Esce davvero male la squadra azzurra dal confronto interno con la Spal, una gara in cui c’era l’obbligo unico della vittoria, una gara in cui l’Empoli ne prende addirittura 4 e palesa una condizione sicuramente non consona a questo finale di stagione.

Eppure l’Empoli era andato in vantaggio con l’illusorio gol di Caputo ma gli emiliani grazie ai gol di Petagna su Rigore e Floccari (che errore del poco attento Rasmussen) chiudono avanti 2-1 il primo tempo. Pesa sicuramente un rigore non concesso all’Empoli che pareva evidente per un mani in area. Nella ripresa la pareggia subito Traorè, la Spal ha però una marcia in più e trova altri due gol (ancora Petagna ed Antenucci) che chiudono i battenti e fanno calare un amaro secondo tempo. La scelta di puntare su Krunic all’inizio e di mettere poi Brighi come ultimo cambio fanno capire che verso l’acquisto invernale Oberlin c’è davvero poca fiducia. Grave, davvero grave questa sconfitta nello scontro diretto che tutta la città (che non ha certo risposto al meglio) attendeva.

Vediamo le immagini salienti del match nella sintesi ufficiale della Lega di Serie A:

Rispondi al Sondaggio di PianetaEmpoli

14 Commenti

  1. Il rammarico è di essere arrivati all’ultima spiaggia con mezza squadra fuori e non rinforzata a gennaio ….. peccato davvero, perché bastavano meno errori societari e la salvezza era alla portata …. Non ho mai visto l’Empoli sotto nel gioco, ma solo nelle individualità. …. molti giocatori e soprattutto in difesa non sono all’altezza della categoria, per il momento. ….. ma si torna alle solite ….. Chi l’ha fatta la squadra? E chi l’ha indebolita a gennaio?

    • La risposta è semplice, il presidente e i tre tenori…

      …ma ricordatevi che nelle loro riunioni il presidente è quello che ha l’ultima parola..

  2. Vorrei tanto che Ciccio Caputo rimanesse anche in B (troppo bello vederlo esultare proprio sotto la nostra pezza come ieri) e si ricostruisse la squadra intorno a lui.

    Sarà una ricostruzione complessa perché i giovani forti se ne andranno (tipo Bennacer, Traorè, Di Lorenzo, Krunic) per far cassa, anziani deludenti (tipo Silvestre, Antonelli) seguiranno la stessa sorte ma per motivi opposti. Prestiti deludenti tipo Oberlin o Nikolau non credo verranno riconfermati seppure in B.

    Difficile capire chi rimarrà. Punterei sui cagliaritani Pajac e Farias che mi sembrano utili. Così come Ucan, ovviamente.
    Mraz era una grande promessa in Rep. Ceca e speriamo esploda. Lo stesso deve fare La Gumina in B perché sennò sarebbe il più grosso pacco della storia dell’Empoli.

    Ragionando a mente fredda, una cosa è certa: anche salvandosi in A, questa squadra sarebbe stata da rifondare per i motivi detti sopra (giovani da lanciare, anziani deludenti) e per il fatto che altri sono arrivati a fine carriera (Brighi, Maietta, Pasqual).
    Quindi, forse, rifondazione per rifondazione, è meglio farlo in B.

    Che piaccia o no questo è l’Empoli.
    Non abbiamo una forza economica a livello societario che ci permette lunghe permanenze in A. I NOSTRI CICLI SONO NECESSARIAMENTE BREVI PER ESIGENZE DI BILANCIO.

    Sarebbe bello fare quello che han fatto Avellino, Ascoli, Chievo, seppur in epoche diverse, con lunghe permanenze in A.
    Sarebbe bello, ma per noi questo è troppo. Non credo sia possibile.

    La squadra ieri ha dato tutto quello che aveva. Secondo me è giusto non abbandonarli e seguirli con attaccamento in queste ultime 5 partite prima di salutare con onore la categoria.

    Forza Empoli sempre.
    Una società, la SPAL, che è passata da 1000 fallimenti e 50 anni di categorie infine (C-D-dilettanti) non la invidio affatto se gli capita di salvarsi per 2 anni in A

    • Io partirei intanto da un DS giovane, bravo e voglioso di emergere ….. Questo si che sarebbe un buon punto di ri-partenza.

    • Cicli brevi per esigenze di bilancio? Ma non diciamo caxxate. L’empoli 2.0 sbandierava intenzioni diametralmente opposte, l’empoli 1.0 è retrocesso dopo 3 stagioni di A solo perché il reuccio ha voluto giocare a fare l’allenatore. Basta giustificazionismi!

    • bravo zapata hai fatto un quadro bello e realista ma fino adesso dov’era la spal?oltre 50 anni senza la a poverini!!!!!!!!!!!!!!!!!1

  3. raSMUSSEN GIOCATORI COSI SI VEDONO NEI CAMPIONATI D’ECCELLENZA POVERINO MA CHE DIFESA SUL SECONDO GOL DI PETAGNA,TUTTI FUORI POSTO A GUARDARE CHE SCHIFO!

  4. Concordo non ci sono giustificazioni per questa scellerata conduzione della società.
    I miracoli come lo scorso anno ed anche l’anno di M. Somma sono molto difficili da realizzare.
    Due anni fa nonostante tutto sembrava impossibile riuscire a retrocedere….. quest’anno bastava semplicemente non distruggere il collaudato giocattolo vincente e non sbagliare tutte le scelte.
    Grandissima delusione ed amarezza.

  5. Il più grande errore risale a qualche anno più addietro: la non conferma di Giampaolo.
    Con lui avremmo aperto un bel ciclo.
    Ma hanno voluto fare la scommessa e l’hanno persa.

    • Straquoto, ma non hanno voluto fare la scommessa, qualcuno (uno solo) ha voluto giocare a fare l’allenatore e il DS per interposta persona.

      • Si, eccellente allenatore. Ma non si deve essere lasciato proprio bene con l’Empoli (comprensibilmente) viste le prove offerte con Crotone prima e Bologna ora. Questo non giustifica però i nostri sbagli.

  6. Ricominceremo da capo. Come sempre.
    Difficile però che Caputo rimanga. Forse un sarebbe neanche giusto: E’ un grandissimo attaccante!

    • Ciccio ha dato tutto e anche di + per la maglia. Professionista esemplare e uomo serio. ….. È giusto che rimanga in serie A, anche se da tifoso, uno come lui lo vorrei a vita in squadra. Grazie Ciccio, fortunato di averti visto giocare con i ns colori.

  7. Zapata ha fatto un’analisi giusta. Però qualcuno sopra ha fatto notare che l’empoli 2.0 andava sbandierando ai 4 venti che volevano restare 10 anni in A questa volta, e questo ve lo posso confermare anch’io personalmente , quindi io credo proprio che la retrocessione sia dovuta tutta ad incapacità manifesta dei dirigenti. Il reuccio c’era anche negli anni passati, la differenza era che aveva gente capace accanto che lo consigliava al meglio, non una triade di persone che non hanno mai fatto l’interesse dell’empoli, ed in passato la ragazzina che si crede una manager era alle superiori invece che in società, ecco la differenza

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.