Il nuovo tecnico Pasquale Marino ha rilasciato un intervista al quotidiano “La Gazzetta dello Sport”.

Che Empoli ha trovato?

“Ho trovato un gruppo ben allenato”

Questo lo dice sempre l’allenatore che subentra….

“Ma è vero, io dico quello che vedo e che dice il campo. Prima che arrivassi, l’Empoli aveva fatto 1-1 col Chievo giocando con l’attenzione giusta”

La squadra sta pagando ancora le conseguenze della retrocessione?

“In un periodo negativo c’e sempre qualche problema psicologico. Ma la classifica non rispecchia i progetti estivi”.

Obiettivi del nuovo Empoli?

” Non è il momento di fare proclami, non sono stati risolti tutti i problemi, il campionato è lungo e difficile. Per questo ho voluto un contratto di 5 mesi, impariamo a conoscerci, poi alla fine si vedrà”

Per le i play off per la A sono una specie di maledizione: li ha persi con Vicenza, Frosinone e Spezia.

” Bisogna anche vedere come si di arriva: con il Vicenza, che avevo preso terz’ultimo, ho sfiorato la Serie A”

A proposito: manca dalla A (Genoa) da 8 anni: non e’ un po’ troppo?

“Visto che non ho avuto richieste, si vede che ci devo tornare con le mie gambe come la prima volta col Catania”

Che giocatore era Marino?

” Centrocampista d’ordine. E se non mi davano 10 mi arrabbiavo di brutto”

Il Presidente Corsi ha detto:” Il 4-3-1-2, inventato a Empoli da Sarri, ha fatto il suo tempo.” Lei ora fa il 4-3-3

” Non guardo indietro, scelgo il modulo secondo l’organico. Potrei anche fare il 4-3-1-2, con Ciciretti trequartista”

Tesi a Coverciano sul 3-4-3. Voto: 110 e lode

“L’ho utilizzato nella prima parte della carriera, oggi non ci sono le condizioni. Non sono un integralista, posso cambiare: a Frosinone giocavo col 3-5-2.

Totò Di Natale ha detto:” Marino lavora sempre con serenità, ma quando serve ribalta lo spogliatoio”

” Speriamo che non ce ne sia bisogno a Empoli…..”

Si dice che lei è triste

” Non me la prendo, è un giudizio che viene da chi mi conosce poco o non mi conosce affatto e mi giudica per le interviste nel dopo partita. Ma quelle non fanno testo: se perdo sono incazzato, se vinco non voglio fare lo splendido”

E’ vero che è superstizioso? A Foggia cambiava la tuta dopo ogni sconfitta….

” Sinceramente non me lo ricordo. Ma so che credere alla superstizione è da ignoranti, non crederci porta male”

11 Commenti

  1. Triste? A me resta molto simpatico, molto autoironico, in queste primi passi empolesi sembra coniugare bastone e carota, serietà e non prendersi troppo sul serio, euforia mixata a grande pragmatismo.
    Avanti Marino, avanti Empoli!

  2. Tecnico super bravo…da confermare anche il prossimo anno…e basta con sconosciute scommesse che non servono a niente…forza azzurri…

  3. Allenatore umile e preparato poi simpatico o triste a me importa poco. Come dissi nel 2019 con il vicenza fece un lavorone e dovevamo prenderlo subito.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.