L’ad giallorosso ha spiegato che si potranno sottoscrivere nuove tessere slegati dalla sottoscrizione della tessera del tifoso: «La gente è il nostro principale utente ma negli ultimi anni i club hanno tralasciato questo aspetto focalizzandosi solo sulla questione dei diritti tv. Stadio di proprietà? Strada obbligata»

 

ROMA, 15 luglioAbbonamenti slegati dalla sottoscrizione della tessera del tifoso, introduzione dell’home ticketing, iniziative in favore delle famiglie. Queste le principali novità svelate dalla Roma “made in Usa” nel corso della presentazione della campagna abbonamenti per la prossima stagione, mentre la squadra è da stasera in ritiro a Riscone di Brunico, in Alto Adige, dove resterà fino al 26 luglio: «Il trend decrescente di presenze allo stadio è un problema che deve far riflettere il calcio italiano – ha spiegato l’ad della Roma, Claudio Fenucci –. Il tifoso è il nostro principale utente ma negli ultimi anni i club hanno tralasciato questo aspetto focalizzandosi solo sulla questione dei diritti tv e valorizzando esclusivamente il prodotto televisivo».

  

RIAVVICINARE I TIFOSI – Per riavvicinare la gente allo stadio, quindi, servirà una attenta politica di fidelizzazione, ma una grossa mano potrebbe venire dall’approvazione della legge sugli stadi: «È fondamentale per il calcio italiano – l’opinione dell’ad giallorosso –. Per un grande club la costruzione di uno stadio di proprietà è una strada obbligata visto che rappresenta un asset importante per la crescita dei ricavi». In attesa di poter avere una casa propria, però, la nuova Roma americana continuerà a giocare allo stadio Olimpico. L’ utilizzo e la gestione dell’impianto, di proprietà del Coni, sarà al centro di incontri tra le parti, che discuteranno delle potenzialità commerciali ed economiche dello stadio. Il tutto nell’interesse del tifoso della Roma che dal 19 luglio prossimo potrà sottoscrivere l’abbonamento (prelazione fino 26 luglio): la campagna, presentata con lo slogan “Roma, passione allo stadio puro”, si concluderà l’8 settembre e sarà caratterizzata da una sostanziale conferma dei prezzi per curve e distinti, mentre per le tribune ci sarà un aumento tra il 5 e il 15%. «Speriamo che arrivi dai nostri sostenitori un segnale di cambiamento rispetto al passato – ha detto Fenucci riguardo al calo di abbonati e spettatori –. L’abbonamento d’altronde è un atto di fede, d’amore, d’appartenenza».

IL DESIDERIO – E per invogliare la gente a tornare allo stadio, la Roma ha deciso da un lato di “potenziare” la propria tessera del tifoso (la “As Roma Club Privilege”, acquistabile a 15 euro, valida per 5 anni e indispensabile per poter seguire Totti e compagni in trasferta) con sconti su biglietti e merchandising, prelazioni per i match europei, percorsi agevolati di ingresso all’Olimpico; dall’altro ha introdotto la possibilità di abbonarsi senza dover sottoscrivere la tessera fortemente voluta dal Ministro dell’Interno, Roberto Maroni. Con la nuova card del club giallorosso – ha spiegato da Carlo Feliziani, responsabile biglietteria e servizi tecnici della Roma – «non si avranno privilegi o facilitazioni. Abbiamo solo deciso di andare incontro a tutte quelle persone che, per un motivo o per un altro, non vogliono tesserarsi ma che comunque ogni domenica sono allo stadio per vedere la partita. Questo abbonamento, provvisto di foto, sarà reso possibile dall’implementazione del sistema informativo e delle banche dati integrate Viminale- Lottomatica».

NOVITÀ IN CONTRASTO – Tutto vero, ma leggendo il protocollo firmato lo scorso 21 giugno dallo stesso Maroni e dai vertici del mondo sportivo e calcistico italiano (da Pancalli ad Abete passando per Beretta, Abodi e Macalli), la novità sembrerebbe in contrasto con le direttive del Viminale in cui si sottolinea che «gli abbonamenti, compresi quelli per pacchetti di gare, anche per il prossimo campionato, potranno essere rilasciati solo ai possessori della tessera del tifoso».

PROCEDURA SU INTERNET – Nessun dubbio invece sull’introduzione dell’home ticketing che già dal debutto della Roma in Europa League (18 agosto) consentirà, grazie a una speciale procedura su internet, di fare i biglietti per le gare all’Olimpico comodamente da casa. Una volta acquistato il tagliando on-line, infatti, si potrà stampare o ‘caricarè sulla propria tessera del tifoso e successivamente entrare allo stadio evitando così di perdere tempo in code alle ricevitorie. L’ultima novità riguarda il settore dei distinti nord: sarà escluso dalla campagna abbonamenti e verrà utilizzato per iniziative che coinvolgeranno esclusivamente famiglie e bambini.

 

Fonte: corrieresport.it – Ed.Roma

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here