L’attaccante campano, al suo primo anno in azzurro, racconta attraverso i taccuini de “La Nazione” l’emozione per questa intensa stagione, le gioia per la festa di venerdi sera e getta anche uno sguardo verso il prossimo anno:

Sicuramente io e Caputo puntavamo a far bene ma non ci immaginavamo nemmeno noi di segnare cosi tanto. Siamo orgogliosi di aver scritto il nostro nome nella storia di questo torneo. I fattori di questo mix sono molteplici, ne parliamo da inizio campionato, e sicuramente in questo ha fatto tanto il fatto di stare bene insieme, sia caratterialmente che tecnicamente. Ci completiamo tanto ma da dire che dietro a noi c’è una squadra fortissima. Era difficile immaginare una stagione cosi per l’Empoli, in estate c’è stata una vera e propria rivoluzione e non era facile tirar su un qualcosa da zero, ma siamo stati bravi. La serie A è il sogno di ogni bambino, a maggior ragione per uno come me che ha fatto tanta gavetta. Le partite saranno tutte speciali, così come gli stadi in cui andremo a giocare ma in particolare lo sarà scendere sul campo del San Paolo: sono stati li diverse volte a vedere le partite, andarci da protagonista sarà un’emozione. L’impatto con Empoli è stato positivissimo, è una città in cui si vive e lavora con tranquillità e questo sia il suo grande segreto per il successo. Spero che venerdi ci possa essere lo stadio pieno e che la gente partecipi con noi alla festa, abbiamo fatto qualcosa di straordinario e vogliamo condividerlo con i tifosi

Rispondi al Sondaggio di PianetaEmpoli

Mercato di riparazione: dove dovrebbe intervenire la società?

5 Commenti

  1. Tutti allo stadio!!!! Dai cazzo facciamo una bolgia portiamo tutti una bandiera!!!! E dopo tutti in piazza della vittoria

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.