Azzurri in campo per la seduta tattica delle ore 15:00 in vista dell’impegno di campionato contro la Reggina in posticipo. Si è lavorato anche al mattino sulla parte atletica.

 

Aglietti rispetto alla seduta di ieri ha quest’oggi lavorato maggiormente sul 4-2-3-1 che potrebbe essere l’assetto più accreditato per sfidare i calabresi. Sono due le novità importanti dell’odierna seduta, è presto ovviamente per stilare i probabili undici ma Fatic come terzino sinistro e Signorelli come “trequartsta” potrebbero essere seriamente candidati ad una maglia da titolare. Soprattutto per quanto concerne il ruolo di esterno sinistro in difesa, Regini non è mai stato provato tra i titolari, e possiamo dire che le condizioni del giocatore sono buone, quindi la scelta è prettamente tattica. Cosi come quella di provare il venezuelano (ha lavorato davvero bene) tra Saponara e Tavano dietro alla punta che inevitabilmente sarà Claudio Coralli, anche perchè Levan non ha lavorato con il gruppo per una piccola defezione.

Tornando alla difesa è stato ancora Ficagna a giocare a destra, mentre sulla mediana sono vivi alcuni ballottaggi, con Moro in vantaggio su tutti e Valdifiori e Coppola a giocarsi la seconda maglia.

Al campo presenti anche Lazzari e Tonelli impegnati in un differenziato, con il primo in netto recupero, mentre completamente out restano Vinci, Brugman e Buscè

 

Per domani pomeriggio è previsto un test con il Montelupo.

 

To. Che.

 

CONDIVIDI
Articolo precedenteInter stile anni '90: "bye bye Gasperini"
Articolo successivoSerie A | Napoli, tonfo in casa del Chievo
Giornalista pubblicista, da sempre tifoso azzurro è tra i fondatori di Pianetaempoli.it sul quale scrive ininterrottamente dal 2008. Per PE, oltre all'attività quotidiana, si occupa principalmente delle interviste post gara da tutta Italia. E' stato speaker ufficiale dell'Empoli FC per 5 stagioni.

17 Commenti

  1. che sia maledetto quel difensore dell’inter primavera che nella finale del viareggio ha pregiudicato la carriera di Levan..come lo tocchi si rompe..damn it

  2. Rientra CORALLONE e AGLIETTI NON LO METTE ACCANTO TAVANO…..NO LUI LO METTE A LOTTARE DA SOLO.Poi prendiamo Valdifiori e mettiamolo in panchina…ma mi domando con la Reggina,il sig.AGLIETTI,…ha capito che se perde è arrivato al capolinea?Non voglio dire altro!

  3. Credo che il nostro allenatore abbia le idee poco chiare, ieri 4-3-3 certo, oggi 4-2-3-1, magari domani fa 4-4-2. Al di la di questo credo che la squadra gli remi contro e lunedi assisteremo ad un’altra sconfitta che coinciderà con il suo esonero. Allo staff chiedo se quando intervisterete il mister gli potete chiedere se lo spiogliatoio lo sente vicino oppure o no. Grazie.

  4. CHIARAMENTE VISTO CHE ABBIAMO IL CAPOCANNONIERE
    DEL CAMPIONATO AGLIETTI LO FA’ GIOCARE SULLA
    TREQUARTI LONTANO DALLA PORTA ANZICHE’ ACCANTO
    A CORALLI NEL CUORE DELL’AREA DI RIGORE…

  5. Notizia Ansa.
    «Ultimissime da Empoli: sembra che il tecnico dei toscani, Alfredo Aglietti, abbia perso nella serata di ieri, la sua “palla nera delle risposte”, un utile strumento che il predetto allenatore utilizzava da sempre per fare la formazione delle sue squadre ed in primis per scegliere il modulo da mettere in campo la partita seguente.
    Vista la perdita di importante marchingegno, che si ricorda fornisce “risposte casuali” dopo essere stato opportunamente scosso, il Sig. Aglietti si è detto molto dispiaciuto ed affranto rivelando, allo scopo, di non avere più idee su come schierare la squadra per la prossima partita di lunedì con la Reggina. Al riguardo il tecnico degli Azzurri ha svelato ai nostri microfoni che la predetta “palla delle risposte”, all’inizio di questa settimana, gli aveva “consigliato” di passare dal 4-4-2 al 4-3-3, per poi dare una nuova “diversa risposta”, giusto ieri mattina, “indicando” al tecnico di scegliere un 4-2-3-1.
    Poi ieri sera, rientrando a casa, il Signor Aglietti si è accorto della grave perdita, non avendo peraltro idea di dove di preciso possa aver perso la suddetta “palla delle risposte”.
    Allo scopo, attraverso il nostro articolo, ci sentiamo di sensibilizzare tutti i tifosi “azzurri e non” affinché ci siano segnalati tutti i possibili avvistamenti della “palla nera” del tecnico dell’Empoli.
    Vi lasciamo immaginare lo sgomento del Signor Aglietti, privato di questo fondamentale e “scientifico” strumento per il suo lavoro.»

  6. Provo a immedesimarmi nel mister.

    So che devo dare una scossa e vincere.
    So che voglio solo puntare sulle verticalizzazioni e la forza del singolo giocatore.

    Il modulo migliore è il 4-3-3 con tre bocche da fuoco davanti.

    Poi però ripenso a brescia.
    Mi ricordo della pessima prestazione e cambio idea.

    Allora meglio il 4-2-3-1 che i giocatori conoscono perchè l’hanno praticato tutta l’estate.
    In più ho alcuni uomini da far giostrare in modo diverso (posso farcela).
    Insomma una situazione di approccio alla partita che da più garanzie.
    Addirittura se tutto va male passo al 4-4-2 con le ale alte.
    .
    .
    Gaperini ha fatto festa perché si era piccato su un’idea di gioco.
    Ma il gioco migliore è quello di rispettare la natura delle cose.

    Come ha detto ierisera Ranieri tutti i moduli sono vincenti.
    Dipende dai giocatori e da come vengono interpretati.

    Dai “Aglio” te lo ripeto per salvare il tuo posto e l’Empoli
    non c’è che una medicina: Tempo alla profondità.

  7. Usualemi mi hai fatto scompisciare dalle risate, chissà se il mister avrà letto il tuo post. Io non riesco a sentirla questa gara, troppa confusione ed ho davvero perso la fiducia in alcuni elementi che ritenevo forti, su tutti Meclidze, poi Saponara e Dumitru. Speriamo nel vecchio cobra

  8. Barzelletta ? Dai Barzelletta !!!
    Stadio Castellani, tribuna d’ onore. La partita e’ quella del 26 settembre 2011, Empoli – Reggina.
    Seguono la partita anche il sindaco di Empoli ed il Papa. Segna Coralli alla fine del primo tempo e il sindaco si alza in piedi e grida al goal, mentre il Papa rimane seduto e comincia a sudare. Al 90′ Bonazzoli con un tiro da fuori area prende la traversa, ma il pallone ricade sui piedi di Campagnacci che mette la palla in rete.
    Il Papa si alza in piedi, grida al goal e da sotto la tunica tira fuori una bandiera della Reggina. Il sindaco lo guarda sbigottito e gli domanda: “Ma non pensavo che fosse un tifoso della Reggina !!”. E il Papa gli risponde: “Ma che tifoso della Reggina, sono venuto allo stadio perche’ mi hanno detto che l’Empoli vince ad ogni morte di Papa !!!”

  9. Barzelletta ? Dai Barzelletta !!!
    Mi sai dire 4 squadre di Serie A e B che finiscono con una consonante?”. “Allora: Inter, Juventus, Milan e… boh!”. “Empoli!”. “Perche’ Empoli?”. “Perche’ finisce in C !!!”

  10. AAA cercasi disperatamente allenatore! Si vocifera che uno sconsolato Aglietti perda le notti non sapendo quale modulo adottare in campo. I giocatori sconsolati e attoniti si aggirano in campo senza punti di riferimento lasciando ai maleducati (perche’ non ringraziano) avversari immense praterie desolate, soprattutto a centro area. La dirigenza tutta assiste attonita ma immobile!

  11. ahahah…apparte gli scherzi.AGlIETTI GIOCA COL 4-4-2 CON TAVANO E CORALLI DAVANTI!!!!A CENTROCAMPO SIGNORELLI E VALDIFIORI E CON LORO 2 SI Fà QUALITà INVECE DI AVERE DUE MASTINI COME MORO E COPPOLA!!!!

  12. MAH!!! Non capisco parlate di Mister a chi vi rivolgete…Sono 2 anni che siamo senza una guida tecnica…non ci avete fatto caso? E poi i nostri campioncini? Mi dispiace perche sono x l?empoli da una vita e lo saro’ x sempre…Ma siamo sinceri,non ce ne’ uno x il verso!!! Pensa che facciamo finta che Saponara e Mori abbiano un futuro da campioni…Abbiamo sfornato dei campioni veri e questi non a confronto sono amatori!!! Peccato, torneranno quei bei tempi o faremo la fine del movimento calcistico italiano? una triste fine….

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here