I viaggi in laguna non portano mai bene, anche stavolta gli azzurri a Venezia non portano via punti. La trasferta in terra veneta ha fatto rivivere ai tifosi una sorta di dejavu di quanto accaduto nel lontano 1999. Infatti la gara iniziata come da programma sabato alle ore 16 è stata sospesa per nebbia al 61′ stesso minuto in cui venne interrotta quella del 6 gennaio di oltre venti anni fa, come allora è arrivata una sconfitta, ma le similitudini finiscono qui, non solo perchè stavolta c’è stata la prosecuzione di un match che vedeva l’Empoli sotto di due reti, mentre allora si giocò il recupero che vide la compagine allenata da Sandreani perdere in rimonta per 3-2 compromettendo la rincorsa alla salvezza nella massima serie.

Arriva la prima battuta a vuoto stagionale, una sconfitta da analizzare con la dovuta attenzione. Da una parte dobbiamo sottolineare la stranezza di una gara giocata su due giorni, caratterizzata dagli episodi e dagli eventi atmosferici, dall’altra però potrebbe essere un grave errore appellarsi unicamente alla nebbia, questo potrebbe rappresentare un alibi. A Venezia per la terza volta consecutiva l’Empoli è passato in svantaggio, subendo gol per la quarta partita consecutiva. Numeri e statistiche da non sottovalutare. Come ha ricordato Dionisi nel dopo gara- Per lui era una gara nella veste di ex come per Moreo e Stulac- non si può sempre recuperare, su questo aspetto ovviamente ci sarà da lavorare.

L’approccio non era stato negativo, in una gara giocata su ritmi piuttosto alti. Mancuso aveva avuto la palla del vantaggio, trovando la risposta del portiere avversario, sull’altra sponda Brignoli era costretto ad intervenire su tiro di Aramu. Dicevamo degli episodi, il Venezia è stato capace di portarlo dalla propria parte trovando il vantaggio, in una circostanza dove sicuramente si poteva fare di più, impedendo a Fiordilino di calciare con sufficiente libertà. Poi chiaramente l’arrivo della nebbia ha condizionato il resto della partita, poco prima della sospensione Forte ha firmato il raddoppio.

Il giorno dopo nella restante frazione di gara era una sorta di lotta contro il cronometro, Mancuso con una rovesciata ha sfiorato quel gol che avrebbe riaperto i giochi, il Venezia ha saputo coprirsi mentre gli azzurri non sono riusciti a trovare spazi. Dando uno sguardo alla prestazione dei singoli spicca ancora una volta la prestazione di Moreo, non soltanto per quanto fatto nelle due fasi, ma la capacità di adattarsi ai ruoli in campo. Per il resto prestazioni sufficienti di Stulac, seppur ben controllato dai centrocampisti avversari, Bandinelli e il reparto arretrato ad esclusione di Terzic apparso al di sotto del suo straordinario standard fatto vedere in queste prime partite. Deludente Bajrami incapace di entrare nelle pieghe del match mentre Mancuso si è dato da fare senza incidere.

Adesso c’è da assorbire questa sconfitta, rappresenta sempre un banco di prova, ci sarà da capire quale sarà la risposta del gruppo per inserirla nel capitolo degli incidenti di percorso che possono verificarsi all’interno di una stagione. A fine partita Dionisi ha sottolineato proprio questo aspetto, premendo sul tasto di non disperdere quanto di buono fatto finora, non soltanto sul piano dei risultati ma anche del gioco e dell’atteggiamento. Adesso c’è una settimana intera per togliere le scorie e affrontare al meglio la Reggina prima di effettuare la sosta.

43 Commenti

  1. Se veramente la musica è cambiata lo si vede ora con la capacità di Mister e giocatori a correggere gli errori ….. lo si vede non tanto con il risultati (che poi è la cosa più importante), ma nell’atteggiamento. Venezia è una sconfitta indolore? Può essere, ma anche Pordenone lo fu all’inizio per poi scoprire a distanza di mesi che lì era successo qualcosa. Ora bisogna capire e correggere. Certo non eravamo fenomeni prima e non siamo brocchi adesso, forse (tutto l’ambiente) si è lasciato troppo entusiasmare da questo inizio. Bisogna essere equilibrati sempre, nel bene e nel male. Troppo facile esaltare gli uomini quando tutto va bene, difficile è farlo negli sbagli. Equilibrio.

  2. L’anno scorso dopo Pordenone abbiamo vinto 1sola volta in tutto il girone d’andata anche se a mio avviso il vero spartiacque fu’ il pareggio subito a Trapani al 97… vediamo quest’anno di rimettersi in carreggiata..la squadra sembra avere piu carattere corsa e gioco rispetto allo scorso anno quindi diamoci dentro e sfatiamo subito questi paragoni.

  3. Io sarei curioso di vederla con Zurkowski nel mezzo, questa squadra. E con Casale al posto di Nikolaou. Anche solo pe’ levarmi i’dubbio.

    • Claudio, Nikolau lo vedo invece cresciuto. È più sicuro e uno dei meno peggio a Venezia.
      Mi sembra che avesse bisogno di continuità per avere maggior fiducia. Comunque è un marcatore, non gli chiedete di impostare il gioco.

      • Sono d’accordo con Claudio, anch’io proverei Casale ( cosa l’abbiamo preso a fare?) ed in ogni modo sabato, guarda che combinazione, la palla del primo goal di Fiordilino è passata proprio fra le gambe di Nikolau.

  4. Secondo me non sarà come Pordenone per un semplice fatto, quest’anno non dobbiamo andare in serie A.
    La differenza sta tutta lì. Almeno che le ns aspettative e quelle della società non siano cambiate con 13 punti nelle prime 5 giornate. La chiave è tutta lì. Se si pensa a stare lontani dai guai e forse (ma proprio come obbiettivo massimo) ai play off dal sesto posto in giù non ci saranno ripercussioni anche se si pareggia con la Reggina. Se in fondo al ns cuore si pensa ai primi posti allora potrebbe essere anche una nuova Poredenone perchè devi subito ritornare a vincere, perchè se ne stecchi un’altra ti passano altre 5 6 squadre ecc. ecc.
    Poia me Stulac non mi piace e forse stiamo esaltando oltre modo Moreo. Ti dà un arma in piu’ in avanti e cm ma non ti dà qualità nella costruzione del gioco. Puo’ anche essere una virtù , ma finora abbiamo beneficiato di molti gol di testa ma fatto poco poco. la catena centrale regista-tre quartista la vedo sempre debole. Spero ovviamente di sbagliarmi.

    • Sono daccordo con te, sul discorso centrocampo; purtroppo è sempre lì il problema dell’Empoli. Io ho sempre sostenuto che a Stulac bisognava dare un’altra chance, ma il ragazzo continua ad essere un pesce fuor d’acqua; le sue doti tecniche e il suo impegno non sono da mettere in discussione, ma non mostra quel carattere anche cattivo che gli permetterebbe di comandare il centrocampo e di richiamare attorno a sé gli altri due centrocampisti; invece ognuno lì nel mezzo fa quello che gli pare: quando le poche volte si imposta l’azione da Stulac, non si capisce perchè Bandinelli è già in avanti (ma a far cosa?) e Haas fa quasi il trequartista; per cui la palla da Stulac ritorna ai due difensori esterni, e (ormai le squadre hanno visto come si gioca) noi veniamo bloccati sulle fasce; in pratica si sta ritornando al gioco inconcludente dell’anno scorso; per Terzic sarà sempre più difficile sfondare e crossare. Un po’ meglio va quando gioca Ricci, che cerca di dare una mano all’impostazione, visto che è sempre stato il suo gioco, ma poi anche lui si dilegua in avanti sul centro-destra.
      L’unico che dà le accelerazioni e penetrazioni centrali è Moreo, ma molte volte, vista la sua velocità di gioco, sembra estraneo al modo di giocare della squadra. Giocando Bajrami, per me deve stare ancora più basso, perchè è l’unico che può dialogare con Stulac e aiutare ad impostare il gioco per vie centrali.
      Insomma secondo me, Dionisi avrà molto da lavorare ed è in questo momento che deve dimostrare tutta la sua bravura.

      • Insomma … basta una partita non giocata all’altezza e Stulac no buono, Terzic no buono, Moreo no buono … (no buoni per sviluppare un gioco ottimale per la squadra naturalmente) … Bandinelli fuori posizione, Haas altrettanto …insomma un centrocampo che tanto aveva fatto bene con Spal e Pisa … adesso non sarebbe all’altezza. Cercate di esser più coerenti e vedere quello che hanno fatto nelle prime 5 giornate. E un siamo il Barcellona … E’ stata solo una giornata storta come probabilmente ne capiteranno altre (speriamo poche) e ogni tanto diamo merito anche agli avversari se son bravi ad imbrigliarci. Poi che ci sia da migliorare alcuni aspetti siamo daccordo, MA LE OTTIME PARTITE CHE HANNO DISPUTATO I SUDDETTI GIOCATORI NON VANNO DIMENTICATE PER VIA DI UNA PARTITA GIOCATA NON ALL’ALTEZZA DA TUTTA LA SQUADRA … NESSUNO ESCLUSO. Sabato giochiamo contro la Reggina e sicuramente sapremo riscattarci e i commenti STRANAMENTE diventeranno un’altra volta entusiastici per questo o quel giocatore!

          • Forse posso essere anche sordo … ma ci vedo abbastanza bene e il tuo commento e anche l’altro commento mi sembrano abbastanza chiari … e parlo sempre sotto l’aspetto centrocampo che secondo te non gioca nella maniera migliore.

            ” invece ognuno lì nel mezzo fa quello che gli pare” mi pare che l’hai scritto te o no? Capirei … se questo centrocampo si fosse comportato male gia nelle partite precedenti … ma così non è stato. Poi per carità ognuno può dire la sua e ci mancherebbe che non fosse cosi … come è chiaro che si debba tornare a giocare in maniera più propositiva. Però ci si potrebbe fare anche una riflessione ….e se il Venezia fosse una squadra alla nostra pari o migliore?

    • No Mork, il Venezia non è meglio di noi; ci hanno semplicemente bloccati sulle fasce, e non hanno avuto problemi a limitarci centralmente (cosa che accadeva sistematicamente l’anno scorso anche con squadre inferiori). Poi non mi sto scordando le 5 ottime partite precedenti, ci mancherebbe altro; però che il nostro problema rimane la zona centrale, non puoi non riconoscerlo, e se ben ricordo all’inizio del campionato lo facevi presente anche te. Si sta solo discutendo come migliorare, per avere maggiori ambizioni, tutto qui; poi se non ci si riesce, pace; non siamo certamente da retrocessione !!!

      • All’inizio del campionato, MI PARE LOGICO CHE SI POSSANO AVERE DEI DUBBI SU ALCUNI GIOCATORI CHE L’ANNO PRIMA AVEVANO LASCIATO A DESIDERARE E CHE SON FINITI ANCHE IN PANCA … ma è anche chiaro che certi giocatori non potevano esser quelli visti lo scorso campionato. Ho ripetuto più volte che, per esempio uno come Bandinelli non poteva aver fatto sempre, nelle altre squadre, il titolare se non avesse avuto le sue belle qualità … Tutti i dubbi che vuoi su Stulac … ma riconoscerai che nelle precedenti partite tutti lo hanno definito ” un giocatore rinato” e che ha preso le sue belle sufficienze in pagella … Ora nessuno mette in dubbio che questo centrocampo non debba crescere, in fondo questo vale per tutta la squadra, ma mi sembra riduttivo dire che sia ad oggi un centrocampo che male ha adempito al suo dovere.. Se poi tutto è riferito ad una partita, son perfettamente daccordo e se la cosa si ripetesse contro la Reggina allora comincerei ad avere qualche preoccupazione in più anche io! Quanto al Venezia la mia non era certo una affermazione, ma c’è comunque da dire che se non ricordo male ne ha date 4 al Pisa e 2 a noi e che se nel recupero della partita sospesa per via del Covid porta a casa i 3 punti si ritroverebbe in classifica con gli stessi nostri punti. Quindi sicuramente, almeno per ora, si sta dimostrando una squadra forte perchè bloccare le iniziative avversarie sulle fasce e centralmente e sapersi proporre bene nella fase offensiva è una prerogativa che vorrebbero avere tutte le squadre. Poi magari si può discutere su come son venuti i loro 2 goal … direi in maniera non fortunata per noi, quello si …………

  5. Comunque, so che non c’entra nulla, ma non importa: un saluto a tutte le vedove di Iachini che ancora adesso dicono che se si teneva lui ci si salvava, e rincaravano dicendo “vedrete che a Firenze farà bene”. E invece sta facendo esattamente come qui se non peggio. Ha una squadra con doti tecniche da Europa League e se non si sbrigano a cacciarlo è capace che li fa rischiare di retrocedere. Giocatori fuori ruolo, il 5-3-2 che non lo cambia nemmeno sotto tortura, il gioco solo in orizzontale, e infatti la gente lo vuole rincorrere nonostante lui sia tifoso viola. E lo vuole rincorrere anche e soprattutto per le parole nelle interviste, dove dopo partite con 0 occasioni dice che comunque la squadra ha giocato bene, è stata penalizzata dagli episodi ma ha creato tanto ecc ecc… che è proprio la cosa che ti fa incazzare di più. Incompetente e arrogante, il peggior allenatore d’Italia degli ultimi 30 anni. E qui c’è ancora fior di “intenditori” che lo rimpiangono.

  6. Nel calcio contano i giocatori , se si guarda anche Gianpaolo , Sarri , Ancelotti a Napoli,
    Smettiamola di difenderli loro fanno il loro lavoro se si vede che sbagliano gli va fatto notare ,conta solo la maglia
    MAREMMA IMPESTATA

  7. Ma di che cosa stai vaneggiando ? Sei indecifrabile !!! Te l’hanno già detto; prova a fare un corso di recupero delle scuole elementari. E poi smettila con la solita imprecazione finale; fai veramente pena !!!

  8. Guido io un so l’italiano
    Ma ti dico un detto toscano
    Vivi e lascia vivere…e sennò bada che ne tocchi!!!
    Poi se ti da fastidio il mio detto che in toscana e nel vocabolario
    si dice Maramma impestata ladra
    E tu sei duro come le pine verdi

  9. Cappellino ieri ha fatto il 5 5 0. Nemmeno un attaccante. Che risate. Hai Ribery e lo fai giocare centravanti. La difesa a 5 non l ha levata nemmeno col Padova in coppa Italia contro una di serie C. Nella squadra c è la solita tristezza che c era da noi. È il peggiore catenacciaro della storia.

  10. …..c’è però un fatto ineluttabile nel calcio, al 95% ha risultati chi, alla fine dei giochi, piglia pochi goal; il restante 5% è rappresentato da squadre tipo Milan anni ’90, Barcellona, noi l’anno di Andreazzoli, la Juventus di questi ultimi anni, l’Atalanta, squadre, o capaci di fare 4/5 gol a gara, oppure di prenderne 1 ogni 4/5……poi, la cosa è soggettiva, ognuno preferisce quello o quell’altro.

    • Sì ma Iachini i gol li piglia anche. Per fare il catenaccio fatto bene non basta stare tutti dietro, serve una fase difensiva organizzata alla perfezione e interpreti adatti

      • ……diamine! Facevo per evidenziare che il gioco spettacolare aggrada, ma non è sinonimo di risultati. Iachini, in effetti, pare aver perso anche l’unica capacità che aveva.

        • Sì, chiaro che non basta giocare all’attacco per vincere, io tra l’altro non sono mai stato uno zemaniano, anzi tutt’altro. Resto semplicemente dell’idea che a uno come Andreazzoli che ci aveva fatto fare quella stagione stellare in B gli andava concessa la possibilità di giocare l’intera stagione in A. Io son convinto avremmo fatto 45-50 punti, ovviamente posso sbagliarmi e magari saremmo retrocessi, ma la stagione gli andava fatta fare tutta. Se poi ripenso che il suo posto fu dato a quella nullità, batto il capo ni muro

  11. Parma-empoli 0-2
    Empoli-Renate 2-1
    Frosinone-empoli 0-2
    Empoli-Monza 0-0
    Pescara-empoli 1-2
    Empoli-Spal 2-1
    Empoli-Pisa 3-1
    Benevento-empoli 2-4

    Sabato sapremo se Venezia-empoli 2-0 sarà stato solo un incidente di percorso.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here