SALERNITANA2
EMPOLI4

2′ Pinamonti; 10′ Cutrone; 13′ Strandberg (A); 44′ Pinamonti (R); 47′ Ranieri; 55′ Ismajli (A)

Seconda gara al Castellani e seconda sconfitta. Passa (a sorpresa rispetto alla vigilia) il Venezia che si impone per 2-1: apre Henry, raddoppio di Okereke nella ripresa e nel finale accorcia su rigore Bajrami. Senza togliere niente all’impegno che la squadra ha messo durante il match, provandoci fino in fondo, è chiaro che oggi non possiamo certo fare i complimenti ai ragazzi di Andreazzoli che perdono una gara importante per la corsa salvezza ma, soprattutto, non offrono certo una prestazione sufficiente. Una sconfitta che ha poche situazioni a cui aggrapparsi. Un approccio alla gara con poca tensione e cattiveria, tanti errori anche nei fondamentali ed una fase di non possesso che fa un deciso e netto passo indietro; da vedere e rivedere come è stato preso il secondo gol. Nel finale l’Empoli sotto di due si riversa davanti e trova il gol che riaccende le speranze ma nel lunghissimo recupero il copione è lo stesso con il Venezia che di fatto non vive particolari situazioni di pericolosità ma anzi, è Marchizza a dover compiere un miracolo per evitare il terzo gol in contropiede. Una gestione della gara da parte della panchina che convince poco, cambi in stile “playstation” e mai una vera variazione all’inerzia della gara. Dopo la sbornia di Torino arriva uno schiaffo che servirà sicuramente per ricordarci le difficoltà di questo campionato e del fatto che salvarsi non sarà una passeggiata di salute. Tra i singoli si fa fatica ad esaltare qualcuno con, forse, Haas a fare qualcosina in più. Tra una settimana saremo ancora qua al Castellani contro la Samp del grande ex Caputo, una gara difficile che ci dirà qualcosa in più su questo Empoli.

EMPOLI (4-3-1-2) : Vicario; Stojanovic (83′ Henderson), Ismajli (46′ Tonelli), Luperto, Marchizza; Haas, Ricci (61′ Stulac) Bandinelli (46′ Di Francesco) ; Bajrami; Cutrone, Mancuso (61′ Pinamonti).

A Disp: Ujkani, Furlan, Romagnoli, La Mantia, Zurkowski, Baldanzi, Viti,

Allenatore: Aurelio Andreazzoli.

VENEZIA (4-3-3) : Lezzerini (46′ Maenpaa); Mazzocchi, Caldara, Ceccaroni, Schnegg (46′ Molinaro); Vacca (66′ Okereke) Busio, Fiordilino (54′ Crnigoj); Aramu (32′ Heymans) Henry, Jhonsen.

A Disp: Tessman, Forte, Modolo, Ebuehi, Kiyine, Svoboda, Haps.

Allenatore: Paolo Zanetti

ARBITRO: Sig. Rapuano di Rimini. Assistenti: Paganessi/Muto. VAR: Ghersini/Bresmes

AMMONITI: 7′ Ismajli (E); 14′ Aramu (V),35′ Lezzerini (V), 44′ Haas (E), 47′ Johnsen (V), 85′ Heysmans, 87′ Manpaee (V),

LIVE MATCH

98′- Triplice fischio del direttore di gara, sconfitta inattesa degli azzurri che al Castellani vengono battuti dal Venezia per 2-1. Prestazione generosa ma molto confusionaria della truppa di Andreazzoli al cospetto di una squadra inferiore tecnicamente ma più determinata.

97′- Punito l’intervento da tergo di Bajrami nei pressi della linea mediana del campo. Ultimo minuto di recupero, potrebbero esserci altri minuti di extra per il check con il var avvenuto in precedenza.

96′- Henry favorito da un rimpallo da posizione destra arma il destro con palla sopra la traversa.

95′- Il sinistro di Bajrami dalla punizione susseguente supera la barriera ma si alza sopra la traversa.

94′- Punizione dai 18 metri da posizione centrale per gli azzurri.

93′- Cutrone guadagna il l’ottavo conrer per l’Empoli. Palla scodellata da Stulac libera la difesa ospite.

92′- Check in corso per un contatto tra Di Francesco e un difensore del Venezia.

92′- Fondamentale chiusura di Marchizza su Okereke lanciato verso la porta di Vicario.

91′- Il “Castellani” è una bolgia, Empoli alla ricerca disperata del pareggio

90′- Cross di Luperto in mezzo all’area, la sfiora Pinamonti in area blocca Manpaa.

88′- GOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOL Bajrami la riapre spiazzando Manpaee

87′- Rigore per l’Empoli, Henderson entra in area viene travolto da Manpaee

85′- Ammonito Heysmans per un fallo nella metà campo lagunare. Proteste del pubblico del “Castellani” che chiedeva venisse applicata la regola del vantaggio.

84′- Di Francesco da destra cerca di girarsi in area avversaria, chiude Caldara.

83′- Ultima i cambi Andreazzoli, Henderson per Stojanovic.

82′- Azione molto elaborata degli azzurri, il tiro di Bajrami sul fondo.

81′- Continua ad attaccare l’Empoli, ma lo fa con poca generosità.

79′-Bajrami prova a proporsi sulla sinistra, si libera di due giocatori all’altezza della linea di fondo chiude Busio.

77′- Conclusione di Cutrone dai 20 metri con palla bloccata da Manpaa.

76′- L’Empoli si procura il settimo corner. Dagli sviluppi del tiro dalla bandierina anticipato Tonelli.

75′- Situazione complicatissima per la truppa di Andreazzoli, obbligati a rimontare due reti in questo ultimo quarto d’ora.

73′- Ennesima punizione in favore dell’Empoli, punito nella circostanza l’intervento di Crnigoi

71′- Cooling break

70′- Sugli sviluppi del sesto angolo per l’Empoli, palla scodellata in area dove Luperto non riesce a concludere da pochi passi.

69′- Sul gol del 2-0 clamoroso dell’errore dei difensori azzurri, Marchizza, Luperto e anche Stulac non sono riusciti a fermare l’attaccante lagunare partito praticamente da centrocampo.

67′- Raddoppio del Venezia, Okereke se ne va in contropiede fa fuori la difesa azzurra: il suo destro fa secco Vicario

66′- Alza bandiera bianca il numero 5 del Venezia Vacca, Zanetti ultima i cambi

65′- Gioco ancora fermo, problema per il centrocampista del Venezia Vacca.

64′- Costretto ad uscire con il destro ai 30 metri Vicario ad anticipare Henry.

63′- Lungo lancio di Luperto al limite dell’area respinto dalla difesa ospite.

61′- Doppio cambio per Andreazzoli, Stulac e Pinamonti per Ricci e Mancuso.

60′- Tonelli obbliga il compagno Luperto a rincorrere la sfera verso la propria porta, poi gli azzurri si procurano un calcio di punizione.

59′- Crnigoj spinge sulla destra il suo cross viene respinto dalla retroguardia azzurra.

57′- Break di Stojanovic ai 20 metri, invece di calciare cerca il servizio per un compagno ma il servizio è troppo profondo.

55′- Doppio intervento su Cutrone, l’arbitro dopo il check con il Var lascia proseguire.

54′- Quarto cambio per il Venezia, esce Fiordilino al suo posto

52′- Henry si allunga la sfera poi obbliga Marchizza al fallo. Punizione nei pressi del vertice destro dell’area azzurra. La scodella in area Busio la toglie Luperto.

50′- Inizio di ripresa molto spezzettato, è rimasto a terra anche un difensore del Venezia.

49′- Bajrami si propone sulla sinistra, il suo cross viene respinto da un difensore ospite.

48′- Rientra al centro della difesa il centrale azzurro che appare pienamente ristabilito.

47′- Rimane contuso Luperto in seguito ad un intervento di Henry.

46′- Prende il via la ripresa, primo pallone giocato dal Venezia. Doppio cambio nelle due squadre, nell’Empoli entrano Di Francesco e Tonelli per Bandinelli e Isamajli

2° Tempo

49′- Si va al riposo con il Venezia in vantaggio per 1-0 sull’Empoli, al momento la decide Henry. Gli azzurri hanno sofferto molto l’aggressività avversaria in apertura, poi hanno reagito mostrando però confusione n fase offensiva.

48′- Cross di Bajrami da destra, si porta sul fondo il suo cross per Cutrone con palla sul fondo; c’è una deviaizone sarà corner.

47′- Johnsen si porta al vertice sinistro dell’area viene raddoppiato, poi il norvegese commette fallo su Ricci. Ammonito anche il numero 17 dei veneti

46′- Rimessa laterale dal proprio settore sinistra per il Venezia. Il lungo cross di Schegg viene bloccato da Vicario in presa alta.

45′- Vengono assegnati quattro minuti di recupero.

44′- Copiose proteste del “Castellani” per il giallo combinato ad Haas, anche mister Andreazzoli ha chiesto chiarimenti.

43′- Finisce nella lista dei cattivi Haas per fallo su Fiordilino, cartellino giallo per il centrocampista azzurro.

42′- Fondamentale diagonale di Stojanovic in anticipo su Henry spedendo la sfera in corner. Sugli sviluppi del secondo angolo per il Venezia anticipo di Isamjli su Henry.

41′- Bajrami si libera di Schnegg il suo cross si perde direttamente sul fondo.

40′- Bajrami vince il rimpallo al limite dell’area spostato sulla destra, il suo cross è debole viene respinto dalla retroguardia ospite.

39′- Bandinelli ancora dalla corsia mancina, il suo cross respinto in fallo laterale.

38′- Si destreggia al limite dell’area Bajrami, il suo tiro viene controllato facilmente da Lezzerini.

37′- Predilige la fascia sinistra l’Empoli, soprattutto grazie all’apporto di Marchizza. Il suo ennesimo cross per Mancuso anticipato da Caldara.

36′- Premono con insistenza gli azzurri in questa fase, arriva il quarto angolo. Palla scodellata in area, respinge la retroguardia del Venezia.

35′- Cross di Marchizza per Mancuso, la sua conclusione viene respinta da Busio.

35′- Finisce nella lista dei cattivi Lezzerini per aver ritardato la ripresa del gioco

34′- Cross di Bajrami per Cutrone, ma la palla aveva superato la linea di fondo nella sua traiettoria aerea.

32′- Sull’altra sponda Bandinelli si procura il secondo angolo. Dalla bandierina Ricci la scodella in area, respinge Ceccaroni.

31′- Se ne va in solitudine Johnsen si presenta davanti a Vicario abile a sbarrare le strada al norvegese.

30′- Dal piazzato susseguente di Marchizza respinto dalla barriera, Ismajli la scodella in mezzo allontana Ceccaroni in angolo.

29′- Punizione in favore dell’Empoli, punito l’intervento falloso di Busio ai danni di Stojanovic.

27′- Si riprende con una rimessa per la truppa di Andreazzoli, Bandinelli sfida Mazzocchi il suo destro viene controllato agevolmente in tuffo da Lezzerini.

25′- Interruzione dell’arbitro, Cooling break

25′- Da Sinistra Marchizza, il suo traversone viene respinto dal muro lagunare.

24′- Pareggia il conto dei corner l’Empoli, palla scodellata in mezzo all’area libera la retroguardia veneta.

23′- Ancora pericolosi gli ospiti, Mazzocchi si presenta al limite dell’area, abile Luperto a portarlo sull’esterno la conclusione del numero 7 si perde a lato.

22′- Fischiato un fallo di mano a Bajrami, Empoli in difficoltà in questa prima parte della gara. Forse gli azzurri non si attendevano l’inizio aggressivo e intraprendente del Venezia.

20′- Discesa di Mazzocchi, sfida Marchizza va sul fondo e con il destro disegna un traversone sul quale Henry anticipa l’incerto Ismajli, il suo colpo di testa si perde alto.

18′- Prova il cross da destra Stojanovic, deviato in fallo laterale da un difensore lagunare.

16′- Incursione di Haas da destra in mezzo all’area non trovando nessun compagno per la deviazione vincente.

14′ – Giallo ad Aramu per fallo su Haas.

12′ – Venezia in vantaggio. Cross di Aramu da sinistra, interviene con la suola della scarpa Henry che brucia Luperto e non da scampo a Vicario.

10′ – Stojanovic prova a lanciare per Cutrone, ma i due non si intendono.

7′ – Ammonito Ismajli per fallo su Jhonsen.

6′- Si procura un calcio di punizione il Venezia. Sugli sviluppi del piazzato i lagunari si procurano il primo corner della gaa.

4′- Aramu scatta in sospetto fuorigioco, combinazione al limite tra Schnegg e Johnsen liberano i nostri.

3′- Incursione di Johnsen dal vertice sinistro dell’area, il norvegese si porta la palla sul destro: conclusione alta di poco.

2′- Cross profondo di Luperto controllato da Lezzerini

1′- L’Empoli gioca il primo pallone della gara. Errore “sanguinoso” di Ismajli che innesca involontariamnte Aramu, toglie le castagne dal fuoco.

0′ – Squadra che vince non si cambia. Dentro gli stessi che hanno iniziato la gara di Torino.

1° Tempo

Articolo precedentePEnsieri Azzurri | Attenzione alle insidie
Articolo successivoLe pagelle di Empoli-Venezia 1-2

96 Commenti

  1. Non sono i singoli difensori che mancano e/o mancavano a questa squadra.
    Quanto la “fase difensiva” per la quale il nonno non c’ha mai capito nulla.
    MAI

  2. Ma perché giochiamo con entrambi i terzi i così avanti ? Prendiamo ripartenze incredibili

    Ora sarà un problema perché il Venezia ha messo il bus davanti alla porta…

  3. Siamo lenti e prevedibili …. calato Bandinelli e Haas calato l’Empoli…. in difesa così così
    Certo che Zanetti l’ha preparata meglio di Nonno….

  4. Forse solo il co occhi e il nonno non si sono accorti che il loro modulo non è il 4-3-3. Martizza improponibile come terzino sulla fascia, non si può chiedere a Bandinelli l’impossibile.

  5. BASTA con queste offese agli ultrà! Sono vecchio ma li rispetto e si parla bene poi dal di fuori. Il TIFO IN MARATONA NON E PIU POSSIBILE FARLO lo volete capire si o no?? E LORO non avendo una curva dove andare TUTTI INSIEME preferiscono non entrare…E PURE IO!!!! A TEATRO ANDATECI VOI. P.S: E manco la guardò alla TV !!!! BASTA OFFENDERE fatelo VOI ORA IL TIFO o un vi si dava tanta noia!!!!!

      • Infatti qua sarebbe da chiedersi: ma gli ultras ci andrebbero in curva a patto che ci siano prezzi giusti o qualcuno si é un po’ imborghesito e vuole vede bene pagando pure poco?

    • Ma stai zitto, gli ultras a Empoli sono dei buffoni….. che se ne stiano pure a casa a riflettere….. ma per favore non ci propinino la supercazzola dell’attaccamento ai colori…..

      • Senti amico ti rispondo io che sono entrato allo stadio e ho tifato 90 minuti.
        Falla finita di fare il fenomeno da tastiera ad offendere a destra e a manca perché la pazienza ha un limite e la privacy anche….
        Spero di essere stato chiaro, magari domenica con la samp vieni a tifare con quei 40 50 che lo hanno fatto oggi invece di continuare a rompere le …. a chi ha fatto una scelta che anche noi più vecchi capiamo e rispettiamo.

  6. Lezione di pragmatismo da parte di Zanetti…. noi tanto volume e poco arrosto….. peccato che il bagno d’umilta’ sia arrivano in uno scontro diretto che peserà come un macigno!!!

  7. Scusate, ma io vedo moltissimi errori tecnici. Molti giocatori devono rivalutare le loro qualità e fare giocate il più semplici possibile.

  8. Sconfitta meritata ampiamente. Errori tecnici dei singoli, forse qualcuno si è sentito fenomeno dopo la partita con la Juve. Ora abbiamo 3 partite di difficoltà media, difficile fare punti ma non impossibile.

  9. E anche oggi 22 tiri, 68% possesso palla e perso tre punti pesanti come un macigno. La squadra c’è ma in fase offensiva si arriva scarichi e dietro la coperta è sempre cortissima..

  10. 4 4 2 sempre e l’Empoli deve cercare quando attacca di andare di più a riempire l’area avversaria. Bajrami bravo ma deve essere più veloce a liberarsi della palla.

    • Reparti troppo distanti che è aumentata dopo il passaggio al 442, poche idee e quasi sempre ti hanno sporcato il passaggio decisivo…. loro con pochissimo ti hanno …. poi manovra lentissima e non si è mai capito che con Jonsen e il terzino alto si soffriva….. Nonno Nonno!!!

  11. Loro squadra modesta, ma squadra….. noi molto disuniti….. urge riflessione….. non abbiamo saputo la fase di non possesso e molti fermi sulle gambe….

  12. Bisognerebbe avere solo un po’ di lucidità e far giocare Viti dietro. Me ne frego che è un 2002. E’ quello più forte e veloce tra i centrali.

  13. Contro la Lazio l’Empoli non meritava di perdere, con la Juve ha vinto facendola partita giusta, oggi ha meritato di più il Venezia. Secondo me i giocatori devono valutare meglio le proprie qualità ma anche i propri limiti, accelerare la scelta delle giocate e mandare più velocemente il pallone nell’area avversaria. Per la serie A mi sembra più appropriato il 4 4 2. Nel finale io avrei rischiato La Mantia al posto di Bajrami.

  14. Non eravamo campioni contro la Juve, non siamo pippe oggi. Schiaffo che potrebbe farci bene. Però devo dire che alcune letture del mister sono state strane. In attacco male tutti, a centrocampo partita scialba di Haas, Ricci e Bandinelli. Bajrami la porta troppo. Gol del 1-0 bruttissima respinta di Stojanovic e lento Haas sulla seconda palla, poi Aramu se lo sono guardati sul cross… 2-0 imbarazzanti Marchizza, Stulac e Tonelli che invece di stendere Okereke lo accompagnano in porta. Peccato per la sosta che pare averci tagliato un po’ il fiato… Quelli davanti giochino più per la squadra. Questi sono punti persi che vanificano la vittoria monumentale di 2 settimane fa…

  15. Qualcuno deve ammettere che questo mercato non è né da 8 né da 7. Inoltre alcuni devono convincersi che i nostri giocatori non hanno tecnica al pari delle altre. Non potete scoprire solo oggi il valore di Marchizza, guardate bene le partite.

  16. Io avevo scritto che mi aspettavo un salto di qualità anche da parte di Andreazzoli….e ad oggi con questa prestazione non c’è stata….il primo tempo scandaloso poteva finire 2/3 a zero per loro ….e non si può lasciare ismaili uno contro uno con jonshen dai ma che roba è….e poi cambi all’inizio del secondo tempo non mi sojo piaciuti….sicuramente per proteggere ismaili dopo l’ammonizione ci sta ma Bandinelli no…..vuole dire giocare senza equilibrio…..io avrei levato Ricci e messo Stulac…..niente il Nonno va in confusione connquelli che si chiudono

  17. 50 metri..senza che nessuno lo fermasse squadra senza palle con giocatori sotto tono abbiamo rivisto il peggior Andreazzoli con terzini alti questo tipo di gioco e adatto al Paris saint germain no a Marchizza luperto da rivedere

  18. Andreazzoli può fare qualche punto inaspettato con le big…ma gli scontri diretti e le partite con squadre di media classifica li fallisce quasi tutti. La sua idea di calcio in serie A va bene se hai giocatori forti…con una rosa da lotta per la salvezza, peraltro tecnicamente molto inferiore alla squadra di 3 anni fa, è un suicidio calcistico.

  19. Il nonno ha voluto confermare tutti in difesa, con tre centrali (Marchizza non è un terzino) e non ha capito niente su come avrebbe giocato il Venezia; tutto questo al solo scopo di non perdere, quasi che ci dovevamo difendere, e invece abbiamo proprio perso. Non ha avuto il coraggio di proporre una squadra aggressiva che doveva vincere la partita. Abbiamo aspettato che loro passassero in vantaggio dopo avergli regalato quasi un tempo, e solo dopo ha cercato di rimediare. Il fardello di tre anni fa, gli pesa ancora e lo porta a snaturarsi e a fare scelte tecniche incomprensibili.
    È stato troppo facile per il Venezia, squadra nettamente inferiore.

  20. Ascoltavo radio lady mentre ero in macchina verso lo stadio, lo speaker forse prima di sbeffeggiare gli avversari e la loro campagna acquisti dovrebbe imparare un po’ di rispetto ed anche di umiltà. Le risatine in studio mi hanno dato un oscuro presagio.

    • Non capisco cosa ci sia da sbeffeggiare…con la campagna acquisti il Venezia forse ha cambiato troppo…ma i giocatori che ha preso, contrariamente al commento di PE, sono tecnicamente validissimi e hanno quella rapidità necessaria in serie A.
      Se Zanetti trova l’amalgama il Venezia può fare come lo Spezia dello scorso anno.

      • Assolutamente d’accordo il venezia ha giocatori giovani e di belle speranze e Zanetti un’allenatore con il futuro assicurato

    • La stessa cosa di Klen l’ho pensata io da un pò di tempo i commentatori della Radio sparano cazzate gratuite, Henry lo hanno pure deriso …e ci ha gastigato ..sarebbe meglio deridere ..anzi piangere x i difensori che abbiamo noi Marchizza mi pare veramente scarso ..ma anche Luperto e Jsmaly… veramente mediocri

  21. Sconfitta che brucia. Siamo all’inizio ma marchizza oggi non ha certo brillato… come dicono alcuni anche secondo me tanto fumo e niente arrosto. In queste partite non si può giochicchiare e vedere il calcio champagne (che a qualcuno di voi piace molto lo so). Queste sono gare da non perdere

  22. Nonno oggi non all’altezza….. voto 4, lezione di pragmatismo da una squadra nettamente peggiore ma messa in campo benissimo….. con tre cose elementari hanno vinto la partita

  23. I limiti del solito Andreazzoli che queste partire le perde , il peggio sibtocca quando nmette bajrami in fascia per giocare una specie di via di mezzo di un 442 ed un 424 dove ci massacrano di ripartenze veloci non avendo a centrocampo forza e struttura hanno anche raddoppiato senza che nessuno pensasse a fare fallo alla trequarti…..mah. comunque Hanno vinto con merito , più squadra , più corsa e più mestiere rispetto a noi oggi e poi i cambi davanti hanno lasciato la sensazione che potevamo giocare x 2 ora ma che non facevamo nessun tiro in porta…..forse non era il caso di mettere LaMantia per Cutrone dal 75’e giocare in area anche nelle seconde palle ?? Questo è il vero Empoli ed il Vero Andrazzoli che gioca bene con le squadre più forti perché ti fanno giocare ma sei imbrigliato dalla tattica delle squadre che lottano per non retrocedere….mi sa ‘ che sia il caso di riflettere ed analizzare bene perché i Bomber che abbiamo non tirano in porta se mancano la partita Bandinelli e Bajrami

  24. squadra inguardabile ismajli marchizza luperto da 4,bandinelli bollito bajrami francobollato perbenino,ricci ha perso tanti palloni,le punte sempre lontanissime dalla porta….nel mezzo grandi praterie per le devastanti ripartenze veneziane con ciliegina finale del 2-0 di…..pele’ forse boh!i limiti di andreazzoli sono questi,se trovi e ne troverai tante di squadre che si chiudono cosi’e non sai lottare correre e giocare un tantino piu’ sporco si fa la fine di 3 anni fa……..ma non richiamate per favore uno come cappellino!

  25. Questa partita persa può, anzi deve, essere motivo di analisi e di riflessione da parte dello staff tecnico e poi anche degli stessi giocatori.
    Un’analisi oggettiva ed una riflessione umile ed onesta.
    Diceva un Grande che le vittorie fanno piacere, gratificano la persona per il lavoro svolto ed aumentano l’autostima, ma sono le sconfitte, se prese in modo positivo, che ti insegnano qualcosa.

  26. Andreazzoli ……sono sempre più perplesso di questo uomo , testardo senza limite .
    Fai calcio spettacolare con chi te lo permette e sa che ti batte con 3 palle e si fa’ prendere in giro da squadre molto fisiche e concrete come quella di oggi messa benissimo in campo da un allenatore giovane e capace .
    Probabilmente in questi 10 gg hanno fatto un ulteriore preparazione molto pesante perché eravamo fermi oggi ma ostinarsi a non mettere LaMantia oggi negli ultimi 20 minuti di gioco a pallonate è follia pura , come mettere Bajirami a giocare in fascia sinistra

  27. Cari amici della Toscana,
    oggi vi andata male, ma non è detto che sia sempre così ed avrete tante altre possibilità.
    Stasera consolatevi con una bella ribollita, degli squisiti crostini toscani o una bella bruschetta col vostro olio favoloso, oppure con una gran bistecca!.. E poi dopo qualche altro sollazzo.
    Statemi bene.
    Forza Venezia!

  28. Non ho letto i commenti ma vorrei dire una cosa ai denigratori di Romagnoli.
    Se al posto di Tonelli oggi quella cappellata l avesse fatta il capitano lo avresti messo in croce per una mesata.
    Detto questo partita impostata male si sembrava parecchio sulle gambe e privi di idee, aspettiamo a giudicare diamo tempo a tutti mister e giocatori

    • Brutta cosa l’ignoranza, intesa come non conoscenza delle cose.
      Il Venezia ha partecipato 12 (dodici) volte al campionato di serie A.
      Inoltre ha pure vinto una Coppa Italia (serie A e B).
      Uno dei vari motivi di orgoglio è aver cresciuto un certo Valentino Mazzola, poi ceduto al Grande Torino assieme a Loik.
      Probabilmente queste cose non le sapevi..

  29. Ci rifacciamo con la Sampdoria, io c’ero allo Stadio purtroppo eravamo in pochi e in un campionato difficile come quello che affrontiamo quest’anno l’apporto dei tifosi è fondamentale, siamo all’inizio e da tifoso dell’Empoli ci credo ma mi auguro nelle prossime gare interne di vedere molti più tifosi azzurri, forza Empoli

    • Probabilmente dirò una cosa antipatica e scomoda, invisa all’opinione generale.
      Onestamente e con tutto il rispetto possibile non credo che l’apporto dei tifosi sia così fondamentale, anche in campionati di serie A.
      Altrimenti come giustificare storie come il Chievo e il Sassuolo, seguiti in tante stagioni da quattro gatti?..
      E se il calore della tifoseria spingesse la squadra al successo come mai il Napoli ha vinto soltanto due scudetti?.. Sarà contata di più la presenza di Maradona o l’effervescenza del popolo partenopeo?..

      • Jacopo da come scrivi mi sembri una persona intelligente.
        Non credi che la verità stia nel mezzo?
        Lo stadium ha aiutato la Juve, una Juve comunque zeppa di campioni.
        Che ne sai quanto avrebbero reso quelli del Sassuolo o del Chievo con 20/30.000 spettatori? Diciamo che il pubblico dà un contributo.

  30. Oggi sconfitta meritata niente da dire. Abbiamo pagato mentalmente la vittoria di Torino. Però io non sono d accordo quando dite solito Andreazzoli. In casa col Venezia che vuoi fare, ti devi difendere? Poi sei andato sotto, che devi fare, stare dietro x non prendere il contropiede? Ha provato a variare col 442 per allargare il gioco, se non ci prova non ha idee, se ci prova è tutto sbagliato. Il secondo gol non è colpa di Andreazzoli, prendere un accelerazione uno contro tre ci sta benissimo, il problema è che erano in 3, quindi non dovevano rinculare tutti insieme, uno doveva uscire e provare l entrata, non era solo, sd saltato ci ne erano altri 2. Abbiamo giocato male, però basta sempre con l allenatore che perde le partite perché prova a vincere. Se vi garba la salernitana che fa 5311, e dopo il primo la prendono a pallate perché non passa la metà campo fate pure

  31. Presente allo stadio di Empoli.
    Mi associo a quanto scritto sopra dal concittadino Alvise e spero che ci salviamo noi e voi.
    Siamo tutti e due stati raggirati da quel mona e farabutto di Dionisi.
    Un saluto ai tifosi azzurri di Empoli in particolare a quel Marco che conosce la nostra storia antica e gloriosa.
    Mi piase aggiungere che il nostro stadio Penzo è il piu antico in Italia fatto nel 1911.
    Certo ci sarebbe bisogno di un bel restauro ma questo anche per il vostro.

  32. Escluso una volta siamo retrocessi per biscotti, classifica avulsa,… sconfitte incredibili come Ancona e Palermo, insomma un punticino puo’ valere anche un campionato..
    La differenza è sottile, per questo sono importanti tutte le componenti.
    Il Covid giustamente incide molto, ma oggi circa 2.500 spettatori, con ns capienza disponibile di 6.500 posti complessivi.
    Credo che giocatori, società e città meritino qualcosa di più!

  33. Un contributo enorme allo spettacolo ed alla scenografia dell’evento, poco alle motivazioni dei giocatori che devono comunque esserci in quanto professionisti, ovviamente zero alla capacità tecnico-tattica della squadra

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here