Massimo Maccarne ha deciso: quella appena trascorsa è stata la sua ultima stagione da calciatore! Lo abbiamo scoperto per caso, anche se premetto che non ho i così detti “social” e che non li frequento e quindi non so se abbia scritto qualcosa lì – e ne siamo rimasti comunque colpiti. Perché  per noi il calciatore Maccarone-Big Mac sarà sempre quello che ci ha regalato momenti ed emozioni da dentro il campo di gioco, con la maglia azzurra addosso, e la sua classe, i suoi gol.

E’ stato il primo giocatore che, giocando nell’Empoli (allora addirittura in Serie B) abbia indossato la maglia della Nazionale maggiore (27 marzo 2002) e con l’Empoli ha giocato per 8 stagioni, ha disputato in totale284 partite e segnato 101 gol.

Adesso aspetta di conoscere quale sarà il percorso che dovrà affrontare per il corso a Coverciano per prendere il suo primo patentino di allenatore.

Pare che potrebbe affiancare come secondo Silvio Baldini (altro grande ex) sulla panchina della Carrarese, squadra con la quale ha chiuso la sua carrera da calciatore.

Di Maccarone allenatore scriverà il futuro, ma di quello che è stato come giocatore la storia – e specialmente la storia dell’Empoli FC –  ha già scritto pagine importanti.

Domani il nostro Stefano Scarpetti pubblicherà l’intervista che è stata fatta a Big Mac quale uno dei protanisti  dei cento anni della storia azzurra. Più che logico, giusto.

Perché Maccarone non è stato solo un gran giocatore ma anche un personaggio legato al mondo Empoli dentro e fuori dal campo.

Di lui calciatore ricorderemo il suo arrivo ad Empoli (uno dei primi grandi acquisti di quel mago del calcio che è Pino Vtale), la sua cessione al Middlesbrough – che portò ancora una volta Empoli alla ribalta Nazionale: fu uno dei primi i giocatori italiani che attraversarono la Manica – , il suo ritorno ad Empoli nel gennaio 2012 e quando, nella magica ed indimenticabile notte dell’ 8 giugno 2012, chiuse col Vicenza il discorso salvezza facendo tremare di gioia il “Castellani” in un grido quale non si era mai udito prima e chissà se mai si udrà ancora di quella intensità.

Amatissimo dai tifosi – un amore sempre contraccambiato – Maccarone ha lasciato l’Empoli, e non a caso, nel momento nel quale  la Società ha iniziato un percoso verso quello che abbiamo definito Empoli 2.0. Big Mac era parte di un un modo di fare e vivere il calcio che si stava abbandonando

A 41 anni appena compiuti il 6 settembre scorso (a proposito, auguri!), si capisce che è arrivato anche per lui il momento di “attaccare le scarpe al chiodo”.

Vogliamo dirti grazie, Massimo, per le emozioni che ci hai regalato, per l’attaccamento alla maglia che hai dimostrato, per il coraggio che hai sempre avuto di metterci la faccia anche nei momenti più difficili – quando si vede la differenza tra gli uomini e gli omuncoli – e per quello che sei stato anche fuori dal rettangolo verde.

L’augurio che ti facciamo, di cuore, è quello di avere, da allenatore, i successi e le soddisfazoni che hai avuto da calciatore. Empoli è con te.

40 Commenti

  1. Quel gol col Vicenza e il ritorno per cercare di salvare il salvabile nella tremenda stagione ’11-12 gli varranno un posto importantissimo ad eterna memoria nella storia dell’Empoli calcio.Buona vita Macca!

  2. Quanto amo Big Max.. Solo a lui siamo riusciti a dimenticarci gli anni trascorsi a Siena.
    Quando si parla di EMPOLI fuori dalla Toscana tutti mi dicono .. Ah.. maccarone&tavano! ❤️

  3. Grande Capitano, uno dei più grandi uomini della storia del club, fatto fuori ed infangato da gente che non si dovrebbe permettere neppure di entrare al Castellani

    • Direi che doveva essere al posto di A.ccardi, perchè quello era il suo destino…poi il ds A.ccardi lo ha fatto fuori ed ora tutti vogliono che se ne vada per questo motivo…

  4. Ragazzi non sapremo mai perfettamente come sono andate le cose in quella stagione maledetta. Ancora non mi sono fatto un’idea precisa e a seconda di quale campani ascolti trovo delle logiche e cose meno logiche, ci mancano dei puntini per unire un disegno preciso.
    E’ un peccato che parecchi di noi viviamo combattuti su alcune persone che sono state bandiere per noi: Maccarone e Martusciello, ma anche Pucciarelli.

    • se di fronte a quella partita (e altre) e a quel passaggio a un metro dalla porta non sai unire i puntini da solo allora è un problema tuo…

  5. Grande Big Mac. Tanti auguri per il futuro. Rimane pero’ quella macchia di Palermo, ma non tua e basta. Di tutta la squadra. In quella gara Ischia o non Ischia capitano mio capitano dovevi con Croce prendere per mano la squadra in stile Oronzo Canà e dire, oggi noi ci si salva punto e basta, indipendentemente da che dicono gli altri. Se c’era qualcuno che voleva retrocedere te e Croce avreste potuto impedirlo. Senza entrare nel merito del passaggio fatto apposta o no. Punto. Siccome era il Palermo già retrocesso Maccarone e Croce quella partita la vincevano da soli.

  6. …ci sono varie interpretazioni. Uno può pensare che Maccarone abbia agito d’istinto, perchè il risentimento nei confronti di quello là di Ischia e dell’intera cupola societaria ha prevalso sull’attaccamento alla società, ma mi pare strano, o se è così non è quello che tutti pensano ad Empoli. Oppure, è stato inghiottito dalla totale paura della squadra quel giorno, è andato completamente in bambola, tanto da non avere nemmeno la voglia di provare a fare quel famoso tiro (che poi non c’è la controprova che sarebbe stato goal sicuro). Infatti io non mi sono mai schierato.

  7. Il ricordo del 3-2 sul vicenza indimenticabile. Per me sempre e solo maccarone olè.
    Detto questo anni fa conobbi a HCMC suo fratello. A dir suo neanche Massimo si capacitava di quel gol sbagliato col Palermo, e che su 100 volte lui 99 avrebbe segnato.

  8. Uno dei più grandi! Se non il più grande centravanti della nostra Storia. Convocato da Trapattoni in Nazionale (con esordio e rigore procurato in Inghilterra) quando ancora l’Empoli era in B.

  9. Il migliore di sempre.
    Maccarone = Empoli.
    Ci ha salvato dalla C, ci ha portato in A e fatto salvare due volte.
    Se non fosse tornato lui, nel 2012 saremmo retrocessi e sarebbe finito tutto.
    Non lo dimentico. Tutto il resto sono cazzate.
    Grazie Massimo.

  10. Il gol del playout 2012 è stata la più grande liberazione provata dopo una marcatura Azzurra negli ultimi 30 anni.

    Uomo di tanti record:
    1) primo Nazionale con l’Empoli in B
    2) prima cessione in Inghilterra
    3) incassi fra i più grandi della storia Azzurra (il trio Marchionni, Bresciano, Maccarone fruttò circa 25mld di lire a testa nel biennio 2001-02)
    4) secondo (dopo Tavano) a raggiungere quota 100 reti Azzurre

    Infine, legatissimo alla maglia. Una vera bandiera.
    Le dicerie legate al gol sbagliato apposta a Palermo nel 2017? Tutte stronzate

    LODE A TE BigMac. SEMPRE 💙

  11. macca,macca ma nessuno si ricorda delle mega minc……..te di bellusci -costa?o di quelle di gilardino?ragazzi a parte maccarone e croce la squadra faceva veramentec…….re!

  12. Maccarone – Tavano – Croce – Valdifiori – ecc…. Mamma mia, che bei tempi !
    E che brave persone !
    Mica come gli arruffoni, i cialtroni e gli affaristi che hanno inquinato l’ambiente azzurro.

  13. UN BIG MAC..E UNA BIRRA.!! QUANDO PENSO AL TUO GOAL ALLO SCADERE LA NOTTE DI VICENZA..MI VENGONO ANCORA I LUCCICONI AGLI OCCHI…GRAZIE CAPITANO

    INDIMENTICABILE GLADIATORE

  14. Uno,se non IL più’ grande giocatore mai approdato ad Empoli. I numeri delle prestazioni parlano chiaro e oltre a salvarci, portarci in A e farci rimanere, ha fatto riempire le casse della società’ nel 2002,non dimenticatelo.
    Trovo insensato e da depensanti le accuse contro lui per la gara di Palermo, Massimo stesso e altri giocatori hanno sbagliato goal ancor più’ facili, fa parte del loro mestiere.
    Sappiamo tutti che il siciliano lo ha portato lui a Empoli in quanto disoccupato, che “in amicizia” ha ricambiato facendolo fuori, e sappiamo tutti chi dava ordini a quello di Ischia. Il ruolo naturale di Massimo ora dovrebbe essere da dirigente a Empoli, si io voglio un dirigente che ha come lui l’Empoli tatuato sul corpo,ma chissà’ perche’…..

  15. Grande Gladiatore è troppo importante quello che hai fatto per questi colori, che nessun evento di Palermo potrà cancellare. Se mettessimo in vendita le maglie dei giocatori più rappresentativi sicuramente fra primi 3 ci sei tu. Empoli e la maggior parte degli Empolesi ti Ama

  16. Grazie di tutto Big Mac!!! Le chiacchere da bar sul “non gol” a Palermo lasciale ai criticoni di natura! Non hanno mai giocato a calcio, è evidente!
    Tavano e Macca bandiere che non ammaineranno mai!

  17. A mio avviso Maccarone doveva sedere sulla poltrona dirigenziale che gli spetta, quella della squadra che si è tatuato .
    Invece, nella sua buona fede si era portato dietro il palermitano, che ai tempi vendeva il cocco sulle spiagge di mondello, e si è ritrovato morso da quella serpe malefica.
    Tutti hanno sbagliato gol , perché fanno i calciatori e non i dentisti…. ma pochi come Lui ci hanno fatto sognare e vivere la magia della serie A!
    Mac ti rispetterò sempre e non dimenticherò mai i tuoi modi , chi è rimasto qui ad Empoli , a ricoprire il ruolo che spettava a te, non sarebbe degno neanche di allacciarti le scarpe!
    Tempo al tempo e tutti i burattini torneranno al loro posto; in fondo a destra!
    Buona vita Big mac!

  18. grande big mac giocatore simbolo noi non ti dimentichiamo. quando esci con la maglia sudata puoi vincere o puoi perdere ma quello che conta è aver dato tutto. giocatore che si è sempre impegnato,cha ha dato tutto per la maglia azzurra e che è stato mandato via troppo frettolosamente.
    big mac e ciccio tavano e si vola!

  19. Grande Maccarone, solo questo! Se ne è andato un altro pezzo di un epoca romantica che non tornerà più. A quelli che pensano a Palermo dico che siete malati, anzi, che avete un’anima malata.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here