Le Pagelle di Napoli-Empoli 2-2

Le Pagelle di Napoli-Empoli 2-2

Ecco le pagelle inerenti le prestazioni dei calciatori azzurri, relative al lunch-Match del San Paolo contro il Napoli che li ha visti uscire con un brillante 2-2, dopo aver condotto per ampi tratti la contesa. Redatte per voi Dalla redazione di Pe.   SEPE: 7.5 Al 4′ di recupero compie un int

Commenta per primo!

Ecco le pagelle inerenti le prestazioni dei calciatori azzurri, relative al lunch-Match del San Paolo contro il Napoli che li ha visti uscire con un brillante 2-2, dopo aver condotto per ampi tratti la contesa. Redatte per voi Dalla redazione di Pe.   SEPE: 7.5 Al 4′ di recupero compie un intervento miracoloso su De Guzman, Evitando una beffa inaccettabile. In precedenza aveva sbarrato la strada allo stesso olandese. Sui due gol subita da Duvan e da De Guzman nulla poteva fare il numero uno azzurro.   HYSAJ: 7  Se la deve vedere con un cliente molto difficile come Mertens. Soffre solo nella parte centrale della ripresa quando i partenopei aumentano i ritmi delle giocate, ma era impensabile non faticare contro avversari di quel calibro. Tuttavia l’albanese dimostra la sua eccellente condizione psico-fisica.   TONELLI: 6.5  Combatte come un leone il nostro “The Wall”. Riesce a disinnescare quasi sistematicamente Duvan, al quale regala centimentri e chili. Come di consueto si fa trovare pronto sempre nel posto giusto nel momento giusto. Sul gol di Zapata si fa sorpendere dalla traiettoria della palla.   RUGANI: 7  Suggella una  prestazione eccellente con il gol del 2-0, concretizzando l’ennesima palla inattiva dei nostri. Nella nostra area si fa trovare sistematicamente al posto giusto nel momento giusto. In occasione del gol segnato da Duvan, anche lui legge con un attimo di ritardo l’azione e si fa sorprendere   MARIO RUI: 6.5  Esce per infortunio proprio quando il Napoli trova il gol del 2-2. A proposito perchè non si permette al portoghese e ad Hysaj di rientrare in campo? mistero. Al di la di quell’episodio bene Mario sia in fase offensiva che in copertura dove se la deve vedere con l’ex Real Callejon.   BARBA: 6 Entra nel momento più caldo del confronto, e il difensore romano risponde presente.   VALDIFIORI: 6.5  Guida con la consueta maestria e autorità il nostro centrocampo. Non soffre, alla stregua deii suoi compagni l’effetto “San Paolo”. Mette lo zampino sul gol di Rugani che vale il momentaneo 2-0. Quando il Napoli cresce sul piano dell’intensità, fa fatica in mezzo al campo.   napoli-empoli (11)VECINO: 7 Conferma il suo eccellente stato di forma l’uruguaiano. Riesce ad abbinare quantità, fosoforo e qualità. Fa le due fasi senza troppi problemi, e soprattutto nel primo tempo le sue giocate mettono sovente in difficoltà la retroguardia di Benitez.   CROCE: 6  Come avviene ormai dall’inizio del campionato, “Il prestigiatore” fa un lavoro oscuro, utile per mantenere l’equilibrio e la compattezza. Dopo un’ora Sarri lo toglie per dare spazio a Laxalt.   LAXALT: 6 Entra nel momento più difficile della gara, quando il Napoli aumenta i ritmi delle proprie giocate. L’Uruguaiano si fa ammonire, e perde qualche pallone di troppo. Con il passar del tempo il suo rendimento cresce dando un fondamentale contributo alla causa.   VERDI: 7  “La Lanterna Verde” zittisce il San Paolo con giocate di livello assoluto e siglando il gol del vantaggio. Perdonateci la battutams “Fa vedere i sorci verdi” ai difensori del Napoli. Nella ripresa il suo rendimento cala, ma rimane una prestazione eccellente la sua.   ZIELINSKI: S.V   TAVANO: 6  Non riesce a concretizzare un ghiottissima occasione nel primo tempo. Per il resto dialoga con i compagni di reparto, cercando gli spazi nella retroguardia partenopea.   MACCARONE: 6.5  Spreca anche lui una buona occasione sul risultato di 1-0, allargando troppo il compasso del piede destro. Per il resto combatte con grande generosità mettendo lo zampino in tutte le azione degli azzurri.   SARRI: 7.5 Per 70′ i tifosi del San Paolo hanno ammirato il gioco degli azzurri, ma non erano i loro beniamini, era L’Empoli che con personalità e autoritá  gestiva la gara. Abbiamo sognato di fare il colpo, ma poi abbiamo dovuto subire il ritorno della formazione di Benitez. Anche se sul 2-2 pesa come un macigno la decisione di Cervellera di non far rientrare in campo Hysaj e Mario Rui infortunati. E’ un punto che dimostra la bontà del nostro gioco, che in questa fase è redditizio anche nella massima serie. E ora continuare così, e prepariamo al meglio la gara con il Toro Lunedì prossimo.    

0 commenti

Commenta per primo!

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy