“Con il Cesena è stata una vittoria importante che dà forza al morale e fortifica la classifica. Era importante superare la sconfitta di Verona: abbiamo dimostrato che abbiamo acquisito una certa convinzione, che non dipende da una singola vittoria o da una singola sconfitta. Con il Cesena, dopo il loro 2-2, magari non avevamo la brillantezza fisica, però abbiamo avuto la lucidità e la voglia di andare a conquistare i tre punti”

 

“La necessità deve diventare una risorsa”, prosegue Castori analizzando la trasferta di Empoli, che il Varese affronta con alcuni problemi, dettati dalle squalifiche e dagli infortuni: “L’emergenza dovrà diventare una virtù. Avendo giocato due giorni fa, bisogna vedere bene chi avrà recuperato a pieno e chi invece ancora no. La condizione fisica e atletica è, a maggior ragione, importante, quindi valuterò domani. Come dicevo, contro il Cesena, sul 2-2, eravamo in debito d’ossigeno, quindi dovrò ponderare bene le scelte”.

 

“Sì, abbiamo lavorato su diversi moduli nella rifinitura, ma non è detto che lo faremo; ci dobbiamo preparare tatticamente a qualsiasi evenienza. Tuttavia, anche in questo caso e anche in generale, non faccio mai la squadra sull’avversario. Noi abbiamo un modulo di gioco ben chiaro con il quale possiamo affrontare ogni avversario”, replica l’allenatore biancorosso ai giornalisti che ipotizzano modifiche nel tradizionale 4-4-2.

 

Sui singoli, invece, Castori aggiunge: “Martinetti non è al top, ma è rimasto l’unico attaccante di ruolo che abbiamo, vedremo se e come utilizzarlo. La scelta di giocatori e modulo dipenderà, appunto, soprattutto dalla condizione fisica e dalla freschezza atletica. Il campionato è lungo e dispendioso, bisogna sapersi riciclare. Bressan, invece, è acciaccato, ma è convocato, quindi può farcela, anche se pure lui non è al meglio della condizione”.

 

Sul finale della conferenza stampa, un commento anche sul Sassuolo: “E’ una squadra forte, non mi aspettavo a inizio anno che potesse creare questo vuoto. Ora, invece, in linea di massima mi auguro che possano sempre allungare, ovviamente non fra una settimana, quando giocheranno contro di noi qui a Varese”.

L’ultima considerazione di Castori è sulle qualità del’Empoli: “E’ una squadra che gioca a rombo in mezzo al campo, ha due attaccanti esperti. E’ un mix di giovani molto promettenti, come Saponara o Regini e Valdifiori, per altro questi ultimi due hanno esordito con me in B a Cesena quando avevano 16 anni,  e giocatori maturi e d’esperienza. Sono pericolosi anche su palla inattiva, hanno buoni schemi: sono una squadra di qualità, insomma, ma noi faremo come sempre la nostra parte, con la mentalità che abbiamo dimostrato, ancora una volta, anche mercoledì contro il Cesena”.

.

 

Ufficio Stampa

AS Varese 1910

CONDIVIDI
Articolo precedenteEmpoli-Varese: le probabili formazioni
Articolo successivoTV | Il pregara di mister Sarri
Giornalista pubblicista, da sempre tifoso azzurro è tra i fondatori di Pianetaempoli.it sul quale scrive ininterrottamente dal 2008. Per PE, oltre all'attività quotidiana, si occupa principalmente delle interviste post gara da tutta Italia. E' stato speaker ufficiale dell'Empoli FC per 5 stagioni.

1 commento

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here