Rade Krunic: “Che emozione sentire urlare il mio nome”

Rade Krunic: “Che emozione sentire urlare il mio nome”

Al termine della seduta di allenamento di ieri, alla ripresa degli allenamenti, il bosniaco Rade Krunic, autore del suo primo gol in serie A sabato contro il Genoa, ha scambiato alcune battute con i colleghi della carta stampata locale (Nazione/Tirreno). Nonostante il suo italiano sia ancora lontan

Commenta per primo!

empoli-genoa (12)Al termine della seduta di allenamento di ieri, alla ripresa degli allenamenti, il bosniaco Rade Krunic, autore del suo primo gol in serie A sabato contro il Genoa, ha scambiato alcune battute con i colleghi della carta stampata locale (Nazione/Tirreno). Nonostante il suo italiano sia ancora lontano, il 22ene nativo di Foca ha espresso molto bene quelle sono le forti emozioni per quanto successo nel corso dell’ultimo match.   ” Sono davvero soddisfatto di queste tre partite che ho giocato, credo di aver fatto bene ed anche con Sassuolo e Roma avrei potuto segnare ma non è andata cosi. Con il Genoa è andata meglio e questo gol lo dedico a tutti i tifosi che credono in noi e non ci fanno mai mancare il loro supporto. E’ ovvio che un pensiero va anche alla mia famiglia. Quando ho segnato, e tutto lo stadio ha urlato il mio nome mi sono davvero emozionato, lo confesso, da noi il tifo è vissuto in altro modo e non ci si abitua mai a questo tipo di situazione. Non mi aspettavo di trovare spazio da subito, davanti a me ho un grandissimo giocatore (Saponara ndr.) ma credo di aver sfruttato al meglio queste occasioni e spero di potermi rendere utile alla causa ogni qual volta sarò chiamato dentro per dare il mio contributo alla salvezza che questa squadra merita”.   Sono state sicuramente tre buone prove quelle di Krunic ma adesso ovviamente con il ritorno di Saponara le gerarchie vedranno nuovamente il giovane bosniaco partire dalla panchina.La consapevolezza di avere una freccia in più all’arco è certamente cosa molto importante e siamo sicuri che adesso la sostituzione di un giocatore imprescindibile come Riccardo, sarà gestita e vissuta in modo più sereno. Difficile, come ha detto anche mister Giampaolo, che i due possano coesistere ma, volendo guardare anche in la nel tempo, l’Empoli adesso ha la consapevolezza di aver trovato un elemento che sarà decisamente importante anche nel futuro prossimo.   Alessio Cocchi

0 commenti

Commenta per primo!

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy