Per l’Empoli è giunto il momento di tornare a scontrarsi con il Venezia, l’unica squadra che è riuscito a batterla in questo campionato. Ormai sono passati diversi mesi da quella partita giocata in “due puntate”, cominciata in una notte nebbiosa e terminata il giorno dopo. Di acqua ne è passata sotto i ponti e adesso la sfida tra Empoli e Venezia rappresenta uno scontro al vertice. Gli azzurri guardano sempre tutti dall’altro ma i lagunari, grazie a un periodo di forma stratosferico (5 vittorie e 1 pareggio nelle ultime 6 partite) stanno scalando progressivamente la classifica.

Naturalmente la gara è ostica, e non solo per il buon periodo del Venezia. La forza della squadra di Zanetti consiste nella sua imprevedibilità e nel suo dinamismo. E sono proprio questi due fattori a cui l’Empoli dovrà stare maggiormente attento. Lo abbiamo già visto ampiamente nella gara d’andata ma anche in molte altre partite dell’attuale campionato. Serve un Empoli equilibrato, che si cali con la mentalità giusta e che mantenga alta l’attenzione per tutti i novanta minuti.

Quella di oggi non è una partita decisiva, certo. Un eventuale passo falso non sarebbe drammatico. Ma l’Empoli ha l’occasione giusta per lanciare un segnale. Alle dirette concorrenti, ma soprattutto a se stesso. Una vittoria darebbe quelle energie nervose utili per fronteggiare al meglio le prossime difficili partite.

8 Commenti

  1. Di inglese, oltre alla variante, c’è anche la media:
    Empoli-Venezia stasera
    Reggina-Empoli martedì
    Empoli-Cittadella sabato
    Va rispettata. Forza ragazziiiiii!!!!!!

  2. Una” battuta”, ma il comune non doveva decidere il bando per lo stadio, entro la fine di febbraio?
    Ormai la parola data e diventata cosa rara!…
    MAREMMA IMPESTATA

  3. Intanto vediamo che aria tira stasera, credo che non ci sia il pericolo della sottovalutazione dell’avversario….. e non è poco, poi ottima stagione e serata per una partita di pallone, peccato non esserci.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here