Il gemellaggio con il Parma

Il gemellaggio con il Parma

Come tutti sanno, le tifoserie di Empoli e Parma sono gemmelate. Unite da un’amicizia solida e duratura che anche venerdi sera, nella sfida di cartello che le vedrà opposte, non mancherà di coinvolgere le due fazioni in reciproci scambi di cori e dimostrazioni di come nel calcio non si

Come tutti sanno, le tifoserie di Empoli e Parma sono gemmelate. Unite da un’amicizia solida e duratura che anche venerdi sera, nella sfida di cartello che le vedrà opposte, non mancherà di coinvolgere le due fazioni in reciproci scambi di cori e dimostrazioni di come nel calcio non si debba per forza essere avversari-nemici.

Come ci raccontò Graziano Mori, storico leader dei “RANGERS EMPOLI” in un’intervista rilascita a pianetaempoli.it, il gemellaggio nacque nel 1984, alla fine di una trasferta empolese in quel di Parma. L’Empoli vinse nel recupero la partita, ma la fitta nebbia che quel giorno sigillava la città ducale, fece si, che i nostri supporters non si resero conto di ciò che era successo. Furono i tifosi parmigiani, che andando sportivamente a complimentarsi, nell’incredulità dei nostri, darono la notizia. E da quel momento, sbocciò l’amore, un amore fraterno e sincero che dura da 24 anni, che ha attreversato 4 categorie ( dalla C all’Europa) e che difficilmente avrà una fine.

Nella speranza che questo gemellaggio, oltre a riempire di serenità due piazze come quelle di Empoli e Parma, porti l’esempio in tutto il mondo del calcio, vi proponiamo alcune scene di questo inossidabile feeling:

 

A.C.

 

 

 

 

0 commenti

Commenta per primo!

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy