Per la corsia mancina l’Empoli ha deciso di prendere Jure Belkovec dall’Hellas Verona. Una scelta che ha di fatto chiuso ogni speranza a due ritorni a lungo sognati. Di fatto la trattativa per riportare in azzurro uno tra Dell’Orco e Pajac non è mai decollata, complice la volontà dei due ex di ritrovare posto in Serie A.

Parliamo di Pajac e Dell’Orco, la cui cessione è stata ufficializzata nelle ore passate. Il mancino croato è approdato al Genoa del suo mentore Aurelio Andreazzoli, mentre l’ex Sassuolo è stato ceduto in prestito al Lecce.

E nella squadra salentina potrebbe giungere un terzo ex, ossia Farias, per il quale il Lecce è vicino all’accordo definitivo.

 

24 Commenti

  1. la serie b e’ un campionato triste, non ci vole giocare nessuno…se il palo di caputo andava dentro, ora si aveva la squadra fatta per la A…cmq complimente al lecce ha preso dell’roco mica silvestre, ormai andato…e noi invece l’anno scorso in agosto si e’ preso un vecchio come silvestre….

  2. Se non sbaglio gli 11 titolari dell’empoli di fine stagione sono tutti rimasti in A a parte Maietta e silvestre….dragosky, dell’orco, pajac, di lorenzo krunic ,bennacer, traore, farias, caputo…e la maggior parte in squadre di media-alta classifica….che squadra che avevamo…sigh…

    • Il problema marco p era il centrocampo bellino ma inconsistente e soprattutto la mancanza di riserve che ha provocato un calo di molti tra tutti di lorenzo e bennacer ad aprile.

  3. Ma siete de coccio… se non si fosse retrocessi e venduto tutti ma al presidente i soldi che glieli dava per comprare tutti…?!?! Abituiamoci a queste situazioni nella speranza di tornare su…
    Il che non è così semplice ….

  4. Il genoa …il mio sogno che retroceda.. .che andreazzoli il pananettone lo mangi a marina di massa..forza empoli….

    • Tanto odio (alquanto deprecabile) nasconde solo l’apprezzamento verso un professionista che durante un capitolo della sua vita professionale ha dato tutto per la squadra e per i tifosi.
      Battuto solo da un colpo di testa della dirigenza a metà del girone d’andata, da un biscotto tra due squadre a fine campionato, ma vittorioso moralmente per i veri sportivi che ancora apprezzano la bellezza del calcio.

  5. Caro Marco, una grandissima squadra, avevamo! Con un gioco bellissimo. Ti ricordi l’ultima mezz’ora di San Siro? Con l’Inter arroccata nella sua area a difendere? Un ci capiva più nulla a un certo punto.

    • Ci ha (andreazzoli) messo 5 mesi a capire che il modulo migliore per la squadra era il 3-5-2… Con dell’orco, pajac e farias da inizio anno piu’ bennacer in cabina di regia si era 10th …ma hanno preso silvestre, la gumina e puntato su capezzi….

    • Ma che non ci capiva più nulla! Era ma cotta l’Inter! E noi s’è preso un gol incredibile: in contropiede sul risultato che ci salvava!

    • Non vorrei essere ripetitivo e magari qualcuno lo ha già detto.Due anni fa un po’ tutti i tifosi a fine mercato pensavano che davanti a noi ci fossero almeno 4 o 5 squadre,ritenute più attrezzate per la promozione.Quindi inutile fare previsioni.Sulla carta secondo me non siamo inferiori a nessuno, ma solo il campo ci dirà chi siamo e dove arriveremo.

    • Difficile fare paragoni…All’epoca avevamo elementi come Krunic in grado di fare la differenza e molti prospetti su cui puntare.Zajc era ed é rimasto,secondo me,un mezzo giocatore dotato cmq di quei lampi in grado di cambiare le sorti di una partita.La società indovinò,od azzeccò è il caso di dire,degli elementi che poi si sono rivelati devastanti x la cadetteria(Bennacer e Di Lorenzo).Oltre a loro,giocatori di affidamento come Castagnetti e,nelle intenzioni societarie,Lollo e Romagnoli..
      Quest’anno l’approccio è diverso.Dalla A sono rimasti Antonello e Maiette,validi per lo spogliatoio,ma in una fase della loro carriera discendente,almeno a livello di rendimento sul campo.Si è scelto giocatori al top per la categoria ed affamati a livello di approccio mentale.
      Credo che quest’anno si sia puntato molto su quest’ultimo aspetto che non prendersi gente scesa dalla A come Rodhen,o giocatori come Ciofani o Ceravolo…
      La B è un campionato i cui chi ha più sete,vince.
      Detto questo..io nn voglio portare iella e non voglio esprimere preferenze,ma mi sento molto ” fiducione”.

  6. Ripeto: 14 punti nelle prime 8 e poi si spicca il volo!

    Empoli-Juve Stabia 3 punti
    Chievo-Empoli 0 punti
    Crotone-Empoli 1 punto
    Empoli-cittadella 3 punti
    Pisa-Empoli 0 punti
    Empoli-Perugia 3 punti
    Pordenone-Empoli 3 punti
    Empoli-Ascoli 1 punto

  7. Partire bene conta ma fino ad un certo punto.
    anche la prima parte di campionato di due anni fa non fu brillantissima ma
    la seconda metà fu devastante.
    Certo ce da considerare anche che la coppia caputo,donnarumma segnò 50 gol in due.

  8. Claudio le tue tabelle sono come un castello di sabbia prima della mareggiata.
    Bisogna guardare partita per partita e tu ti diverti a fare tabelle che ormai lo sanno anche i muri non servono a nulla, forse sono anche deleterie.
    Io cercherei anche di non parlare più della squadra del passato. Fa ancora male e me ne accorgo quando vedo gli ex con le loro nuove maglie di serie A, per adesso è come vedere l’ex che ancora ti piace camminare con un altro. Poi arriva un momento nel quale quell’ex non ti fa ne caldo ne freddo, ma bisogna concentrarci sulla nostra nuova ragazza, che potenzialmente ha tutto per farci battere il cuore come prima, basta avere pazienza e fiducia.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.