Non bene quest’oggi l’Empoli che in maniera un po’ fortunata riesce a pareggiare in casa (ricordiamo le porte chiuse) contro il Trapani che è in piena lotta salvezza.

Al termine della gara ha parlato il tecnico Marino. Ricordiamo che oggi – e sarà cosi con questa specifica situazione di porte chiuse – la stampa non ha potuto effettuare il dopo gara. Il contributo audio è stato realizzato dall’ufficio stampa azzurra e ci è stato gentilmente girato. Ovviamente non è cosi che a noi piace lavorare e crediamo che questa particolare condizione sia assolutamente ingiustificata visto che si puo’ giocare a calcio. Ringraziamo però l’ufficio stampa azzurro per il supporto datoci oggi e quello che ci verrà dato per le prossime gare dove – se possibile – saremo comunque presenti.

9 Commenti

    • Fare di più siginifica vincerle tutte…su 21 punti disponibili ne abbiamo fatti 16 con momenti di bel gioco ( Non come Bucchi).
      Quindi chiedere di più è semplicemente pretestuoso…Ora arriva la parte più difficile del campionato abbiamo 4 scontri importanti (Spezia, Frosinone e Benevento e Salernitana) e squadre di mezza classifica da affrontare ( Pescara, Ascoli, Venezia, Entella) e 2 squadre che lottano per retrocedere (Cosenza e Livorno). Conteranno molto le motivazioni visto che il pubblico non ci sarà per molte partite.
      Siamo migliorati in fase realizzativa, ora bisogna rimediare alla fase difensiva sperando nel ritorno di Maietta e Romagnoli…

  1. la squadra ha ancora delle lacune nel centrocampo e in difesa, accontentiamoci per adesso di aver raddrizzato la barca per farla entrare in porto, dopo il macello fatto per adesso va bene anche così .Il mister ed i giocatori nuovi sono poi qui da poco tempo praticamente è come se avessimo cominciato il campionato da due mesi il tempo ci dirà se il mister riuscirà a far crescere questa squadra e a far rendere qualche giocatore di più, purtroppo c è anche il fatto di giocare con la paura del contagio dal virus e anche senza il pubblico che può trascinare questi ragazzi.
    Se il campionato andrà avanti, e ne dubito, secondo me sarà difficile vedere giocare un bel calcio non ci sono proprio le condizioni

  2. Soffriamo le squadre chiuse, mister. Paradossalmente ci troviamo meglio in trasferta, dove abbiamo vinto le ultime tre. Vediamo a La Spezia.

  3. Anche oggi, come contro il Pordenone, abbiamo giocato male al cospetto di una squadra, il Trapani, che nonostante la sua bassa classifica ha imbrigliato la manovra dell’Empoli in modo tale da non lasciare neppure una limpida occasione da goal alla nostra squadra.
    Bisognerebbe però stabilire se questo sia dipeso soltanto dai meriti del Trapani oppure dai demeriti dell’Empoli.
    Io penso che siano stati maggiori i demeriti dell’Empoli che anche oggi si è appiattito in un gioco lento, prevedibile, che ha fatto il solletico a una squadra reattiva e ben organizzata come il Trapani.
    Lasciando da parte i noti problemi in difesa, dove comunque ha svettato un buon Sierralta (il migliore in campo dei nostri), oggi ho rivisto un centrocampo e un attacco imbarazzanti, non in grado di mettere in pratica il 4-3-3 tanto caro a Marino.
    Sono mancate idee, velocità di esecuzione e la qualità tecnica necessarie per scardinare la difesa avversaria.
    Non sto a dire quali giocatori abbiano demeritato di più. Voglio solo evidenziare un’involuzione nel gioco proposto dal nostro allenatore, dove gli interpreti sembrano non sapere cosa fare né avere le caratteristiche per farlo.
    Per fortuna che in una giornata così negativa perlomeno non abbiamo perso. L’autogol di un difensore del Trapani nei minuti finali ha permesso a noi di evitare, immeritatamente, la seconda sconfitta consecutiva in casa, che sarebbe stata una mazzata sul morale della squadra.
    Adesso bisogna subito voltare pagina e ritrovare la giusta concentrazione e gli stimoli per la prossima partita a La Spezia.
    Forza Empoli.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here