Nuovo giovedi e nuovo appuntamento in compagnia del collega Alessandro Marinai per la rubrica di approfondimento, “Il Punto”.

Come sempre, con Alessandro, proveremo ad analizzare il momento degli azzurri a cavallo tra la gara giocata e quella da giocare.

 

Alessandro buongiorno. Che dire, ci ritroviamo dopo aver espugnato Palermo. Pochi lo sanno, ma tu eri certo che questo avvenisse….

“Di certo nella vita non c’è niente. Diciamo che era una convinzione nata subito dopo la visione del filmato, il mercoledì precedente la gara, di Modena-Palermo. Ti inviai un sms con scritto che l’Empoli avrebbe vinto a Palermo ma poi, come sempre, ci sono mille variabili da tenere in considerazione e le sensazioni possono anche non essere suffragate dal campo. Credo di conoscerlo un po’ l’Empoli, per questo ero molto ottimista dopo aver visto la condizione attuale, anche strutturale, dei rosanero. Rimango ancora oggi convinto che l’espulsione di Ngoyi ha, se vogliamo, complicato la vita agli azzurri. E’ un paradosso e me ne rendo conto, ma non cambio idea: 11 contro 11 sono sicuro che l’Empoli avrebbe sofferto meno”.

 

marinaiNei giorni postumi al match del “Barbera”, a livello nazionale ci si è interrogati più sulla sconfitta rosanero che non sulla vittoria azzurra. Una vittoria, non semplice e ci mancherebbe, però cristallina…

“I media nazionali facciano quello che gli pare, preferisco che l’attenzione sia concentrata sugli altri anzichè sull’Empoli. Il Palermo da questo punto di vista ha tutto da perdere perchè in moltissimi si aspettano una promozione in A dei siciliani, ma per loro non sarà una passeggiata. La vittoria non fa una grinza, per venti minuti l’Empoli ha condotto le danze andando in vantaggio e sfiorando il raddoppio, ha sofferto troppo con l’uomo in più ma poi, trovato il secondo vantaggio, è stato come infliggere il colpo finale ad un avversario agonizzante anche per la stanchezza. Nel complesso ha meritato la squadra di Sarri”.

Ed è un Empoli che sta mettendo molto in evidenza i nuovi aggregati, ovvero Verdi e Rugani. Possiamo dire che, per adesso, non stanno facendo rimpiangere chi è partito?

“E’ ancora presto e la strada da percorrere lunghissima. Stanno facendo buone cose ed è giusto sottolinearlo, ma arriveranno anche i momenti in cui faranno meno bene perchè è fisiologico, nessuno può andare sempre a cento all’ora per tutto il campionato. Ad Empoli non mi pare vada per la maggiore il rimpianto, qua c’è una cultura ben definita ed una piazza conscia di essere in qualche modo un laboratorio: far nascere, far crescere per far approdare i propri ragazzi nel calcio che conta. Piacevoli ed indelebili ricordi, accompagnati da un sorriso quando pensiamo a chi è passato di qua, ma niente paragoni, lasciamoli fare ad altre piazze. Entrambi hanno margini di miglioramento, soprattutto Verdi, se seguirà il mister e non perderà di vista l’obiettivo di migliorarsi sempre, ha le caratteristiche giuste per riempire gli occhi dei tifosi”.

 

Si torna dalla Sicilia e si aspetta una siciliana. Arriva ad Empoli il neopromosso Trapani, ed arriva con due prestazioni convincenti…

“Sarà sicuramente una partita più difficile rispetto a quella con il Palermo. Il Trapani ha il vantaggio di avere lo stesso allenatore da tanti anni con il quale ha mietuto successi fino ad arrivare in B e l’unica difficoltà che ha, se così la possiamo chiamare, è quella di inserire al meglio nei propri schemi e meccanismi i nuovi giocatori. Credo, poi, che condurrà una gara accorta, umile, cercando di sfruttare la fisicità di Djuric e gli inserimenti di Mancosu. Ci vorrà pazienza, ma gli azzurri potrebbero far male con i tagli delle punte”.

 

In tempi non sospetti tu hai fatto grandi lodi a Boscaglia, tecnico del Trapani, mettendolo anche in cima alla tua lista in caso Sarri avesse preso altre strade. Che tecnico è e cosa dobbiamo aspettarci?

“Anche prima dell’arrivo di Sarri si parlava di Boscaglia. Quando fu deciso che Aglietti avrebbe lasciato Empoli, penso che il nome del tecnico trapanese sia finito in qualche modo anche sui taccuini dei dirigenti azzurri. Per Boscaglia parlano i risultati, vincere non è mai banale in nessuna categoria ma è normale che lo step successivo ti pone sempre un grado di difficoltà maggiore. Seguirò con curiosità il campionato del Trapani, per quanto visto in queste prime due giornate ci sono le premesse per candidarla a rivelazione stagionale.”

 

Torna il vecchio tema della nazionali. Sicuramente dovremmo fare a meno di Levan ed Hysaj ma Barba e Rugani torneranno per una tocca e fuga…

“Non voglio assolutamente sentire mezza parola polemica da parte di nessuno dopo quanto successo l’anno scorso. La Lega stavolta, memore degli imbarazzi della scorsa stagione, ha stilato un calendario che meglio non poteva essere stilato per tutelare le società dalle convocazioni in Nazionale. Se a qualcuno non sta bene lo dica prima o, in subordine, faccia un mercato rinunciando ai giocatori convocabili. Non ho sentito nulla in proposito e mi risulta che il calendario sia stato votato all’unanimità dalle società di B, quindi è un discorso nemmeno da affrontare. Fra l’altro la toccata e fuga di Barba e Rugani la vedo come un’ulteriore azione per venire incontro alle esigenze delle società”.

 

Per chiudere, sguardo sulla B. I tuoi promossi e bocciati del secondo turno…

“Promosso a pieni voti l’Empoli ma anche il Pescara. A Trapani ha confermato di essere una grande squadra nonostante il pareggio scaturito da circostanze particolari perchè non è usuale farsi due autoreti. Boccio assolutamente il Padova per via dell’intransigenza dimostrata verso il Carpi e per la tempestività nell’inoltrare ricorso, proprio loro che fecero il diavolo a quattro due stagioni fa contro il Torino per lo stesso motivo ma gli interessi di bottega, si sa, cozzano con la coerenza… E poi il Palermo perchè perdere al debutto casalingo non può che essere elemento di bocciatura anche se a parziale scusante per l’undici di Gattuso dobbiamo dire che di fronte aveva una signora squadra…”.

 

Alessio Cocchi

CONDIVIDI
Articolo precedenteTifoso Latina rischia Daspo per la gara di Empoli
Articolo successivoDal campo | Bassi ancora out
Giornalista pubblicista, da sempre tifoso azzurro è tra i fondatori di Pianetaempoli.it sul quale scrive ininterrottamente dal 2008. Per PE, oltre all'attività quotidiana, si occupa principalmente delle interviste post gara da tutta Italia. E' stato speaker ufficiale dell'Empoli FC per 5 stagioni.

56 Commenti

  1. Ciao Alessandro. Due domande:
    Pensi che questo Palermo possa essere come la Samp di due anni fa? Cioè squadra non fortissima ma che alla fine di forza verrà ributtata su?
    Come ti è parso Mario Rui? Per me è fortissimo

    • Spero di no. Nel senso che non vorrei, come dici tu, “venisse ributtata su” ma ci arrivasse semmai con le proprie forze. Il Palermo è una squadra importante che deve prendere le misure di questa categoria e calarsi con la mentalità giusta. Senza considerare che sarà una delle poche in grado di intervenire in maniera massiccia a gennaio, qualora ce ne fosse bisogno. Penso che Mario Rui sia un ottimo giocatore e che darà un contributo non indifferente a questa squadra, sia che giochi dal primo minuto e sia che entri a gara in corso.

  2. Salve Alessandro, parlando della partita di Palermo mi piacerebbe che si sottolineasse lagrande prova di Signorelli, giocatore che a mio modestissimo avviso ha cambiato la partita. A tal proposito ti chiedo csa pensi del momento no di Valdifiori?
    Grazie e buon lavoro

    • Signorelli è entrato in campo nel momento giusto per risistemare e fare ordine al centrocampo. Tuttavia a mio avviso la gara l’ha cambiata di più Mario Rui che ha permesso all’Empoli di alzare il baricentro e di allentare la pressione del Palermo visto che Hysaj non ci stava riuscendo. Non sono allarmato dal momento di Valdifiori, non è la prima volta che inizia così e quando penso a lui dormo sonni tranquilli. Grazie a te.

  3. Buongiorno Alessandro Marinai, mi piacerebbe farti una domanda, è la prima volta che lo faccio. Mi potresti spiegare l’operazione Castiglia? Non era meglio prendere un trequartista di ruolo che non prendere un altro centrocampista per poi semmai adattare Croce?
    Grazie

    • Posso dirti il mio parere, non ho la pretesa di dover spiegare :-). Secondo me Castiglia è un ottimo innesto soprattutto dal punto di vista umano ma anche tecnico perchè può fare l’interno sia a destra che a sinistra. Ha centimetri, confidenza con il gol… Nel ruolo di trequartista c’è Verdi, non occorreva un altro ed il vice Verdi può essere Pucciarelli ma anche Croce perchè, contrariamente a quanto affermi, è nel ruolo di adesso adattato, lui ha sempre giocato sulla linea dei trequartisti, spesso esterno ma anche centrale.

  4. Ciao Alessandro, senti, durante la settimana sono uscite un po’ di soluzioni tattiche per sostituire Hisay, per te quale sarebbe la più giusta?

  5. Buon pomeriggio Alessandro. Siccome il Cocchi non ti ha posto domande di mercato (da capire come mai) volevo da te un voto al mercato azzurro che si è concluso lunedi scorso.
    Grazie, siete i numeri 1

    • Ha confermato l’ossatura della passata stagione, ha sostituito degnamente i due partenti illustri, ha arricchito la rosa con elementi di qualità e duttilità, ha fatto tutto questo al 99% in largo anticipo e quindi il voto non può che essere alto: 9.

  6. Domenica il trapani avrà a disposizione il duo Djuric (1,98m) e Mancosu (abile folletto). Noi d’altro canto non avremo per tutta la settimana a disposizione il duo di centrali più alti della rosa (eccezion fatta per Pratali) e cioè Rugani e Barba.
    Sempre ammesso che uno dei due sopracitati sia fisicamente in forma per poter disputare la partita di domenica a mio avviso lo farà presentandosi all’appuntamento molto al buio. Sarri non potrà allenarli a dovere per una marcatura così particolare. I ricambi, di chiunque si parli, non sono fisicamente all’altezza..
    Penso al Lanciano dell’anno scorso e a Plasmati.
    Vedo la gara di domenica come la più insidiosa del nuovo anno.
    Come pensi si possa ovviare a questa cosa?

    • E’ una giusta osservazione ma non ci sono alternative negli uomini. Dovrà essere bravo Rugani a cercare di limitare la pericolosità di Djuric sui palloni alti ma un altro correttivo dovrà/potrà essere quello di limitare al massimo i rifornimenti, per questo ho scritto poco fa che Mario Rui rappresenta secondo me la soluzione migliore per sostituire Hysaj perchè il Trapani è una squadra che spinge molto sugli esterni proprio per arrivare al cross per Djuric. La pericolosità di Mancosu, secondo me, è conseguenza del lavoro di Djuric.

      • Per me il metodo da adottare è quello dello scorso campionato, cioè tenere la difesa alta visto che dietro siamo veloci ma poco fisici. Così facendo si limitano molto i palloni alti e le palle vaganti in area da cui spessissimo derivano i goal di questi “centravantoni”. L’unico problema resta sui calci piazzati…

    • Non temo nessuno in particolare, ho rispetto per questa squadra che con umiltà e sacrificio è arrivata a coronare il proprio sogno. La loro forza è sicuramente dettata dal gruppo e non è una frase fatta; non ci sono prime donne o fenomeni vari. La loro punta di diamante è l’allenatore. Come ho detto, penso vengano a fare una gara accorta cercando di sfruttare al massimo gli spazi che potrebbero essergli concessi. Ripeto, sarà molto più difficile che contro il Palermo.

  7. Alessandro tu metteresti Mario Rui a sinistra o, come ho letto ieri, Romeo a destra x Laurini a sinistra. E se Rugani non fosse in condizione visto l’impegno con la nazionale?

    • Mario Rui. L’ipotesi di Laurini a sinistra la ritengo abbastanza remota. Se Rugani non fosse in condizione’ C’è Barba… Mica torneranno entrambi non in condizione? E poi c’è Accardi, c’è lo stesso Romeo per fare il centrale…

  8. Ciao Alessandro, non pensi che la cessione a titolo definitivo di Dossena sia stata un pò affrettata? la società non mi sembra gli abbia dato molta considerazione.
    Nonostante questa cessione sono stra-convinto che i nostri dirigenti abbian fatto un mercato da 10, confermando tutti meno i 2 under 21.

    • La situazione dei portieri si trascinava dall’anno scorso ed una decisione, una cessione andava fatta. Non sta a me giudicare se sia stata presa la decisione più giusta, ma appare evidente che le gerarchie fossero ormai delineate. Di Renato conserverò per sempre un bel ricordo perchè che si voglia o no rimane l’icona di una salvezza storica. Chissà come sarebbero andate le sorti per l’Empoli in caso di retrocessione. La sua parata, quei momenti drammatici (sportivamente parlando) sono consegnati alla storia dell’Empoli.

      • Sono d’accordo con te, rimarrà nei nostri cuori e nella storia sportiva di Empoli.
        Probabilmente avremmo potuto cederlo a titolo temporaneo o in comproprietà, ma se le scelte sono queste le rispettiamo.
        Ora pensiamo a chi è rimasto e domenica pomeriggio proviamo a colorare di azzurro il nostro stadio..!!

        • Una cosa non capisco, tutto giusto quello che dite, ma perchè si continua aparlare di retrocessione e di quale sorte avrebbe avuto l’Empoli, visto che sappiamo la sorte sarebbe stata quello del ripescaggio? E’ solo una curiosita’ personale 😀

          • Le società condannate per illecito sportivo non possono godere di ripescaggio come da regolamento FIGC. In quella estate l’Empoli fu penalizzato di un punto per l’inchiesta sul calcioscommesse. A prescindere dal fatto che si trattava di un’ingiustizia clamorosa, ma di fatto era una penalizzazione che, secondo me, avrebbe negato ogni possibilità di ripescaggio. Poi si può discutere sul fatto che in caso di retrocessione la battaglia in aula per dimostrare la propria innocenza si sarebbe fatta più aspra, ma questo è un altro discorso…

          • Io sapevo che contava la penalizzazione dell’anno precedente, ma se è come dici, allora contava non bastava nemmeno un buon avvocato a farti ripescare, non so come stia la faccenda

  9. Alessandro non credi che a livello di mercato avremmo dovuto mettere un po’ più di esperienza in difesa? Rugani e Barba saranno bravissimi ma mancano proprio di questa, cosa fondamentale in un campionato di B

    • Aspettando Pratali che prima o poi arriverà ma che comunque è presente durante la settimana… C’è Accardi… A me sinceramente non spaventa molto la mancanza di esperienza che, comunque, a livello generale di squadra base non manca. Vorrei ricordare che il Pescara di Zeman due campionati fa giocava con una coppia di centrali formata da Romagnoli (’90) e Capuano (’91).

    • Prestazione senza infamia e senza lode, ha fatto il suo. Beh sì, sarebbe stato meglio ma sono super convinto che se fosse stata una stagione più settembrina non sarebbero mancati commenti del tipo “che bisogno c’era di giocare alle 20.30?”

  10. Ciao Ale, ricordo che mancherà Ciaramitaro. Peccato. Porta fortuna. Lo scorso anno a Vicenza fu attore principale di una gara particolare. Ricordo ancora la tua faccia dopo il quinto gol ;-). Comunque, niente paura. Ci sarà Martinelli. p.s. …detto questo sono d’accordo con te. Si scherza. Nutro molta stima per questa squadra che seguo da un po di annetti. Un abbraccione e buon lavoro.

    • Sulla carta lo Spezia, mi è piaciuto molto quello del Pescara e della Ternana. Oltre all’Empoli, chiaro. No, Shekiladze ha bisogno di restare ad Empoli e possibilmente fare un po’ di minutaggio. Mandarlo via ci sarebbe stato il rischio di perderlo senza sapere effettivamente che tipo di calciatore è. Vediamo poi a gennaio.

  11. Ciao Alessandro, complimenti a voi per questa rubrica e per il vostro giornale online.
    Secondo te ha fatto bene Pelagotti a rimanere ad Empoli firmando anche il prolungamento sapendo a priori di essere il secondo di Bassi?
    Mi dici cosa ne pensi di Verdi, a me piace da morire….e non intendo fisicamente 🙂

    • Grazie… E’ difficile dire se Pelagotti abbia fatto bene o male a firmare il prolungamento di contratto, sono decisione personali, oserei dire intime che vanno rispettate. Per me è un segno tangibile di quanto tiene a questa maglia e di quanto ci si trovi bene. Forse è la vicinanza da casa o forse sta aspettando l’occasione per riprendersi il posto di titolare per dimostrare a tutti quanto sia cresciuto e quanto sia affidabile. Che sia secondo a priori è tutto da vedere; è vero che il ruolo di portiere è quello che più di qualsiasi altro ruolo delinea le gerarchie, ma è pur vero che negli ultimi anni a Empoli ciò non è avvenuto. Bassi andrà in scadenza il prossimo giugno, vediamo come si evolvono le situazioni… Quando dico che “Verdi ha le caratteristiche giuste per riempire gli occhi dei tifosi” significa che credo possa far bene, molto bene, perchè le sensazioni che mi ha trasmesso in queste prime partite sono positive. Dipende da lui perchè non deve mollare di un centimetro… Fosse stato anche un piacere fisico sarebbero stati esclusivamente affari tuoi… 😀

  12. Leggo di un Verdi che non sta facendo rimpiangere Saponara e di un Rugani che non fa sentire la mancanza di Regini. Possiamo dire che una grande mossa dell’Empoli è stata anche quella di dare carta bianca a Marcello Carli liberando l’ormai arrivato (niente da dire per quanto fatto in passato) Vitale?

    • Non vi è dubbio che Marcello Carli abbia svolto un lavoro eccezionale ed abbia anche cambiato il modo di relazionarsi con l’esterno differentemente di quanto accadeva in precedenza. Soprattutto quest’anno, per strategia, idee e tempi, è stato superlativo. Detto questo non mi sento di denigrare Pino Vitale che, piaccia o no, è stato punto di riferimento importante per la società e la storia dell’Empoli ed ha contribuito in maniera pesante alle soddisfazioni provate dagli empolesi. Poi dopo tanti anni assieme può succedere che arrivi il momento di cambiare come difatti è successo.

  13. CIAO ALESSANDRO MARINAI.SONO TRAPANESE DOC COMPLIMENTI X LA RUBRICA”IL PUNTO”è X LA SINCERITA’ DELLE RISPOSTE. PERO’IO DA PROFANO”RISPONDO AD ANGELO”SE FOSSI IN TE, NON DORMIREI TRANQUILLO IN QUESTI GIORNI!!PROPRIO XKè AFFRONTATE IL TRAPANI” SA FARE MALE ,MOLTO MALE”(CALCISTICAMENTE) PARLANDO” è POI OGNI PARTITA HA LA SUA STORIA.ME NE PUò DARE ATTO ALESSANDRO.”è POI IL TRAPANI A AVUTO SECONDO BOSCAGLIA E TIFOSI LE PRIME 3 SQUADRE DA PRIMI POSTI OLTRE PALERMO,IL(PADOVA,PESCARA,EMPOLI)KE AMBISCONO LA SERIE..A..FACCIO UNA BATTUTINA!!KE DIO PROTEGGE L’EMPOLI DALLE GRINFIE DEL TRAPANI è VINCA IL MIGLIORE è LO SPORT”

    • Grazie per i complimenti… Venendo al succo del tuo intervento ci tengo a dirti che io dormirò tranquillo in ogni caso… :-). Ho massimo rispetto per il Trapani e se dovesse venire ad Empoli e vincesse la partita giocando meglio sarò il primo a fargli i complimenti. Si parla di calcio, di una partita, una tappa di un lunghissimo percorso… Ci sono cose ben più importanti nella vita! In ogni caso ti faccio un grosso in bocca al lupo per questa avventura.

  14. Secondo te ci sarà la possibilità di fare un operazione con Milan e Tornio per acquisire almeno la metà di Verdi? Per domanica da 1 a 10 quanto temi il gran caldo che potrebbe favorire il Trapani?
    Grazie, ottimo servizio

    • La vedo molto, molto difficile una simile operazione a maggior ragione se il ragazzo dovesse fare bene. Credo, tuttavia, che la valorizzazione eventuale verrà riconosciuta. Il caldo non mi preoccupa, c’è per entrambi e in questi giorni è stato più caldo qua che in Sicilia.

  15. Buonasera Alessandro. Mi è piaciuta molto la risposta su Rugani e Verdi, anche se è brutto, nonostante il calcio sia questo, dimenticare in fretta.
    Mi sembra però di capire, anche secondo te che i due si siano integrati a meraviglia in questo bel gruppo.
    Complimenti come sempre

    • Io non dimentico mai chi mi ha regalato emozioni… Semmai, se proprio devo dirlo, negli anni è successo che sia stato qualche giocatore finito in qualche grande squadra a far fatica a salutare. Niente nomi, per carità, ma può succedere. Il calcio in questo senso è spietato, si passa dalle stelle alle stalle nel giro di una settimana figuriamoci da una stagione all’altra… Verdi e Rugani si sono integrati bene perchè integrarsi in questo gruppo è piuttosto semplice. Grazie.

    • Brugman appartiene al passato. La società ha fatto le sue scelte, il giocatore ha fatto le sue ed ognuno è andato per la sua strada. Non credo possano esserci possibilità di rivederlo in azzurro. Saponara a gennaio? Non saprei proprio, intanto auguro a Ricky di riprendersi e spero che al Milan non gli facciano perdere un anno… Vediamo cosa succederà, al momento mi pare pura fantasia.

  16. Buona sera, complimenti per questo portale che da domenica scorsa seguo quotidianamente con attenzione. Complimenti anche per questa rubrica dove chiedendo permesso mi intrometto. Secondo lei il Trapani potrebbe essere la sorpresa della stagione? C’è un giocatore che prendereste per portar i ad Empoli?
    Buona partita ed in bocca al lupo

    • Buonasera e grazie per i complimenti. E’ già scritto nel pezzo: seguirò con curiosità il campionato del Trapani perchè per quanto visto, ma soprattutto per come è arrivato in B, ci sono le premesse per essere la rivelazione stagionale. Non prenderei nessun giocatore, farei fatica a togliere qualcuno di squadra dall’Empoli… 🙂 Buon campionato ed in bocca al lupo anche a voi!

    • Uno o due giocatori sono solo dei tasselli Claudio, tu sei ossessionato dai singoli, dal fenomeno Chiricò, al mostro Hernandez a Djuric e Mancosu… :-D. Pensa come stanno a Trapani che devono affrontare Tavano e Maccarone… Vediamo intanto chi sarà a disposizione in difesa che, comunque sia, mi rifiuto di definire in emergenza. Ci sono ugualmente più soluzioni con tutti giocatori validi. Siate fiduciosi.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here