Il Parma

Il Parma

Il Parma nasce grazie ad uno dei più grandi maestri della musica: Giuseppe Verdi. È infatti grazie ad una celebrazione del grande compositore parmigiano che il 27 luglio 1913 nasce il Parma, con la denominazione “Verdi Football Club”, trasformata il 16 dicembre successivo in Parma Asso

Stemma Parma F.C.Il Parma nasce grazie ad uno dei più grandi maestri della musica: Giuseppe Verdi. È infatti grazie ad una celebrazione del grande compositore parmigiano che il 27 luglio 1913 nasce il Parma, con la denominazione “Verdi Football Club”, trasformata il 16 dicembre successivo in Parma Associazione Calcio; la prima squadra parmigiana indossa una maglia bianca con una croce nera sul petto. Nel 1919/20 la prima stagione nel calcio di vertice: i ducali terminano l’annata con un secondo posto nel girone eliminatorio emiliano. Nel 1922 l’avvocato Ennio Tardini dà avvio al progetto per costruire lo stadio, inaugurato l’anno successivo e intitolato proprio all’avvocato, nel frattempo prematuramente scomparso.

Il Parma esoridsce in Serie B il 6 ottobre 1929: Parma-Biellese 2-0. La permanenza in serie B dura solo tre anni, poi la squadra è retrocessa in Prima Divisione. Nel 1935 viene ammesso alla Serie C appena costituita. Nel 1943 viene promosso in Serie B dopo lo spareggio promozione vinto 2-0 a Brescia contro il Verona, ma subito dopo viene retrocesso all’ultimo posto per corruzione di alcuni giocatori del Lecco l’ultima giornata. Nel 1949 perde 4-1 lo spareggio salvezza con lo Spezia e retrocede in Serie C. In questa categoria rimane  anni, fino a che nella stagione 1953/54, grazie anche alle 15 reti del bomber Korostelev, ottiene la promozione in Serie B, dove rimane negli 11 anni successivi. Due giocatori importanti di questi anni sono stati il goleador Erba, che nella stagione 1956/57 si è laureato capocannoniere della serie cadetta con 16 reti, e Ivo Cocconi, che in quegli anni colleziona 308 presenze con la maglia crociata. Nella stagione 1964/65 il Parma retrocede in Serie C in seguito a una stagione disastrosa nella quale ha totalizzato soltanto 23 punti.

Il Parma scende in quarta serie e nel 1968 il Tribunale di Parma lo mette in liquidazione. La Parmense, un’altra squadra locale, lo raggiunge in Serie D e lo ingloba in se: acquista alcuni suoi giocatori e il Parma Fc si ritira dalle competizioni. Nel 1970 la Parmense assume la denominazione Parma Ac e finisce il campionato al primo posto. Tre anni dopo, in seguito allo storico spareggio promozione vinto 2-0 a Vicenza contro l’Udinese, torna in Serie B. La prima stagione in cadetteria si apre con un ottimo 5° posto, ma l’anno dopo il Parma torna ancora in Serie C, dove rimane fino al 1978/79, quando la squadra, allenata da Cesare Maldini, vince l’ennesimo spareggio promozione, con un 3-1 ai danni della Triestina; la partita viene decisa nei tempi supplementari da una doppietta di un giovane dalle ottime speranze, Carlo Ancelotti, che in quella stessa estate viene ceduto alla Roma. L’anno dopo però il Parma retrocede ancora, dopo un campionato di bassissimo livello al termine del quale i crociati finiscono al penultimo posto della graduatoria davanti al solo Matera. Gli anni successivi vedono il Parma navigare in posizioni di centro classifica (13° nel 1980/81, 9° nel 1981/82, 6° nel 1982/83); proprio nella stagione 1982/83 arriva il giocatore che ancora oggi viene definito “l’idolo della Nord”, Massimo Barbuti, chiamato così per il suo modo singolare di esultare correndo a più non posso verso la Curva Nord, dove storicamente siede il tifo organizzato capeggiato dai Boys Parma 1977 (di cui si parla più avanti); memorabile l’esultanza dopo il 2-2 segnato alla Carrarese alla quinta giornata del torneo 1982/83 quando Barbuti, aggrappatosi alla rete che separava il campo di atletica dalla curva, la fece cedere cadendo a terra e facendo a sua volta cadere alcuni tifosi crociati in maniera piuttosto esilarante. Nella stagione 1983/84 il Parma lotta tutto il campionato per la promozione in Serie B, che ottiene all’ultima giornata vincendo per 1-0 a Sanremo , La stagione successiva il Parma retrocede di nuovo chiudendo ancora al penultimo posto.

Nel 1987/88 sulla panchina ducale arriva il giovane Zdenek Zeman che con la squadra si rende protagonista di uno straordinario pre-campionato in cui viene battuto in amichevole al Tardini il Real Madrid di Butragueno e Hugo Sanchez. Tuttavia la partenza in campionato è disastrosa con il tecnico boemo che viene esonerato e sostituito dal più esperto Giampietro Vitali, il quale riesce a conquistare una salvezza tranquilla (10° posto alla pari dell’Udinese). La stagione successiva è sostanzialmente la fotocopia di quella precedente con il club, allenato ancora da Vitali, che si piazza ancora al 10° posto. La svolta per i gialloblù avviene nell’estate del 1989, quando ad allenare la squadra viene chiamato Nevio Scala che con la neopromossa Reggina, dopo un eccellente campionato, ha sfiorato la serie A poi persa allo spareggio con la Cremonese. Il Parma parte benissimo e si piazza sin da subito nelle parti alte della classifica; sul finire del girone d’andata i ducali battono nel derby la Reggiana in trasferta e si issano al primo posto. Due avvenimenti però scuotono l’ambiente: la sconfitta a tavolino contro la Reggina per un piccolo incidente occorso al reggino Cascione dopo il lancio di un accendino dagli spalti del Tardini (sebbene poi ulteriori esami abbiano rivelato che le microfratture al naso occorse al giocatore amaranto erano precendenti al lancio incriminato) e, due settimane dopo, il 4 febbraio, la morte improvvisa del patron Ernesto Ceresini che era stato ricoverato per il peggioramento delle sue condizioni di salute. Il Parma accusa il colpo e crolla finendo all’ottavo posto, a quattro lunghezze dal quarto, l’ultimo utile per la promozione; alla presidenza della squadra arriva per pochi mesi Fulvio Ceresini, figlio di Ernesto. La squadra però si ritrova e si risolleva arrivando a due giornate dalla fine al quarto posto con quattro punti di vantaggio sull’Ancona quinto. È il 27 maggio 1990, e il calendario offre la partita più sentita a Parma, ovvero il derby con la Reggiana, ma con un 2-0 firmato da Marco Osio nel primo tempo e da Sandro Melli nel secondo, il Parma ottiene la sua prima storica promozione in Serie A, rendendo vano il contemporaneo successo dell’Ancona sulla Reggina. In città si scatena la festa per un traguardo impensabile solo poche stagioni prima, e il 27 maggio diventa una data storica per i tifosi del Parma, che vedono così realizzarsi un sogno.

Il Parma battezza subito bene la serie A, cogliendo alla prima stagione una storica qualificazione in UEFA dopo aver centrato il 5° posto, ma se qualcuno pensa che sia solo una favola, si sbaglia di grosso, tanto che, l’anno successivo, i ducali vanno a conquistare la Coppa Italia battendo in finale la Juventus per 2-0, con reti di Melli e Osio, dopo aver perso all’andata per 1-0.

La vittoria in Coppa Italia porta il Parma per il secondo anno consecutivo a giocare in Europa, ma stavolta si tratta della Coppa della Coppe, che clamorosamente va a vincere grazie ad una fantastica cavalcata culminata con la vittoria in finale per 3-1 contro l’Anversa a Wembley (reti di Minotti, Melli e Cuoghi).

L’incetta di successi non è finito, l’anno dopo, stagione 93-94, da vincenti della Coppa Coppe, vincono la supercoppaEuropea, battendo i campioni d’Europa in carica del Milan.

L’anno dopo è Coppa Uefa, ed ancora derby nella finale, a farne le spese è la Juve , il Parma vince 1-0 in casa e fa 1-1 fuori, alzando la terza coppa Europea.

Passerano tre anni senza successi, ma con due secondi posti in campionato, ma i ducali si rifanno subito, perchè nella stagione 98-99, con Alberto Malesani sulla panchina, vncono sia Coppa Italia ( Fiorentina battuta in finale) sia la UEFA superando i francesi del Marsiglia.

Dopo un 5° ed un 4° posto, nella stagione 01-02 il Parma vince quella che sarà, fino ad adesso, la sua ultima coppa, è quella nazionale, ed in finale gli emiliani fanno fuori la Juve.

Per il Parma sono dietro l’angolo tempi bui, che il crack della Parmalat , di certo amplifica.

Dopo due posizionamenti consecutivi al 5° posto, nel 2004-05 i ducali vivono il loro peggior incubo, lo spettro della retrocessione se ne va solo dopo lo spareggio con i cugini del Bologna, dopo aver perso l’andata in casa per 1-0, riescono nella clamorosa rimonta battendo a Bologna i padroni di casa per 2 a 0 con reti di Cardone e Gilardino.

Dopo due campioati tranquilli, pero’ al termine della scorsa stagione la serie B diventa realtà, ed il Parma lascia a Siena ed Inter lo scettro della mai retrocessa.

 

nel video la sintesi de Empoli-Parma dello scorso anno

 

0 commenti

Commenta per primo!

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy