Sfida numero 14 quella di domenica all’Olimpico tra Roma e Empoli. Nei 13 precedenti totali si registrano undici vittorie giallorosse, due pareggio e nessun successo per i nostri. Altro campo tabù, come lo era quello della Juve.

La prima sfida tra le due squadre risale al 22 marzo 1987, primo campionato in A degli azzurri, che furono sconfitti dai giallorossi per 2-1 con Baroni e Baldieri a render vana la rete di Salvadori. Doppia sfida nella stagione 1987/88: nel ritorno degli Ottavi di Coppa Italia gli azzurri colsero un prezioso pareggio che valse all’Empoli il passaggio del turno due mesi più tardi, in campionato, la Roma vinse 1-0 con rete di Giannini. La sfida torna nel finire degli anni Novanta, il 1 febbraio 1998, con i giallorossi che vincono 4-3 grazie alla tripletta di Balbo e alla rete di Aldair per gli azzurri doppietta di Cappellini e gol di Bonomi. Un anno più tardi il primo pareggio in campionato raccolto dall’Empoli all’Olimpico, con Cerbone che al 92’ rispose al vantaggio romanista di Paulo Sergio.

Si arriva agli anni Duemila e la sfida si ripetè per 5 volte con, purtroppo, altrettanti succcessi giallorossi. Il 2 marzo 2003 Di Natale illuse l’Empoli, con Totti e la doppietta di Montella a ribaltare la gara per il definitivo 3-1 nella stagione successiva, nella sfida che fu giocata a Palermo per la squalifica dell’Olimpico, i giallorossi superarono 3-0 l’Empoli di Perotti, grazie alla doppietta di Totti e al gol di Carew. Roma-Empoli torna nel febbraio del 2006, con Perrotta a decidere la sfida e a settembre dello stesso anno con Montalla a firmare l’1-0 romanista. Chiude il ciclo la sfida del marzo del 2008, con la Roma vittoriosa per 2-1 con le reti di Tonetti e Panucci intramezzate dal gol azzurro di Giovinco.

Arriviamo agli ultimi precedenti, i più recenti. Doppia sfida all’Olimpico per l’Empoli di Sarri nella stagione 14/15: prima l’Ottavo di Coppa Italia, con gli azzurri che chiusero i 90 minuti sull’1-1 (Verdi rispose a Iturbe), per poi venir sconfitti da un calcio di rigore di de Rossi nel secondo tempo supplementare. Pari anche in campionato, poche settimane più tardi, quando Maccarone portò in vantaggio l’Empoli, con Maicon ad inizio ripresa a firmare il pareggio. Tre sconfitte nelle ultime tre gare disputate all’Olimpico: la Roma vinse 3-1 la sfida dell’ottobre 2015 (Pjanic, De Rossi e Salah in gol per giallorossi prima della rete di Buchel nel finale), 2-0 quella dell’aprile del 2017 (doppietta di Dzeko) e 2-1 l’ultimo confronto datato marzo 2019 con le reti di El Shaarawy, Shick e l’autogol di Juan Jesus.

Vediamo la cronistoria delle gare giocate nella capitale tra giallorossi ed azzurri:

86/87 Serie A Roma-Empoli 2-1
87/88 Serie A Roma-Empoli 1-0
97/98 Serie A Roma-Empoli 4-3
98/99 Serie A Roma-Empoli 1-1
02/03 Serie A Roma-Empoli 3-1
03/04 Serie A Roma-Empoli 3-0
05/06 Serie A Roma-Empoli 1-0
06/07 Serie A Roma-Empoli 1-0
07/08 Serie A Roma-Empoli 2-1
14/15 Serie A Roma-Empoli 1-1
15/16 Serie A Roma-Empoli 3-1
16/17 Serie A Roma-Empoli 2-0
18/19 Serie A Roma-Empoli 2-1

empolifc.com

Articolo precedenteDal campo | tutti presenti
Articolo successivoLe curiosità del prossimo match

11 Commenti

  1. C’è da espugnare l’Olimpico.
    Per la nostra gloriosa STORIA.

    Che sia domenica o contro la Lazio, la casella dello zero cesserà.

    Auspicabile che al più presto vengano battute a domicilio sia Roma che Lazio.
    Ma… un passo alla volta. Intanto prendiamoci l’Olimpico!

  2. il rigore inesistente dato dall’arbitro negli ultimi minuti dei supplementari nella partita di coppa italia lo batté Totti. Fu una cosa vergognosa. Tutti parlarono di scippo eccetto lo squallido totti e l’allenatore della roma che adesso non ricordo chi fosse ma la sua intervista ricordo che mi fece vomitare.

    • Certo, ma in casa.
      Vincemmo 2-1 nel 1987/88 (timbrò pure Johnny) e poi mi sembra un 3-2 in Coppa Italia sempre in quegli anni (lo stesso, o l’anno prima, o l’anno dopo).

      L’ultima vittoria casalinga mi pare sia della mitica stagione UEFA 2006/07… mentre il 2-2 dell’anno dopo fu caratterizzato dall’incredibile prodezza balistica di Giovinco per noi

  3. Olimpico unico stadio italiano (fra quelli più importanti) ancora rimasto inviolato dagli Azzurri.
    La storia però dice di partite piuttosto combattute e quasi sempre perse con 1 goal di scarto salvo rare eccezioni.

    Se non ci fosse Mourihno (grandissimo motivatore) sulla panchina giallorossa, potrei anche sbilanciarmi che… stavolta si potrebbe fare.
    Ahimè sarà una missione impossibile, un pari sarebbe oro

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here