Siamo arrivati all’appuntamento del giovedi in compagnia del collega Alessandro Marinai per la rubrica di approfondimento “Il Punto”. Come sempre diciamo, proveremo, con Alessandro, ad analizzare il momento degli azzurri a cavallo tra la gara giocata e quella a venire.

 

ale-ale1Alessandro buongiorno. E’ arrivata ad Avellino la prima sconfitta stagionale dell’Empoli. Gara certo non positiva, quella dei nostri, anche se sul finale è stata commessa un’ingiustizia clamorosa…

“Non siamo abituati a commentare delle sconfitte anche se, inevitabilmente, prima o poi doveva succedere. Una gara brutta, molto brutta, come da tempo non vedevo fare agli azzurri nonostante nei primi 10/15 minuti sembrava dovesse andare diversamente. L’ingiustizia nel finale ha per me, per come la penso io, una valenza marginale e rischierebbe soltanto di farmi spostare l’attenzione da una prestazione insufficiente. L’Empoli ha meritato di perdere ad Avellino, punto. Che poi Nasca sia un direttore di gara inadeguato è un altro discorso e non solo per l’episodio preso in esame”.

 

Senza fare processi, perchè sarebbe sbagliato ed ingiusto, cosa è successo secondo te ai nostri nell’approccio alla gara?

“Nell’approccio credo nulla perchè, come dicevo prima, l’Empoli aveva iniziato bene la gara, meglio degli avversari. Poi ad un certo punto il match è svoltato, l’Avellino ha preso coraggio e convinzione mettendo in difficoltà gli azzurri soprattutto sugli esterni. Non essendo al Partenio non saprei dire se e quanto abbia influito l’ambiente, l’effetto dei tifosi di casa accorsi in massa. Rastelli ha preparato bene la gara ed ha concesso pochissimo all’Empoli, avvantaggiato anche dall’episodio del rigore che ha reso il compito più agevole. Ho visto i ragazzi di Sarri fare molta fatica a costruire ed alcuni elementi non propriamente al massimo delle proprie potenzialità, un mix di negatività che hanno segnato la prima sconfitta”.

 

Uno dei giocatori più bersagliati, anche da noi, è stato Franco Signorelli. Ci fa arrabbiare, non lo vogliamo nascondere, il fatto che questo ragazzo, dalle indubbie qualità, stia sprecando occasione dopo occasione…

Fa arrabbiare proprio per le sue potenzialità, perchè è opinione diffusa che se riuscisse a fare un’ulteriore step, a crescere rispetto all’anno scorso, potrebbe diventare un calciatore importante per questa categoria. Invece la sensazione è che questa crescita tardi ad arrivare, che si limiti a svolgere il compitino. Magari ha limitato i danni rispetto agli anni scorsi, ma finisce per risultare anonimo non prendendosi la licenza di provare a fare qualcosa. Il voto ed i giudizi negativi credo siano una sorta di stimolo a compierlo questo passaggio di crescita. I numeri li ha, ma i bonus stanno per esaurirsi”.

 

Secondo te mister Sarri avrebbe dovuto avere più coraggio nella gestione dei cambi?

“Il mister è questo e non posso aspettarmi un qualcosa di diverso in una gara singola, per di più in inferiorità numerica. Certo che, facendo un’analisi a più ampio raggio, forse sarebbe il caso di inventarsi qualcosa, di provare delle alternative da utilizzare in queste gare dove non si riesce a sfondare altrimenti potrebbero emergere dei problemi. Mi sembra evidente che quasi tutte le squadre affrontano oramai l’Empoli con un atteggiamento molto chiuso perchè sanno che gli azzurri fanno fatica ad imporre il proprio gioco e prediligono le ripartenze. Però ci si deve lavorare un po’, qualche allenamento, qualche settimana, non si può di punto in bianco sperimentare in partita, a meno che tu non sia mosso da mosse dettate dalla disperazione ma non mi sembra questo il caso. Le gare contro Siena ed Avellino hanno lanciato questo messaggio, sarebbe sciocco fare finta di nulla”.

 

Per fortuna si torna subito in campo ed attenderci c’è il Modena con una vecchia volpe come Novellino in panchina…

“C’è un Modena da un rendimento altalenante ma che ha un Babacar in splendida forma. Certo, una squadra non la fa un solo giocatore ed i canarini non sono solo l’attaccante di colore. E’ un discreto collettivo con individualità interessanti che sicuramente cercherà di rendere la vita difficile all’Empoli. Speriamo che Novellino abbia voglia di venire a giocarsela un po’…”

 

Che gara ti aspetti e che reazione dei nostri ti auspichi?

“Sono molto curioso di vedere quale sarà la reazione, come i ragazzi avranno metabolizzato il primo stop stagionale. Ritengo sia impossibile per chiunque sapere che tipo di gara verrà fuori, non abbiamo termini di paragone in questa stagione e per certi versi la sconfitta di Avellino è pure un piccolo schiaffo che riporta tutti con i piedi per terra, potrebbe essere stata anche una sconfitta salutare”.

 

Come sempre la chiusa è per i promossi ed i bocciati dell’ultimo turno di B…

In questa domanda finale è chiaro che l’intento è quello di condensare i punti principali del campionato, posso anche dimenticare qualcosa. Certo che mi pare obbligatorio parlare del Lanciano che inaspettatamente si trova al comando della graduatoria, chi l’avrebbe mai detto? Ma anche l’Avellino stesso figura sicuramente tra i promossi, a conferma che i risultati fin qui ottenuti non erano frutto del caso. Personalmente sono sorpreso anche dal Varese, non credevo potesse ripetersi a questi livelli e invece, pur cambiando allenatori e interpreti, è sempre lassù. Segno, questo, che dietro c’è una dirigenza competente che sa programmare. Bocciato Maifredi il cui ritorno in panchina è durato lo spazio di una sola partita e la Reggina che qualcuno aveva definito corazzata. Mi dispiace per il Trapani che non meritava di perdere a Siena che, a sua volta, doveva fare massimo un punto nella ultime due gare e invece ne ha fatti quattro, al netto della Giustizia Federale…“.

 

Alessio Cocchi

CONDIVIDI
Articolo precedenteL'arbitro di Empoli-Modena
Articolo successivoDal Campo | Forse Moro ce la fa…
Giornalista pubblicista, da sempre tifoso azzurro è tra i fondatori di Pianetaempoli.it sul quale scrive ininterrottamente dal 2008. Per PE, oltre all'attività quotidiana, si occupa principalmente delle interviste post gara da tutta Italia. E' stato speaker ufficiale dell'Empoli FC per 5 stagioni.

53 Commenti

    • Se è una domanda/previsione ti rispondo che non lo so, se invece è una domanda per me, cioè su chi sceglierei io, la risposta è Castiglia perchè considero Ronaldo più sostituto di Valdifiori. E poi son curioso di vedere Castiglia…

  1. Buongiorno. abbiamo più volte esaltato il grande lavoro di Marcello Carli ma c’è secondo una grande pecca in questo che piano piano sta venendo fuori, ovvero che abbiamo una squadra davvero esigua dal punto di vista fisico. Possibile che si debba sempre regalare centimetri e chili agli avversari?

    • Questa squadra ha altre caratteristiche, è vero, e a volte viene fuori il problema della fisicità, però ti faccio una domanda: se tu fossi stato il DS a chi avresti rinunciato di questa squadra per regalare fisicità? Io, onestamente, avrei avuto difficoltà.

  2. Ciao Alessandro. Giusto puntare il dito sulla prestazione di Signorelli che non sta assolutamente crescendo e che personalmente a gennaio mandare in prestito ma, volevo da te un giudizio su Maccarone che da due/tre gare è impalpabile.

    • Non punto il dito su Signorelli, diciamo che si è parlato più di lui rispetto ad altri. La prestazione è stata negativa da parte di tutti o quasi, anche se non ci sono gli estremi per farne una tragedia :-). Posso avere mille perplessità ma non quella sul rendimento di Maccarone al quale non rinuncerei mai. Non mi sembra che il compagno di reparto stia meglio, ma sono assolutamente sereno e lo catalogo come un momento un po’ così.

  3. Buonasera Alessandro.
    Premetto che, per motivi di lavoro, ho visto solo il secondo tempo della partita, dove eravamo sotto di un gol e, soprattutto, di un uomo. Vedendo il secondo tempo noi abbiamo fatto poco o niente, ma nemmeno l’Avellino ha fatto molto, aveva paura a scoprirsi e perdeva un sacco di tempo. Ho visto però una cosa che può far riflettere: in svantaggio e uno in meno non siamo più in grado di giocare con il nostro tipo di gioco, che è quello di far girare la palla e provare a entrare in area a forza di triangoli. Quando manca poco non si potrebbe provare a far fare la torre a Levan, magari cercando un pò meno il gioco? Sarebbe un pò più “brutto”, ma forse darebbe qualche possibilità in più.

    • La differenza è che l’Avellino stava vincendo e non aveva interesse a scoprirsi per avvantaggiare un avversario complessivamente più forte. Un rischio, certo, ma calcolato. L’Empoli fa sempre fatica contro le squadre chiuse ed Avellino è stata solo un’ulteriore conferma. Levan è entrato ma ho avuto l’impressione che si sia spento subito dopo il giallo rimediato che forse lo ha condizionato.

  4. so di essere impopolare, anche se non voglio abbassarmi ai toni del s’ostina ma vorrei puntare il dito contro mister Sarri che anche a mio avviso godi di molta fortuna e quando questa non gira lui dalla panchina non riesce mai a cambiare la partita. Possibile che tutti i cambi siano sempre senza mai stravolgere l’assetto?? bisogna sapere osare bisogna sapere rischiare, ma lui questo non la fa mai. Assurdo anche il cambio di Verdi sull’inferiorità numerica di lunedi, con i due attaccanti che erano praticamente fermi.
    Io per esempio sarei subito un segnale lasciando in panchina uno tra Ciccio e Macca e dentro subito Pucciarelli che rende meglio da secondo punta che non da trequarti

    • Ho già affrontato questo argomento la settimana scorsa, quando mi trovo di fronte ai numeri dello scorso campionato infarciti di record mi riesce difficile identificarli tutti nella fortuna. Non si vincono dieci partite in trasferta solo per fortuna e i tanti gol su palla inattiva sono figli del lavoro svolto. Sul fatto che i cambi vengono sempre fatti in maniera diciamo “scolastica” è vero ma, per fare qualcosa di diverso, come dicevo nel pezzo bisognerebbe lavorarci in settimana altrimenti si rischia di fare solo confusione. Può essere arrivato il momento di affrontare anche questo aspetto da parte del mister. Per quanto riguarda l’ultima parte del tuo intervento, sono opinioni che possono essere condivisibili o meno ma che non possono avere riprova. Tenere fuori uno tra Maccarone e Tavano per scelta tecnica non è propriamente semplice per nessuno.

  5. No mi piace dire l’avevo detto, ma in tempi non sospetti cioè prima della partita con il Padova, se ti ricordi, avevo sottolineato l’assenza di turnover e la difficoltà fisica palesata, anche nella passata stagione, delle tre partite in una settimana. Ti rifaccio la domanda, senza drammatizzare perchè farlo quando siamo secondi e dopo 1 sconfitta mi sembra assurdo, non credi che ci debba essere qualche ricambio anche in conseguenza delle difficoltà fisiche di qualche elemento?

    • Se ci fossero difficoltà fisiche palesi sì, sono d’accordo perchè non avrebbe senso utilizzare qualcuno in non perfette condizioni quando hai una rosa ampia, ma se deve essere un turn over scientifico “per salvaguardare” non sono d’accordo, non lo sono mai stato. Non sta scritto da nessuna parte che debba avere ragione, sia chiaro, ma io la vedo così e potremmo discutere all’infinito… 🙂

  6. Buonasera, domanda da fantacalcio o da operazione nostalgia: Perche non si prova a riprendere Saponara a gennaio in prestito? Ci potrebbe essere un 1 per cento di possibilità?

    • Spero di no per due motivi: il primo perchè vorrebbe dire che Riccardo nel frattempo si sarà ritagliato uno spazio importante nel Milan, il secondo perchè saranno cresciuti ulteriormente Verdi e Pucciarelli da non aver bisogno di cercare altrove.

  7. alessandro, tu che sei un esperto e spighi molto bene le cose, vogliamo ribadire i meriti di Sarri perchè onestamente mi sto alterando nel leggere certi tipi di commenti. sarri avrà i suoi limiti, senno magari ora era da altre parti, ma ha dato un gioco a questa squadra e tiene sempre tutti sul pezzo motivando il gruppo e dando sempre grandi stimoli. Con un altro saremmo arrivati ai playoff lo scorso anno?
    Scusate lo sfogo

    • Nessuno deve ricordare o ribadire quali sono i meriti di Sarri, sono sotto gli occhi di tutti sotto forma di numeri, di risultati e di filmati. Chi afferma il contrario afferma una cosa inesatta secondo me. Fatta questa premessa devo anche dire che il diritto di critica è sacrosanto e guai se non fosse così; nel calcio non ci si accontenta mai, basti pensare in quanti periodicamente a Empoli si lamentano per il fatto di non fare la Serie A ormai da troppi anni tralasciando il fatto che non fai la Lega Pro (o Serie C che dir si voglia) da quasi venti anni. Come dici giustamente tu, Sarri avrà sicuramente qualche limite altrimenti allenerebbe fisso in Serie A e in Champions League, tuttavia trovo molte critiche costruttive perchè in effetti in qualche aspetto il mister può migliorare sicuramente. E’ quando si dice che è solo fortunato che non condivido… Con un altro chissà… Un campionato di calcio vive di momenti, di episodi, di svolte, di decisioni e, perchè no, di fortuna. Tante, troppe variabili che non avranno mai riprova.

  8. Buonasera Alessandro, complimenti per la professionalità; vorrei sottolineare che ad Avellino c’erano 8.000 persone c.a non 80.000 ! non ci può dare “fastidio” un pubblico simile se vogliamo pensare a qualcosa d’importante.
    Cosa ne pensi?
    Grazie mille e non vedo l’ora che inizi Penalty.

    • Non è un discorso basato sulla quantità ma sul clima che si respira fin dal giorno precedente. Non ho detto che l’Empoli ha subìto il Partenio, mi sono solo chiesto se ed eventualmente quanto può aver influito nell’andamento della gara non solo sponda azzurra ma anche per loro che, forse, hanno trovato nel pubblico un alleato importante per l’adrenalina che avevano per il fatto di giocare contro la capolista. Quando vai sotto e rimani in dieci anche questo aspetto può avere la sua valenza, ma non credo sia la causa principale figuriamoci. Grazie per i complimenti.

  9. Inzio sottolinenando anche io che non vedo l’ora parta la nuova trasmissione per la quale faccio a te ed il resto di PE i più calorosi in bocca al lupo.
    La mia domanda è sull’arbitro: Come si posso tollerare Alessando conduzioni come quelle di Nasca al Avellino?? Rivedendo le immagini sono anche meno convinto che ci fosse il rigore per i biancoverdi mentre quello su Pucciarelli (che nella vostra sintesi non c’è) mi è parso netto fin da subito.

    • Grazie. La sintesi non è di Pianeta Empoli ma è quella ufficiale della Lega di B. Ho già detto, mi pare su Facebook, che Nasca è un arbitro inadeguato per questa categoria e se lo dico io che solitamente non amo parlare di arbitri… :-). Negli anni abbiamo subìto torti ben più grandi rispetto al rigore non assegnato a Pucciarelli anche se non mi è piaciuta proprio la direzione, la gestione, rispetto al singolo episodio. Comunque, commentare l’operato dell’arbitro quando l’Empoli ha fatto il primo tiro in porta al 90′ non nego che mi provoca un po’ d’imbarazzo.

  10. Alessandro forse è vero che alla fine il Siena era venuto ad Empoli per il punticino e quindi noi abbiamo cercato di fare la partita…..ma devo dire che è da 30 anni che seguo l’Empoli,ma una continuita’ di gioco e di rendimento per 90 minuti come è avvenuto contro i Senesi,ben poche volte l’avevo vista……Secondo me in quella partita abbiamo speso energie fisiche e mentali che poi abbiamo pagato nel match contro l’Avellino…..ed è per questo che il Mister arrivati alla terza partita doveva necessariamente pensare a far riposare qualcuno…pensando a chi ha 34 anni e magari a chi come Valdifiori fa un gioco di interdizione e rilancio di notevole sforzo fisico….Io ammiro molto Sarri,ma non vorrei rifare la fine dell’anno scorso ed arrivare a fine campionato con la lingua di fuori….è vero che in primis conta la salvezza…ok…siamo tutti d’accordo,ma l’esperienza dell’anno scorso deve pur insegnarci qualcosa…..Quando sento dire che alla 7-8 partita è troppo presto per fare un turn over mi scappa da ridere….perché forse è proprio quello il momento di farlo,visto che i giocatori non possono certo ancora essere al massimo e che magari risentono ancora della preparazione……Pienamente d’accordo con il Mister invece quando lascia immutato il modulo dopo le sostituzioni….difficile cambiare modulo quando da Lanciano in poi abbiamo dimostrato che siamo una delle squadre piu’ forti viste negli ultimi anni e non solo nei nomi o nel gioco….ma anche nei punti fatti!Tu ALESSANDRO cosa ne pensi?

    • Penso questo: in primo luogo che ridi quando io dico che è troppo presto per fare turn over! :-D. Battute a parte ho detto e ridetto (anche in una precedente risposta ad un commento) come la penso sul turn over… Inoltre non sono d’accordo sul fatto di aver tenuto fuori Valdifiori perchè, sicuramente, in caso di risultato negativo la prima critica per Sarri sarebbe stata la seguente: “già ti mancava Moro, era proprio necessario lasciar fuori Valdifiori proprio in questa partita?”. Ho letto quanto hai scritto sulla partita contro il Siena, tanto che la potremmo etichettare come una vittoria seppur sfumata. Tu mi insegni che squadra che vince non si cambia, a maggior ragione che giocavamo in posticipo per giunta di sera… Sono concezioni, anche gusti se vogliamo… Per esempio tu mi dici di essere d’accordo nel non alterare il sistema di gioco mentre altri la pensano diversamente… Fa parte del gioco 🙂

  11. Salve Alessandro e bentrovato.
    Obbiettivamente come hai visto la prova di Levan ad Avellino? A me sembra che faccia troppa confusione e che ancora non riesca a mettere quella qualità di cui tui ormai stiamo aspettando?
    Una domanda generica sulla B, ti aspettavi questa partenza della Juve Stabia?
    Un grande augurio per l’avventura di Penalty che seguiremo con grande attenzione

    • Levan l’ho visto benino appena entrato poi dopo il cartellino giallo è un po’ sparito. Non è sempre facile entrare a partita in corso con la “responsabilità” di dover cambiare la gara. La Juve Stabia ha perso giocatori importanti ed è comunque una squadra destinata sempre a lottare con il coltello tra i denti per mantenere la categoria, se poi si mettono anche a fare i fenomeni collezionando squalifiche allora si fa dura… Grazie per gli auguri.

  12. Buonasera. Premetto che sono un Sarriano ma devo essere onesto anche io nel dire che i cambiamenti non sono il suo forte. Anche tu Alessandro hai detto tra le righe che gli avversarsi stanno iniziano a prenderci le misure e che magari, cambiare qualcosa anche dal punto di vista tattico potrebbe essere prolifico. Al di la del 4-3-1-2 che modulo vedresti bene per questa squada?
    Grazie

    • Non l’ho detto tra le righe, l’ho detto chiaramente e lo si vede sul campo che gli avversari affrontano l’Empoli per non farlo giocare e per chiudergli gli spazi. Certo, si può sempre lavorare a qualcosa di alternativo ma, appunto, ci si deve lavorare non improvvisare. Non è facile capire quale possa essere un sistema diverso dal 4-3-1-2, in genere ritengo che per mettere in difficoltà gli avversari tu non gli debba dare molti punti di riferimento ed allora potresti giocare anche con l’albero di Natale ma perderesti un attaccante e noi sappiamo chi sono gli attaccanti dell’Empoli. Più che concentrarsi su un’alternativa allo schieramento iniziale, però, cercherei di studiare qualcosa da applicare in corso d’opera, ma in questo caso entrano in ballo troppi fattori e troppe situazioni. Di giocatori, Sarri, ne ha da poter impiegare a gara in corso e ne conosce le caratteristiche che deve cercare di sfruttare al meglio in base alla situazione in cui si trova la gara e in base anche all’avversario. Cose da provare in allenamento attraverso simulazioni. Sono per lo più dettagli, ma i dettagli sono fondamentali e richiedono tempo per essere messi a punto.

  13. Buonasera, sono un tifoso del Modena, mi chiamo Riccardo. Vorrei rinnovare i complimenti per questo sito che nelle settimane precedenti alla partita col Modena non manco mai di visitare. Ho molta stima anche dei giornalisti Marinai e Cocchi. Volevo chiedervi come, fuori da Modena, si sta vedendo il campionato dei nostri e quali consigli dareste a Novellino per provare a vincere una sfida che è difficilissima.
    Grazie ed in bocca al lupo per sabato.

    • Grazie per i complimenti che non guastano mai :-). Non è facile, contrariamente a come fanno in molti, esprimere un giudizio su una squadra che non seguiamo abitualmente. Banalmente potrei dirti che il Modena sta facendo meglio in casa rispetto alle gare in trasferta e questo potrebbe denotare una maggior sicurezza davanti ad un pubblico amico, ma, come ti ripeto, sarebbe la sagra della banalità. Personalmente preferisco sempre avere un contatto visivo reale per farmi un’idea. Credo che mi perdonerai se evito di dare a Novellino un consiglio per vincere la partita, fermo restando che non mi ascolterebbe sicuramente. Se proprio dovessi consigliarlo gli direi di venire ad Empoli ad attaccare, magari con una difesa a tre abbastanza alta… 🙂 Crepi e in bocca al lupo anche a voi!

    • Scusate se mi intrometto ma una risposta Riccardo te la posso dare anch’io e da un diretto anzi direttissimo interessato. Questa sera per le vie del centro ho incontrato un nostro difensore centrale titolare, della squadra modenese ha detto “sono forti” ma nel tono non c’era preoccupazione anzi cera solo il rispetto dell’avversario e una consapevolezza che lascia ben sperare per noi.

  14. Caro Alessandro è da lunedì che ti aspetto ( oh.. non è una minaccia), ti aspetto perchè quello che dicevo l’altra settimana alla fine si è avverato.
    Noi lunedì eravamo scoppiati altro che avellino, loro tecnicamente sono molto ma molto scarsi ( e vedrai che picchiata quando la birra diminuisce), hanno vinto perchè hanno corso e picchiato il doppio di noi, l’hanno vinta con la grinta ed il cuore stop. Noi lunedì abbiamo camminato.
    Non voglio che mi rispondi sul turn over perchè ormai sappiamo ampiamente come la pensi, ma mi piacerebbe sapere se quello che penso della partita di lunedì lo condividi.

    • Condivido nel senso che l’Avellino ha fatto la partita che doveva fare, buttando dentro cuore e agonismo perchè conscio di essere inferiore e quindi disputando una gara umile e sfruttando e capitalizzando al massimo l’episodio del calcio di rigore più espulsione. L’Empoli c’è stato il primo quarto d’ora e poi è sparito. Sul turn over ed altri aspetti ad esso legati ho già risposto in più commenti.

  15. Ciao Alessandro buonasera. Intanto anche io sono tra quelli che stanno già facendo il conto alla rovescia per Penalty.
    Mi dici cosa ne pensi, nel caso Moro non dovesse farcela, se mandiamo Accardi o Barba dietro e mettiamo Mario Rui a fare il centrocampista sinstro?
    Partiresti con Pucciarelli o Verdi?
    Grazie

    • Uhm… Per mettere Mario Rui centrocampista sinistro dobbiamo spostare anche Croce a destra che personalmente faccio fatica ad inquadrarlo lì. Troppi spostamenti, Mario Rui al posto di Hysaj e se Moro non recupera, se sta bene, mi piacerebbe vedere Castiglia. In questo momento il campo dice Pucciarelli.

  16. Ciao Ale. Parliamo un po del Modena. La squadra di B per antonomasia. Difesa attentissima con gente di categoria (..e manca Gozzi) con la freschezza di Manfrin, un nazionale di B che mi ricorda Manfredini, anche come ruolo (centro sinistra a tre). A centrocampo i due esterni corrono come matti , i due interni sono Bianchi e Signori (mio vecchio pallino), cioè gente tosta e al centro Salifu o Rizzo (un altro nazionale di B, ex Pisa molto vispo). Avanti poi vanno come delle frecce e non solo per merito del morettino. Insomma….qualche insidia la nasconde questa gara. Aggiungi qualcosa….;-)

    • Sai meglio di me che tutte le partite, specialmente in B e in questa B, nascondono delle insidie. Sono sincero se dico che di tutti i nomi che mi hai fatto non ne prenderei nemmeno uno per sostituire uno dell’Empoli. Questo Manfrin non lo conosco, mi ricordo di un altro Manfrin anni 80 che purtroppo è scomparso prematuramente. Come hai detto tu è la classica squadra di B ma attraverso i filmati ho visto veramente un Babacar in grandissimo spolvero. Attendo con estrema curiosità il duello con Tonelli.

  17. Scusami Alessandro se ti rubo ancora spazio,ma penso che(tornando alla partita di Avellino) alla fine nonostante una partita sottotono,se Nasca dava a Cesare QUELLO CHE ERA DI CESARE,si poteva anche portare un punto a casa….non sarebbe stata ne la prima e nell’ultima volta che una squadra porta a casa punti senza meritarlo…..in fondo bisogna considerare anche i minuti che abbiamo dovuto giocare in 10…..

    • Il rigore andava comunque segnato… Rimane tuttavia per me un aspetto marginale visto che dall’avvento dei tre punti considero il pareggio una mezza sconfitta… :-). E’ vero, forse prendevi un punto ma non mutava il mio giudizio negativo sulla prestazione, contrariamente a come fanno molti che cambiano opinione per un gol in pieno recupero. Anche su questo aspetto combatto da anni.

  18. Ciao Alessandro, c’è da temerlo questo Babacar, giocatore che mi è sempre stato antipatico non lo nascondo 🙂
    Auguri per la nuova avventura con Penalty !!!

    • Ho già avuto modo di dirlo, l’ho visto parecchio bene ma sarebbe un errore pensare che lui da solo possa fare la differenza. Grazie per gli auguri.

  19. Buonasera Alessandro. Si è fatto il processo a Signorelli e forse ci sta, ma volevo chiederti un giudizio sull’inizio stagione di Croce, giocatore che lo scorso anno mi ha impressionato tantissimo ma che per adesso mi sembra in netto ritardo.
    Tutti pronti per Penalty, stupiteci !!!

    • Forse processo è una parola esagerata però è indubbio che molti si aspettano di più da lui. Non vorrei però che diventasse una sorta di capro espiatorio come lo sono stati altri giocatori in passato e che il giudizio su Signorelli avesse qualche pregiudizio da qui in avanti. Spronare sì, ma infamare a gratis no e non era certo riferito al tuo commento dal quale ho solo trovato lo spunto per questa riflessione. L’inizio di Croce non è stato esaltante, è vero, giova però ricordare che in fase di preparazione ha avuto alcuni problemi fisici che probabilmente sta pagando adesso. E’ un giocatore fondamentale per gli equilibri di questa squadra. Sulla trasmissione cercheremo di essere noi stessi cercando di farvi compagnia parlando dell’Empoli.

  20. Buonasera Alessandro, io iinvece volevo un giudzio sulla prova di Valdifiori ad Avellino. A me è piciuto meno di Signorelli….

    • Non bene Valdifiori come non bene quasi tutta la squadra, ma ho particolari timori su Mirko perchè non è nuovo a simili partenze. Stare a disquisire su chi abbia giocato meglio o peggio dei quattro centrocampisti (compreso Verdi) non credo porterebbe a sostanziali differenze per una prestazione che rimane insufficiente praticamente per tutti.

  21. Vorrei aggiungere il mio modesto parere ai numerosi messaggi cui sopra.
    Sarà stata una prestazione poco brillante e non lo mettiamo in dubbio, ma abbiamo perso ad Avellino e per un rigore, non siamo andati la a prendere 2 o 3 gol come succedeva lo scorso anno. Non vedo cosa ci sia di preoccupante! Anche le squadre più forti del mondo hanno degli stop inattesi o dei vuoti tecnici. Secondo me una sconfitta del genere può fare solo bene se presa con consapevolezza e serenità.

  22. Babacar-Tonelli: Il più forte centravanti (al momento)della B contro il più forte stopper. Prevedi scintille, Alessandro? E chi dei 2 sarà avvantaggiato dal terreno pesante di domani?

    • Intanto bisogna vedere se giocherà il senegalese… E’ stato convocato, ma in dubbio per non essere in perfette condizioni fisiche. Sarebbe un bel duello e la condizione di Babacar potrebbe favorire Tonelli sul campo pesante.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here