Di errori gestionali quest’anno ne sono stati fatti tanti. La speranza è che domenica sera la squadra sia salva, cosi facendo si andrebbe unicamente a prendere il buono dell’obiettivo raggiunto, che di per se farebbe anche storia. Non si può però non evidenziare un mercato estivo davvero superficiale ed approssimativo, con poi anche a gennaio dei rattoppi che hanno lasciato dei dubbi. Discorsi sui quali speriamo di non dover tornare “a processo”. Quello che di buono è stato oggettivamente fatto (anche se l’errore in questo caso è il non averlo fatto prima), è l’aver puntato su Davide Nicola.

Il rendimento della squadra sotto la guida del tecnico piemontese è di tutto rispetto. Subentrato alla 21a giornata, dopo la sconfitta di Verona, in diciassette gare sono arrivati ben 20 punti, viaggiando ad una media di 1,18 a partita. L’Empoli, prendendo in esame le sole gare di Nicola, sarebbe al decimo posto con Fiorentina (una gara in meno), Verona e Monza. Pensate che nello stesso lasso di tempo la Juventus ha fatto 19 punti. Per capire ancora meglio la bontà del lavoro di Nicola basta prendere in esame le ultime due stagioni, che sono state strepitose. Con Andrezzoli si è finito ad una media di 1,08 mentre con Zanetti ad 1,13.

Articolo precedenteSticchi Damiani: “Gravi le parole di Corsi. Le abbiamo segnalate alla Procura Federale”
Articolo successivoTosto: “Mi aspetto un grande Castellani domenica, c’è in ballo la possibilità di fare la storia dell’Empoli”
Giornalista pubblicista, da sempre tifoso azzurro è tra i fondatori di Pianetaempoli.it sul quale scrive ininterrottamente dal 2008. Per PE, oltre all'attività quotidiana, si occupa principalmente delle interviste post gara da tutta Italia. E' stato speaker ufficiale dell'Empoli FC per 5 stagioni.

30 Commenti

  1. Voglio scrivere il mio pensiero personale, prima di sapere come andrà a finire, in maniera da non essere influenzato, nel bene o nel male.
    Ho scritto molte volte che quando è arrivato Nicola ero scettico. Fino ad allora avevo visto una squadra, con giocatori che potevano avere più o meno qualità, ma non avevo visto un gruppo che lottava unito.
    Il calcio che propone Nicola, non mi piace esteticamente, (chiamatemi pure andreazzoliano) ma riconosco che con questo tipo di squadra, è l’unico gioco che ci possa permettere di fare punti.
    Ogni allenatore ha bisogno di una squadra plasmata sul suo tipo di pensiero e questi giocatori si adattano più al tipo di gioco di Nicola, che a quello dell’allenatore precedente (non considero il primo, perché in quel caso si sono create delle situazioni strane tra giocatori e allenatore).
    Nicola è un motivatore assoluto e questa squadra aveva bisogno di questo, di trovare le forze, la fiducia in se stessa. E’ riuscito a formare un gruppo coeso, a trasmettergli grinta a fargli affrontare qualsiasi squadra con almeno la speranza di poter strappare punti e le varie difficoltà che hanno incontrato durante questo tortuoso cammino. Certo, non poteva far salire il tasso tecnico, quelli sono e quelli restano. Il problema del goal lo avevamo prima ed è stato leggermente migliorato, ma restando sempre il problema principale. (E comunque, se contiamo i goal che ci hanno tolto con il VAR, qualcuno in più lo avremmo anche segnato). Comunque secondo me il Mister ha già fatto un miracolo a riuscire a portarci fino all’ultima partita, tra infortuni e problemi vari, ancora padroni del nostro destino.
    Forse domenica sera ci salveremo, o forse no. Ma qualunque sia il nostro destino, il Mister e anche i ragazzi a fine partita meriteranno il nostro applauso.
    Da parte mia quello che ho sempre chiesto alla squadra, è onorare la maglia e i nostri colori e sotto questo aspetto mi ritengo soddisfatto.

    • Concordo su tutto.
      Quello che chiedevo qualche mese fa. Dare tutto contro tutti.
      Poi è sotto gli occhi di tutti che non abbiamo una squadra “forte” come in altre stagioni.
      Quindi un bravo a Nicola a prescindere.
      Un male male, a chi questa squadra ha costruito

      • Aggiungo una postilla.
        In caso di retrocessione, Nicola potrebbe andare bene.
        In caso di salvezza, secondo me non sarebbe l’uomo giusto.
        A monte però ci dovrà essere una campagna acquisti qualitativamente diversa.

        • Nicola x il mercato che non rimarrà mai in b e poi ha un ingaggio pesante. Se ti salvi invece ha il rinnovo automatico. Quindi almeno che non sia lui a chiedere di rescindere lo dovresti esonerare e pagare. Quindi è l opposto. In A probabilmente rimane in b sicuramente no

  2. non so xke’ ma ho la sensazione che accardi sara’ il prossimo ds della roma…qualche settimana fa quelli della roma hanno detto che avevano gia’ il nuovo ds, ma non potevano annunciarlo perche’ era in lotta per un traguardo importante. quasi tutte le squadre sono fuori da qualche tipo di lotta e nulla e’ stato annunciato…

  3. Una domanda che mi sto ponendo da alcune settimana e di cui mi piacerebbe sentire il parere di altri tifosi Azzurri è:

    Voi ripartireste con Nicola in caso di retrocessione in serie B? Lo vedreste o meno come la persona giusta per una pronta risalita?

    • L’ho scritto prima…
      In B per me sarebbe da confermare (sempre se lui è d’accordo).
      In A per me meglio cambiare.
      Nuovo DS, giocatori qualitativamente diversi ed allenatore un po’ più propositivo.
      Con la sola grinta sarebbe dura salvarsi con gli stessi giocatori, molti non avrebbe gli stimoli di quest’anno.

  4. Ma senti questa non la sapevo…il simpaticone Michele Criscitiello di sport Italia che ha montato questa campagna mediatica in modo clamoroso contro il presidente Corsi fino alla fine del 2023 era direttore di Udinese TV …cose da pazzi !!!

    • Quella faccia di topo di Criscitiello, da sempre dichiarato tifoso dell’Avellino (che non vede la A dal 1988), per giunta pure ex-direttore di Udinese TV (non la sapevo e non capisco come le 2 cose possano stare insieme)… sai come schiuma di rabbia a vedere un paesiello come Empoli che a livello calcistico si sta confermando ad altissimi livelli da quasi 30 anni?

      Si ritorna sempre allo stesso discorso: arbitri, giornalisti sono persone come noi. Appassionati e tifosi di calcio come noi. Non esiste l’imparzialità eccezion fatta per pochi grandissimi come Collina e pochi altri.
      Quando io sento arbitri di Ravenna, Campobasso, Latina, Bari, Varese, Alessandria, ecc. mi piglia male

      • Non rammentare Collina che sarà stato pure imparziale, ma che a noi ce ne ha combinate più una di bischerate in campo. Da dire che oggi la VAR dovrebbe essere uno strumento per aiutare gli arbitri a sbagliare meno, ma se sbagliano anche con l’aiuto di quella, la cosa da da pensare. Guida (che si può anche anagrammare con Giuda) cosa da ribadire andrà agli europei, quindi la qualità degli arbitri in Italia non si può che definire mediocre. Ma questo accade da anni con sospetti continui per una sudditanza che poi risulta evidentissima. Come risolvere? Con l’inchiesta che sta venendo fuori sulla classe arbitrale e ne vedremo delle belle, sperando che nel frattempo non ci buttano in serieB. Veramente curioso di leggere chi arbitrerà la nostra partita!

  5. ….Frosinone più forte e nel campo di calcio vincerebbe con L Udinese senza problemi domenica prossima ma ….dobbiamo sperare che vinca l Udinese ed a quel punto credo che alla Roma non interessi più fare punti con noi .
    Il palazzo avrebbe salvato Udine , Pozzo e Cannavaro e la vittima sacrificale diventerebbe il Frosinone , invece di noi
    Insomma facciano cosa c@xxo vogliono ma noi dobbiamo vincere.
    Stop

    • Ma mica c e uno che comanda con i pulsanti le partite ..se l.udinese vince non è che viene telecomandato l’ attscco della Roma o viceversa..secondo me invece il Frosinone è più forte e vincerà contro l udinese..al massimo un pareggio..come è andato giù il Sassuolo può andar giù anche l’udinese..chiaro che noi bisogna fa almeno un pareggio meglio una vittoria a quel punto li siamo salvi a prescinde..se il Frosinone gioca come sa giocare lo batte l udinese che visto domenica mi è parsa una squadretta ..

      • Vorrei che si capisse che se c’è una squadra che rischia davvero se gli azzurri dovessero vincere, quella è l’Udinese perché al Frosinone basta anche il pareggio. Detto questo se noi pareggiano e l’Udinese perde NON SEI SALVO.. VAI ALLO SPAREGGIOOOO!

  6. Allenatore e giocatori domenica sera meriteranno applausi comunque vada.
    A differenza di altre componenti dell empoli calcio.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here