CHE GLI ULTRAS VANNO IN GIRO PER L’ITALIA PER LA CITTA’ DI EMPOLI, NON PER L’AZIENDA EMPOLI FC DEL PROPRIETARIO CORSI.

      NON CI PIEGHEREMO, NON PERDEREMO LA DIGNITA’, NOSTRA E DEI VECCHI ULTRAS, SOLO PERCHE IL PRESIDENTE E LA DIRIGENZA DI TURNO L’HANNO PERSA (SE MAI L’HANNO AVUTA).

      Se vu siete tanto bravi, tesserati, fidelizzati, smaliziati e non ideologici, perché un vu c’andate voi in trasferta a fare il tifo??
      Non dico a Reggio Calabria, ma almeno a firenze, livorno, grosseto, modena, ecc….. ma di che….. la verità e che alla cosiddetta ‘gente normale’ che si è tesserata, e all’unione clubs azzurri tesserati, gli garba ma dimorto guardarsela in poltrona su sky!! E secondo me fate proprio bene a stare a casa, tanto il tifo non lo fareste comunque.

      Sta proprio qui la differenza. Ognuno pensi per se, noi ultras (ripeto parlo per me e per altri ultras non dei gruppi) non abbiamo nulla a che spartire ne con chi è favorevole a una tessera fatta in questo modo, ne con una società complice e questurina.

      Ripeto: la società si comporti professionalmente meglio (umanamente è inutile chiedergli altro..) e i tifosi tesserati facciano il tifo il sabato (anche e soprattutto in casa) invece di stare a bubbolare e a metter bocca su cose che dimostrano di non conoscere. E’ meglio per tutti.

      CORSI VATTENE

      19*21

  5. Finalmente!!! Quoto in strapieno, qui si rischia la retrocessione e questi 40 minuti a fare domande sulla tessera del tifoso.. Io non ho parole. E nel frattempo proprio mentre la squadra ne ha bisogno la tifoseria si attacca ancora a questo stupido principio. Siamo gia spiegati, siamo nel 2011, non nel 1800..
    Lo stadio è pieno di telecamere, qualsiasi cosa facciate verrete comunque rintracciati. Ma cosa vi costa mai fare una stupida tessera. D’altronde anche l’unione Club azzurri prevede una tessera, i circoli lo prevedono, il tram lo prevede, l’autobus, la metropolitana il mediaworld, la Fnac, il maxismall

    • Scusa ma che paragoni fai? Io in qualsiasi città vada prendo autobus e metropolitana comprando regolare biglietto… Così come entro in qualsiasi Mediaworld o Coop che sia anche senza avere la tessera di fidelizzazione… I circoli sono privati, gli stadi non mi pare che lo siano…

  6. …grandi i ragazzi che hanno parlato…..con la morte nel cuore ma meglio a casa, con dei princìpi ben saldi, che allo stadio dopo essersi piegati a 90.

  7. Sicuramente si può essere in disaccordo con una tessera che non ha senso…ma d’altronde serve e quindi per andare a vedere l’Empoli va fatta…non capisco il senso di non farla per principio!!
    Intanto l’empoli non ha più i suoi tifosi in trasferta…oggi a Firenze è stato bello vedere 200 tifosi…
    Ti domando una cosa; ne vale la pena??? Pensi che cantando no alla tessera ce la tolgono???forse è meglio sperare nel nuovo ministro!!!
    Intanto peró fatela e venite a vedere l’Empoli!!!

    • …..personalmente preferisco non andare piú a vedere l’Empoli. Mi spiace, ma non posso ogni volta che mi vien detto “fai cosí” eseguire…..e tanti dovrebbero cominciare a farlo, perché si parte sempre dalle piccole (sottovalutandole) cose, per poi accorgersi di trovarsi tutti con un bastone nel c..o.

  8. A me importa solo dell’empoli, quindi tessera o non tessera io alla partita ci vado ugualmente, NE FACCIO UNA DUE TRE QUATTRO CENTO DI TESSERE se occorre, ma l’empoli non me lo leva nessuno.
    Con i tifosi del verona ho riprovato le sensazioni che avevo quando anche noi eravamo in tanti…
    Quindi rispetto per tutti ci mancherebbe, ma l’empoli viene prima di qualsiasi tessera.

  9. QUANTO RAGIONATE?? Molti di voi discutono di argomenti che non conoscono minimamente.Chi non si tessera lo fa’ per dignita’,per scelta propria e non per imposizione di chi sa’ chi.La civilta’ di oggi ragiona sul presente dimenticando il passato,dimenticando l’evoluzione,che ha portato alla regressione.La tessera,biglietti nominali,daspo,autorizzazioni e caro biglietti, hanno portato moltissime persone ad abbandonare gli spalti, e a mettersi davanti alla tv. Non tutte le famiglie si possono permettere una giornata allo stadio,anche ad empoli,dove per vedere anche 1 sola partita,ad una famiglia di 3 persone puo’ costare da un minimo di 30 euro, ad un massimo di 40-50 euro.Ma pensandoci bene chi me lo fa’ fare, di spendere 60-90 euro per andare allo stadio, quando in sky,mediaset o altro,me lo propongono a 19 euro al mese?????ragionamento su 2 partite casalinghe,escludendo le trasferte, visto che negli ultimi anni ad empoli,raro eccezzioni, le prensenze in trasferta sono state mediamente sulle 50 unita’.Per quanto riguarda gli ultras,sono molte le cose che hanno portato a certe scelte ,difficili, perche’ vanno a seppellire cio’ per qui vivano, viviamo.La tessera e’ un assurdita’,perche’ non e’ una scelta ma un imposizione, e per di piu’ anticostituzionale(CERCATEVI VIDEO DELL’AVVOCATO LORENZO CONTUCCI).Molti credono che la legge sia sempre dalla parte giusta,credono che il mondo sia cosi vero, che tutto a loro e’ concesso…ma mi dispiace non e’ proprio cosi,perche’ per gli ultras vigono leggi assurde, retroattive(IN TALIA SONO ANTICOSTITUZIONALI), CHE IMPEDISCONO A CHI PUR AVENDO SCONTATO LA SUA PENA, DI NON ENTRARE ALLO STADIO PER UNLTERIORI ANNI….percio’ io come tanti altrI non possiamo accettare un umiliazione cosi,gli amici per noi sono tutto, il rispetto e’alle nostre fondamenta,la dignita’ e l’aggregazione i nostri principi.SE SBAGLIAMO PAGHIAMO,MA NON CI PIEGHEREMO A I VOSTRI SPORCHI GIOCHI DI POTERE E DI CARRIERA.La nostra passione, e’ la vostra speculazione,e senza trovare mezze vie,vi riporto uno striscione esposto in maratona anni fa’……IL CALCIO E’ DEL POPOLO E NON DEI PADRONI

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here