Empoli-Parma di venerdi decide tutto

Empoli-Parma di venerdi decide tutto

Dopo il successo esterno del Bari sul campo del Sassuolo, tra l’altro netto, anche se condito da qualche polemica neanche troppo soft, la vetta della classifica si sta delineando. E con essa pare sempre più chiaro che se l’Empoli vuole ambire alla promozione diretta in serie A deve assolutame

Dopo il successo esterno del Bari sul campo del Sassuolo, tra l’altro netto, anche se condito da qualche polemica neanche troppo soft, la vetta della classifica si sta delineando. E con essa pare sempre più chiaro che se l’Empoli vuole ambire alla promozione diretta in serie A deve assolutamente vincere il prossimo confronto diretto casalingo con il Parma.

 

Ma attenzione, la sfida di venerdi potrebbe decidere tutto anche il futuro che si chiama Play Off. Punto primo perchè vincere significherebbe avvicinarsi decisamente alla zona Play Off, punto secondo perchè le altre squadre concorrenti (vedi Triestina per esempio) stanno viaggiando piuttosto speditamente; punto terzo perchè sarebbe comunque importante arrivare ai Play Off con il miglior piazzamento possibile. Non dimentichiamo il fatto che, tanto per fare un esempio, arrivando terzi aumentano e nemmeno di poco le chanche di promozione.

 

La sfida di venerdi rischia insomma di decidere tutto, anche perchè è l’inizio di un miniciclo terribile che vede l’Empoli nel giro di una settimana disputare tre gare di campionato, di cui due casalinghe (entrambi scontri diretti, dopo il Parma c’è il Sassuolo, ndr) e nel mezzo la trasferta, il derbissimo con il Pisa sotto la torre pendente. Il pareggio casalingo della scorsa stagione con il Parma (finì 1-1…) a conti fatti costò la retrocessione agli azzurri. Certo, ci mancherebbe, l’Empoli lo scorso anno è retrocesso anche per altri tonfi ben più eclatanti… però insomma, consentitemi di dire che se dovessimo riuscire nell’impresa di battere gli “amati” gemellati di Parma sarebbe un colpo importantissimo… e decisivo.

 

Chiudo con una polemica neanche soft rivolta al Bari. Caro Antonio Conte, mister del Bari, se ti presenti in sala stampa nel dopo-gara con il Sassuolo esclamando che non vorresti che gli sportivi pensassero male degli errori del guardalinee di Sassuolo-Bari perchè questi è di Molfetta, città geograficamente vicina al Bari… beh, insomma, ci aiuti a pensare male. Perchè mettere le mani avanti in questo modo?

Nessuno forse ci stava pensando, adesso però il dubbio ci assale, soprattutto dopo aver visionato la moviola in tv…

 

Gabriele Guastella

gabrieleguastella@hotmail.com

0 commenti

Commenta per primo!

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy