Da Verona parla il tecnico Maran

Da Verona parla il tecnico Maran

Si è svolta oggi a Veronello la conferenza stampa di mister Rolando Maran, alla vigilia di Empoli – ChievoVerona. Queste le parole del tecnico gialloblù.   “Quella di domani è una partita importante, è abbastanza chiaro. Ci arriviamo come speravamo di arrivarci, vale a dire con dei punt

Commenta per primo!

maranSi è svolta oggi a Veronello la conferenza stampa di mister Rolando Maran, alla vigilia di Empoli – ChievoVerona. Queste le parole del tecnico gialloblù.   “Quella di domani è una partita importante, è abbastanza chiaro. Ci arriviamo come speravamo di arrivarci, vale a dire con dei punti in più in classifica rispetto a qualche settimana fa. Ci arriviamo con il morale giusto che deve essere tramutato in una carica per avere una spinta ancora maggiore. Queste sono partite che contano molto. Non sono ancora decisive, ma contano. In settimana abbiamo lavorato con la massima attenzione e la solita partecipazione”.   “Anche se nel breve periodo in cui non sono arrivati i risultati non c’è stata la gratificazione dei punti, c’è sempre stata la massima fiducia da parte dei ragazzi in quello che facevamo. Dal punto di vista del lavoro non è mai cambiato nulla. Abbiamo ben chiaro in testa quello che vogliamo proporre domani in campo, poi durante la partita possono arrivare molteplici indicazioni e abbiamo lavorato su più soluzioni per poter leggere bene la partita”.   “Cosa invidio all’Empoli? Invidio il tempo che hanno avuto per lavorare insieme: hanno potuto costruire un impianto di gioco valido e i punti in classifica lo testimoniano, ma io mi tengo i miei giocatori perché mi stanno dando grandi soddisfazioni per sacrificio, partecipazione e gioco”. “L’Empoli è vero che ha molto palleggio, ma rispetto alla Sampdoria verticalizza tanto per gli attaccanti che allungano spesso, quindi non sarà una partita simile a quella che abbiamo giocato con la domenica scorsa”.   “Il ChievoVerona e l’Empoli sono due realtà che rappresentano il fiore all’occhiello del calcio italiano. Ogni anno costruiamo attraverso il lavoro e la programmazione le nostre storie. Sarri ha fatto tanta gavetta per arrivare al palcoscenico migliore del calcio italiano e questi sono tutti aspetti che chi ama il calcio apprezza e valorizza”.    

0 commenti

Commenta per primo!

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy